Ridimensionare un disco permanente


Puoi aumentare le dimensioni del disco permanente quando l'istanza della macchina virtuale (VM) richiede spazio di archiviazione aggiuntivo o limiti di prestazioni più elevati. Puoi ridimensionare solo un disco permanente per aumentarne le dimensioni. Non è possibile ridurre la dimensione di un disco permanente.

Puoi ridimensionare i dischi in qualsiasi momento, anche se il disco è collegato a una VM in esecuzione.

Compute Engine gestisce l'hardware su dischi permanenti, in modo che tu possa aggiungere e ridimensionare i tuoi dischi senza gestire operazioni di rimozione o ridondanza.

Ridimensiona il disco

Le VM che utilizzano immagini pubbliche ridimensionano automaticamente i dischi di avvio. In tutti gli altri casi, dovrai ridimensionare manualmente il disco di avvio o i dischi non di avvio.

Per aumentare le dimensioni di un disco di avvio o non di avvio, procedi nel seguente modo:

Console

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Dischi.

    Vai a Dischi

  2. Nell'elenco dei dischi permanenti nel progetto, fai clic sul nome del disco che vuoi ridimensionare.

  3. Nella pagina dei dettagli del disco, fai clic su Modifica.

  4. Nel campo Dimensioni, inserisci le nuove dimensioni per il disco. I dischi con tabelle partizionate MBR possono ridimensionare solo fino a 2 TB.

  5. Fai clic su Salva per applicare le modifiche al disco.

gcloud

Nell'interfaccia a riga di comando gcloud, utilizza il comando disks resize e specifica il flag --size con le dimensioni del disco desiderate, in gigabyte.

gcloud compute disks resize DISK_NAME --size DISK_SIZE

Sostituisci quanto segue:

  • DISK_NAME: il nome del disco che stai ridimensionando.
  • DISK_SIZE: la nuova dimensione, in gigabyte, per il disco. I dischi con tabelle di partizione MBR possono ridimensionare solo fino a 2 TB.

API

Nell'API, crea una richiesta POST al metodo compute.disks.resize. Nel corpo della richiesta, specifica il parametro sizeGb e impostalo sulla dimensione del disco desiderata, in gigabyte.

POST https://compute.googleapis.com/compute/v1/projects/PROJECT_ID/zones/ZONE/disks/DISK_NAME/resize

{
 "sizeGb": "DISK_SIZE"
}

Sostituisci quanto segue:

  • PROJECT_ID: l'ID progetto.
  • ZONE: la zona in cui si trova il disco.
  • DISK_NAME: il nome del disco da ridimensionare.
  • DISK_SIZE: la nuova dimensione, in gigabyte, per il disco. I dischi con tabelle di partizione MBR possono ridimensionare solo fino a 2 TB.

Backup del disco

Il ridimensionamento di un disco non comporta l'eliminazione o la modifica dei dati del disco, ma come best practice, consigliamo sempre di eseguire il backup del disco creando uno snapshot prima di apportare modifiche al file system o alle partizioni.

Ridimensionare il file system e le partizioni

Dopo aver ridimensionato il disco, potresti dover ridimensionare il file system e le partizioni.

  • Disco di avvio: le VM che utilizzano immagini pubbliche ridimensionano automaticamente la partizione principale e il file system dopo aver ridimensionato il disco di avvio sulla VM e riavviata la VM. Se utilizzi un'immagine che non supporta questa funzionalità, devi ridimensionare manualmente la partizione principale e il file system.

  • Disco non di avvio: dopo aver ridimensionato il disco, devi estendere il file system sul disco per utilizzare lo spazio aggiuntivo.

L'esempio seguente mostra come ridimensionare manualmente la partizione radice e il file system di un disco di avvio, nonché come ridimensionare manualmente il file system di un disco dati non di avvio senza tabella di partizione.

Istanze Linux

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Istanze VM.

    Vai alle istanze VM

  2. Accanto all'istanza con il nuovo disco collegato, fai clic sul pulsante SSH. Il browser apre una connessione terminale all'istanza.

  3. Usa i comandi df e lsblk per elencare le dimensioni del file system e trovare i nomi dei dispositivi per i tuoi dischi.

    $ sudo df -Th
    
    Filesystem      Type     Size   Used  Avail  Use%  Mounted on
    /dev/sda1       ext4     9.7G   1.2G   8.5G   12%  /
    /dev/sdb        ext4     250G    60M   250G    1%  /mnt/disks/disk-1
    
    
    $ sudo lsblk
    
    NAME    MAJ:MIN RM  SIZE RO TYPE MOUNTPOINT
    sda       8:0    0   20G  0 disk
    └─sda1    8:1    0   10G  0 part /
    sdb       8:16   0  500G  0 disk /mnt/disks/disk-1
    
    

    L'esempio include i seguenti dischi:

    • Disco di avvio: la partizione /dev/sda1 si trova su un disco di avvio che è stato ridimensionato a 20 GB. La tabella delle partizioni e il file system forniscono al sistema operativo solo 9,7 GB.
    • Disco dati di avvio non riuscito: il disco dati /dev/sdb non di avvio non dispone di una tabella delle partizioni, ma il file system di quel disco fornisce al sistema operativo solo 250 GB. La directory di montaggio per questo disco è /mnt/disks/disk-1.

    Il comando df mostra che la partizione /dev/sda1 è montata come file system radice e il disco /dev/sdb è montato come disco dati non di avvio in /mnt/disks/disk-1. Prendi nota della colonna Tipo, che indica se il tuo disco utilizza un file system ext4 o xfs.

  4. Ridimensiona la partizione radice e il file system sul disco di avvio. Questo esempio presuppone che l'immagine VM non supporti la partizione radice automatica e il ridimensionamento del file system.

    1. Ridimensiona la partizione principale utilizzando parted. Ad esempio, il seguente comando parted in modalità interattiva espande la partizione 1 di /dev/sda alla dimensione massima possibile:

      sudo parted /dev/sda
      ...
      (parted) resizepart
      Partition number? 1
      Warning: Partition /dev/sda1 is being used. Are you sure you want to continue?
      Yes/No? y
      End?  [10.7GB]? 100%
      (parted) quit
      
    2. Sposta le strutture di dati GPT alla fine del disco per allineare la tabella GPT.

      sudo sgdisk --move-second-header /dev/sda
      
    3. Leggi la nuova tabella delle partizioni utilizzando partprobe.

      sudo partprobe /dev/sda
      
    4. Se utilizzi ext4, utilizza il comando resize2fs per estendere il file system:

      sudo resize2fs /dev/sda1
      
    5. Se utilizzi xfs, utilizza il comando xfs_growfs per estendere il file system:

      sudo xfs_growfs -d /
      
  5. Ridimensiona il file system sul disco dati non di avvio.

    1. Se utilizzi ext4, utilizza il comando resize2fs per estendere il file system:

      sudo resize2fs /dev/DEVICE_NAME
      

      Sostituisci DEVICE_NAME con il nome del dispositivo per il disco. In questo esempio, il nome del dispositivo è /dev/sdb.

    2. Se utilizzi xfs, utilizza il comando xfs_growfs per estendere il file system:

      sudo xfs_growfs MOUNT_DIR
      

      Sostituisci MOUNT_DIR con il punto di montaggio del dispositivo. Puoi trovare il punto di montaggio elencato nella colonna MOUNTPOINT nell'output del comando lsblk.

  6. Utilizza il comando df per verificare che il file system sia esteso. Ad esempio:

    df -h /dev/sdb
    
    Filesystem        Size  Used Avail Use% Mounted on
    /dev/sdb  493G   70M  492G   1% /mnt/disks/disk-1
    

Istanze Windows

Utilizza lo strumento Gestione del disco di Windows per ridimensionare le partizioni su un'istanza Windows.

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Istanze VM.

    Vai alle istanze VM

  2. Fai clic sul pulsante RDP accanto all'istanza che ha il disco ridimensionato. Il browser apre una connessione RDP all'istanza.

  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse sul pulsante Start di Windows e seleziona Gestione disco per aprire lo strumento di gestione del disco.

    Seleziona lo strumento Gestione dischi di Windows dal menu di scelta rapida sul pulsante Start di Windows.

  4. Aggiorna lo strumento Gestione disco in modo che riconosca lo spazio aggiuntivo sul disco permanente a livello di zona. Nella parte superiore della finestra Gestione disco, fai clic su Azione e seleziona Aggiorna.

    Facendo clic sul menu Azione e selezionando Aggiorna per aggiornare le informazioni sul disco permanente a livello di zona nello strumento Gestione disco.

  5. Sul disco che hai ridimensionato, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla partizione formattata e seleziona Estendi volume.

    Fai clic con il pulsante destro del mouse sulla parte formattata del disco e selezioni l'opzione Estendi volume.

  6. Segui le istruzioni della procedura guidata Estendi volume per estendere la partizione esistente e includere lo spazio su disco aggiuntivo. Se la partizione esistente è formattata in NTFS, la dimensione massima della partizione è limitata dalle impostazioni della dimensione del cluster.

  7. Dopo aver completato la procedura guidata e che il volume termina la formattazione, controlla la colonna Status nell'elenco dei dischi collegati per assicurarti che il nuovo disco abbia uno stato Healthy.

    Per visualizzare l'elenco dei dischi riconosciuti da Windows, verifica che l'istanza sia In stato con stato Integro.

Non è necessario riavviare l'istanza dopo aver completato questa procedura. Ora puoi utilizzare lo spazio su disco aggiunto per archiviare i dati.