Informazioni sugli SSD locali

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Compute Engine offre archiviazione a blocchi su unità a stato solido (SSD) locali sempre criptate per istanze di macchine virtuali (VM). Ogni SSD locale ha una dimensione di 375 GB, ma puoi collegare un massimo di 24 partizioni SSD locali per 9 TB per istanza. Facoltativamente, puoi formattare e montare più partizioni SSD locali in un unico volume logico.

A differenza dei dischi permanenti, gli SSD locali sono fisicamente collegati al server che ospita la tua istanza VM. Questo accoppiamento stretto offre prestazioni superiori, un numero elevato di operazioni di I/O al secondo e una latenza molto bassa rispetto ai dischi permanenti. Per maggiori dettagli, consulta Configurare i dischi per soddisfare i requisiti di prestazioni.

Gli SSD locali sono adatti solo per l'archiviazione temporanea, ad esempio cache, spazio di elaborazione o dati di scarso valore. Per archiviare dati di natura non temporanea o temporanea, utilizza una delle nostre opzioni di archiviazione a lungo termine.

Quando interrompi o sospendi una VM, tutti i dati sulla SSD locale vengono ignorati. Per arrestare o sospendere una VM con dischi SSD locali collegati, puoi utilizzare uno dei seguenti metodi. * Puoi arrestare o sospendere una VM con un SSD locale includendo l'opzione --discard-local-ssd nel comando gcloud compute instances stop. Questa opzione indica che i contenuti del disco SSD locale vengono eliminati quando la VM si arresta. Questo è l'approccio consigliato. * Puoi chiudere la VM dal sistema operativo guest.

Prima di arrestare o eliminare una VM con i dischi SSD locali, assicurati di eseguire la migrazione dei dati critici dal disco SSD locale a un disco permanente o a un'altra VM.

Se le unità SSD locali non soddisfano i tuoi requisiti di ridondanza o flessibilità, puoi utilizzarle insieme ad altre opzioni di archiviazione.

Capacità massima: 9 TB

Puoi creare un'istanza con:

  • 16 partizioni SSD locali per 6 TB di spazio SSD locale e prestazioni di 1,6 milioni di IOPS di lettura
  • 24 partizioni SSD locali per 9 TB di spazio SSD locale e prestazioni di 2,4 milioni di IOPS di lettura

Questa opzione è disponibile sulle istanze con tipi N1, N2, N2D e personalizzati. Per ottenere le massime prestazioni sulle macchine N1, seleziona un tipo di macchina con 32 o più vCPU. Per ottenere le massime prestazioni sulle macchine N2 e N2D, seleziona un tipo di macchina con 24 o più vCPU.

Tieni presente che la lettura e la scrittura su dischi SSD locali richiedono cicli di CPU dalla macchina virtuale. Per ottenere livelli IOPS elevati e coerenti, devi disporre di CPU gratuite per elaborare le operazioni di input e output. Per saperne di più, consulta Configurare i dischi per soddisfare i requisiti delle prestazioni.

persistenza dati SSD locale

Prima di creare un'istanza con un SSD locale, devi capire quali eventi mantengono i tuoi dati SSD locali e quali eventi possono causare il ripristino dei dati SSD locali.

I dati sugli SSD locali vengono mantenuti solo tramite i seguenti eventi:

  • Se riavvii il sistema operativo guest.
  • Se configuri l'istanza per la migrazione live e viene eseguita un evento di manutenzione dell'istanza,
  • Se il sistema host riscontra un errore host, Compute Engine tenta di riconnettersi alla VM e di preservare i dati SSD locali, ma potrebbe non riuscire. Se il tentativo ha esito positivo, la VM si riavvia automaticamente. Tuttavia, se il tentativo di riconnessione non riesce, la VM si riavvia senza i dati. Mentre Compute Engine recupera la VM e l'SSD locale, operazione che può richiedere fino a 60 minuti, il sistema host e l'unità sottostante non rispondono. Per configurare il comportamento delle istanze VM in caso di errore dell'host, consulta Impostazione dei criteri di disponibilità delle istanze.

I dati sugli SSD locali non vengono conservati per i seguenti eventi:

  • Se arresta il sistema operativo guest e forza l'arresto dell'istanza.
  • Se configuri l'istanza in modo che sia prerilasciabile e venga sottoposta al processo di prerilascio.
  • Se configuri l'istanza per l'arresto in caso di eventi di manutenzione dell'host e l'istanza viene sottoposta a un evento di manutenzione dell'host.
  • Se si verifica un errore relativo all'host nel sistema host e l'unità sottostante non recupera entro 60 minuti, Compute Engine non tenta di conservare i dati sull'SSD locale. Durante il ripristino da parte di Compute Engine della VM e dell'SSD locale, che può richiedere fino a 60 minuti, il sistema host e l'unità sottostante non rispondono.
  • Se hai configurato in modo errato l'unità SSD locale in modo che non sia raggiungibile.
  • Se disabiliti la fatturazione del progetto. L'istanza verrà arrestata e i tuoi dati andranno persi.

Scegliere un'interfaccia

Puoi connettere SSD locali alle tue VM tramite un'interfaccia NVMe o un'interfaccia SCSI. La maggior parte delle immagini pubbliche include driver NVMe e SCSI. Per le immagini pubbliche che supportano SCSI, l'opzione SCSI multicoda è abilitata. Per un elenco dettagliato, consulta la colonna Interfacce supportate nella documentazione sui dettagli del sistema operativo.

Considerazioni su NVME per le immagini personalizzate

La maggior parte delle immagini include un kernel con driver ottimizzati che consentono alla VM di ottenere le migliori prestazioni utilizzando NVMe. Le immagini Linux importate importate raggiungono le migliori prestazioni con NVMe se includono la versione del kernel 4.14.68 o successiva.

Considerazioni per SCSI per le immagini personalizzate

Se disponi di una configurazione esistente che richiede l'utilizzo di un'interfaccia SCSI, valuta la possibilità di utilizzare SCSI a più code per ottenere prestazioni migliori rispetto all'interfaccia SCSI standard. Se utilizzi un'immagine personalizzata che hai importato, consulta Abilitare SCSI multicoda.

Scegliere un numero valido di SSD locali

Se colleghi più SSD locali a una singola istanza VM, esistono limiti determinati per il numero di SSD locali che puoi collegare, in base al tipo di macchina dell'istanza VM. A seconda del tipo di macchina della VM, puoi collegare da 1 a 8, 16 o 24 SSD locali a una singola VM. Per saperne di più, consulta Limitazioni relative ai tipi di macchine e SSD locali.

Prestazioni

Le prestazioni degli SSD locali dipendono molto dall'interfaccia selezionata. Le unità SSD locali sono disponibili tramite le interfacce SCSI e NVMe. Se scegli di utilizzare NVMe, devi utilizzare un'immagine speciale abilitata per NVMe per ottenere le migliori prestazioni. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina Selezionare le interfacce NVMe o SCSI.

Per raggiungere i limiti di prestazioni massimi con un tipo di macchina N1, utilizza almeno 32 vCPU. Per raggiungere i limiti massimi di prestazioni su un tipo di macchina N2, N2D o A2, utilizza 24 o più vCPU.

NVMe

Spazio di archiviazione (GB) Partizioni IOPS Velocità effettiva
(MB/s)
Lettura Scrittura Lettura Scrittura
375 1 170.000 90.000 660 350
750 2 340.000 180.000 1.320 700
1.125 3 510.000 270.000 1980 1.050
1500 4 680.000 360.000 2650 1.400
1.875 5 680.000 360.000 2650 1.400
2250 6 680.000 360.000 2650 1.400
2625 7 680.000 360.000 2650 1.400
3000 8 680.000 360.000 2650 1.400
6000 16 1.600.000 800.000 6.240 3120
9000 24 2.400.000 1.200.000 9360 4.680

SCSI

Spazio di archiviazione (GB) Partizioni IOPS Velocità effettiva
(MB/s)
Lettura Scrittura Lettura Scrittura
375 1 100.000 70.000 390 270
750 2 200.000 140.000 780 550
1.125 3 300.000 210.000 1.170 820
1500 4 400.000 280.000 1.560 1.090
1.875 5 400.000 280.000 1.560 1.090
2250 6 400.000 280.000 1.560 1.090
2625 7 400.000 280.000 1.560 1.090
3000 8 400.000 280.000 1.560 1.090
6000 16 900.000 800.000 6.240 3120
9000 24 900.000 800.000 9360 4.680

Le IOPS di lettura e scrittura dovrebbero essere inferiori del 20% sulle VM con tipi di macchine N2D, rispetto alle VM con tipi di macchine N1, N2 o A2.

Ottimizzazione delle prestazioni SSD locali

Esistono diverse impostazioni di configurazione di VM e dischi che possono migliorare le prestazioni degli SSD locali. Per saperne di più, consulta la sezione Ottimizzazione delle prestazioni SSD locali.