Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Utilizza il tuo IP

Puoi inserire i tuoi indirizzi IP (BYOIP) in Google Cloud. Dopo aver convalidato che l'intervallo IP è di tua proprietà e che gli indirizzi IP sono stati importati in Google Cloud, puoi assegnarli a risorse supportate.

La migrazione live ti consente di controllare quando Google inizia i percorsi pubblicitari per il tuo prefisso. La migrazione live non è disponibile per impostazione predefinita. Per richiedere l'accesso, contatta il tuo rappresentante di Google Cloud.

Ruoli

L'amministratore dell'IP pubblico di Compute (roles/compute.publicIpAdmin) fornisce le autorizzazioni necessarie per eseguire le attività in questa guida.

Prima di iniziare

  • Per portare i tuoi indirizzi IP in Google Cloud è necessaria una pianificazione accurata. Leggi il documento Bring your own IP per informazioni sulla pianificazione.

  • Prendi in considerazione l'utilizzo di un'organizzazione e la creazione di un progetto dedicato per la gestione degli indirizzi BYOIP. Per ulteriori informazioni, consulta Architettura del progetto.

  • Verifica che nessuna parte del prefisso che vuoi importare sia già pubblicizzata pubblicamente. In questo caso, devi utilizzare la migrazione live.

Limitazioni

  • Il provisioning di un prefisso annunciato pubblicamente richiede fino a quattro settimane. Non è possibile accelerare il provisioning.

  • Possono essere necessarie fino a quattro settimane per eseguire il provisioning di un prefisso delegato pubblico se il prefisso ha un prefisso pubblico pubblicizzato pubblicamente. Non è possibile accelerare il provisioning.

    L'attesa non si applica ai prefissi secondari, che sono prefissi delegati pubblici con un prefisso prefisso pubblico delegato.

  • I prefissi pubblicizzati pubblicamente possono avere dimensioni comprese tra /16 e /24.

  • I prefissi delegati pubblici possono avere dimensioni comprese tra /17 e /28.

  • Quando crei un prefisso delegato pubblico, non puoi configurarlo con la stessa dimensione del prefisso del dominio pubblico pubblicizzato. Ad esempio, se il prefisso annunciato pubblicamente è /24, il prefisso delegato pubblico deve essere /25 o inferiore.

  • Un prefisso delegato pubblico può essere sottodelegato fino a tre volte da un prefisso pubblicizzato pubblicamente.

  • Quando crei indirizzi da un prefisso delegato pubblico, il gruppo di indirizzi può avere dimensioni comprese tra /17 e /28. Non puoi creare un gruppo più ridotto di indirizzi, ad esempio un singolo indirizzo /32.

  • Se utilizzi indirizzi IP pubblici utilizzati privatamente nella tua rete VPC, i prefissi importati non devono sovrapporsi a questi indirizzi IP. Non utilizzare prefissi importati come indirizzi IP pubblici utilizzati privatamente.

  • L'importazione di indirizzi IPv6 non è supportata.

  • La migrazione in tempo reale non è supportata per i prefissi delegati pubblici con ambito globale. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina sulla migrazione live.

Supporto per gli indirizzi BYOIP

Gli indirizzi BYOIP sono indirizzi IP esterni statici e possono essere utilizzati con la maggior parte delle risorse che supportano gli indirizzi IP esterni statici. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni:

  • Cloud VPN non supporta l'uso di indirizzi BYOIP.

  • Il VPC condiviso non supporta la creazione di indirizzi BYOIP nei progetti di servizio. Puoi creare indirizzi BYOIP nei progetti host con VPC condiviso e utilizzare gli indirizzi IP dei progetti host nei progetti di servizio.

  • I nodi e i pod di Google Kubernetes Engine non supportano gli indirizzi BYOIP; tuttavia, puoi utilizzare gli indirizzi BYOIP per creare regole di forwarding esterno utilizzate con il bilanciamento del carico HTTP(S) esterno di GKE.

  • I gruppi di istanze gestite (MIG) non supportano gli indirizzi BYOIP perché gli indirizzi IP delle VM MIG vengono allocati automaticamente.

Convalidare la proprietà del prefisso

Quando crei un prefisso annunciato pubblicamente, devi completare due attività che consentono a Google di convalidare la tua proprietà di questo prefisso:

  • Creazione di un'autorizzazione di origine del percorso (ROA) per il prefisso.
  • Creazione di un record PTR per un indirizzo IP nel prefisso.

I dettagli di queste attività di convalida sono descritti nelle sezioni seguenti.

Una volta completata la convalida, possono essere necessarie fino a quattro settimane per il completamento della configurazione del prefisso annunciato pubblicamente.

Crea una richiesta di ROAS

Per dimostrare di avere la proprietà di un prefisso, crea una richiesta di autorizzazione dell'origine del percorso (ROA).

Presenta una richiesta ROA al tuo registro regionale per il prefisso che vuoi che Google pubblicizzi. La richiesta include il prefisso, la lunghezza del prefisso e l'ASN di Google: 396982.

Ti consigliamo di inviare un'altra richiesta di ROAS dinamico per lo stesso prefisso e la stessa lunghezza del prefisso, ma utilizzando il tuo ASN come origine. Se devi pubblicizzare anche il prefisso, il ROA con il tuo ASN impedisce alle reti che utilizzano l'infrastruttura a chiave pubblica (RPKI) di una risorsa di considerare non valido il prefisso perché è pubblicizzato anche con l'ASN di origine di Google.

Il ROA per questo prefisso deve esistere e puntare all'ASN di Google dal momento in cui crei il prefisso annunciato pubblicamente fino a quando non vuoi più che Google pubblicizzi questo prefisso.

Il tuo registro Internet locale locale elabora le richieste ROA. Per ulteriori informazioni, visita il link per la tua località.

  • AFRINIC (Africa)
  • APNIC (parti di Asia e Oceania)
  • ARIN (Nord America e alcune isole caraibiche)
  • LACNIC (America Latina)
  • RIPE NCC (Europa, Asia centrale, Medio Oriente)

Creare un prefisso annunciato pubblicamente

Crea un prefisso annunciato pubblicamente per il prefisso da visualizzare su Google.

Non è possibile modificare un nome di prefisso annunciato pubblicamente senza eliminare e ricreare la risorsa. Per questo motivo, ti consigliamo di creare nomi facili da gestire. Ad esempio, pap-203-0-113-0-24, dove pap indica il tipo di risorsa, mentre 203-0-113-0-24 indica il prefisso e la lunghezza del prefisso specifici.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic su Aggiungi PAP.

  3. In Nome, inserisci un nome per il prefisso annunciato pubblicamente.

  4. In Descrizione, inserisci una descrizione facoltativa per il prefisso pubblicizzato pubblicamente.

  5. In Prefisso, inserisci il prefisso da importare.

  6. Fai clic su Avanti.

  7. Rivedi le informazioni che hai inserito. Fai clic su Conferma per confermare che il prefisso è di tua proprietà.

  8. In Indirizzo IP, inserisci un indirizzo IP dal prefisso che stai aggiungendo. Questo indirizzo IP viene utilizzato per la convalida del DNS.

  9. Fai clic su Crea.

  10. La schermata Convalida mostra lo stato di convalida della richiesta.

gcloud

Crea un prefisso annunciato pubblicamente.

gcloud compute public-advertised-prefixes create PAP_NAME \
    --range=PAP_IP_RANGE] \
    --dns-verification-ip=VERIFICATION_IP_ADDRESS \
    [--description=PAP_DESCRIPTION]

Sostituisci quanto segue:

  • PAP_NAME: nome del prefisso annunciato pubblicamente che stai creando.

  • PAP_IP_RANGE: intervallo IP per il prefisso annunciato pubblicamente.

  • VERIFICATION_IP_ADDRESS: indirizzo IP scelto tra PAP_IP_RANGE" per la verifica DNS.

  • PAP_DESCRIPTION: descrizione facoltativa del prefisso annunciato pubblicamente.

Per ulteriori informazioni, consulta il riferimento gcloud compute public-advertised-prefixes create.

Trova il nome da utilizzare per il record PTR

Quando crei un prefisso annunciato pubblicamente, Google genera un nome che puoi utilizzare come nome host per il passaggio di convalida PTR.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic su Verifica stato per il prefisso da aggiornare.

  3. Il nome e l'indirizzo IP da utilizzare per la convalida PTR vengono visualizzati nella sezione Convalida DNS.

gcloud

  1. Recupera il nome dal campo sharedSecret.

    gcloud compute public-advertised-prefixes describe \
        PAP_NAME --format='value(sharedSecret)'
    
  2. Se necessario, puoi recuperare l'indirizzo IP che hai fornito per la convalida DNS.

    gcloud compute public-advertised-prefixes describe \
        PAP_NAME --format='value(dnsVerificationIp)'
    

    In entrambi i comandi, sostituisci quanto segue:

    • PAP_NAME: il nome del prefisso annunciato pubblicamente.

Crea il record PTR

Nel server DNS, aggiungi un record PTR utilizzando il nome che Google ha fornito come nome host. Se utilizzi Cloud DNS per questo indirizzo IP, consulta la sezione Aggiungere un record.

Ad esempio, se importi il prefisso 203.0.113.0/24, il tuo indirizzo IP di verifica è 203.0.113.144 e il nome fornito da Google è 55kk88tt00, il record PTR obbligatorio avrebbe il seguente aspetto:

$ dig +noall +answer -x 203.0.113.144

144.113.0.203.in-addr.arpa. 21599 IN PTR 55kk88tt99.example.net

Convalida il record PTR

Dopo aver creato il record PTR, aggiorna il prefisso annunciato pubblicamente per attivare la convalida del record PTR.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic su Verifica stato per il prefisso da aggiornare.

  3. Nella sezione Convalida DNS, seleziona la casella di controllo Ho creato questo record PTR e fai clic su Convalida.

gcloud

Cambia lo stato del prefisso annunciato pubblicamente in PTR-CONFIGURED.

La modifica dello stato attiva la convalida del record PTR. In caso di esito positivo, lo stato cambia in VALIDATED. In caso di errore, lo stato cambia in REVERSE_DNS_LOOKUP_FAILED.

gcloud compute public-advertised-prefixes update PAP_NAME --status=PTR-CONFIGURED

Sostituisci quanto segue:

  • PAP_NAME: il prefisso annunciato pubblicamente per il quale hai creato un record PTR.

Verifica lo stato di un prefisso annunciato pubblicamente

Il provisioning del prefisso annunciato pubblicamente richiede fino a quattro settimane. Puoi controllare lo stato per verificare se il provisioning è stato completato.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic su Verifica stato in corrispondenza del prefisso che vuoi controllare.

  3. Visualizza la sezione Convalida.

gcloud

Descrivi il prefisso annunciato pubblicamente per conoscere lo stato.

Dopo la convalida del prefisso, il campo dello stato cambia da VALIDATED a PREFIX_CONFIGURATION_COMPLETE.

gcloud compute public-advertised-prefixes describe PAP_NAME --format='value(status)'

Sostituisci quanto segue:

  • PAP_NAME: il prefisso annunciato pubblicamente per il quale vuoi ottenere informazioni sullo stato.

Creare prefissi delegati pubblici

Puoi delegare i prefissi prima del completamento della creazione del prefisso annunciato pubblicamente. I processi per il provisioning del prefisso annunciato pubblicamente e del prefisso delegato pubblico richiedono fino a quattro settimane.

Un nome prefisso pubblico delegato non può essere modificato senza eliminare e ricreare la risorsa. Per questo motivo, ti consigliamo di creare nomi facili da gestire. Ad esempio, pdp-203-0-113-0-25, dove pdp indica il tipo di risorsa, mentre 203-0-113-0-25 indica il prefisso e la lunghezza del prefisso specifici.

Se utilizzi la migrazione in tempo reale, tutti i prefissi delegati pubblici in un determinato prefisso annunciato pubblicamente devono essere creati con la migrazione in tempo reale attivata per evitare che il prefisso annunciato pubblicamente venga pubblicizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina sulla migrazione live. Il prefisso delegato pubblico deve essere creato con un ambito a livello di regione. Per ulteriori informazioni, consulta i consigli per la migrazione live. Prima di creare il prefisso delegato pubblico, assicurati che la migrazione del progetto sia abilitata.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic sul prefisso annunciato pubblicamente che vuoi delegare.

  3. Fai clic su Crea PDP.

  4. In Nome, inserisci un nome per il prefisso delegato pubblico,

  5. In Descrizione, inserisci una descrizione facoltativa per il prefisso delegato pubblico.

  6. Seleziona una lunghezza prefisso per il prefisso delegato pubblico.

  7. Seleziona Indirizzi IP per il prefisso delegato pubblico.

  8. Seleziona un Ambito per il prefisso delegato pubblico.

  9. Seleziona un progetto per il prefisso delegato pubblico.

  10. Fai clic su Crea.

gcloud

Crea un prefisso delegato pubblico.

gcloud compute public-delegated-prefixes create PDP_NAME \
    --public-advertised-prefix=PAP_NAME \
    --range=PDP_IP_RANGE \
    [--description=PDP_DESCRIPTION] \
    [--enable-live-migration]
    [--global | --region=PDP_REGION]

Sostituisci quanto segue:

  • PDP_NAME: il nome da utilizzare per il prefisso delegato pubblico che stai creando.

  • PAP_NAME: il nome del prefisso annunciato pubblicamente da utilizzare per creare il prefisso delegato pubblico.

  • PDP_IP_RANGE: l'intervallo IP da utilizzare per creare il prefisso delegato pubblico.

  • PDP_DESCRIPTION: una descrizione facoltativa del prefisso delegato pubblico.

  • PDP_REGION: l'area geografica in cui vuoi utilizzare gli indirizzi del prefisso delegato pubblico.

Per ulteriori informazioni, consulta il riferimento gcloud compute public-delegated-prefixes create.

Verifica lo stato di un prefisso delegato pubblico

Possono essere necessarie fino a quattro settimane prima che Google inizi ad annunciare i prefissi. Quando viene creato per la prima volta il prefisso delegato pubblico, lo stato è INITIALIZING.

Lo stato del prefisso delegato pubblico diventa ANNOUNCED quando la configurazione è completata.

Se il prefisso delegato pubblico è stato creato con la migrazione live attivata, lo stato cambia in READY_TO_ANNOUNCE al termine della configurazione. Con la migrazione live, il prefisso non viene annunciato finché non avvii la pubblicità del prefisso.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. La colonna Stato mostra lo stato di tutti i prefissi delegati pubblici.

gcloud

Descrivi il prefisso delegato pubblico per ottenere lo stato.

gcloud compute public-delegated-prefixes describe PDP_NAME \
    [--global | --region=PDP_REGION] \
    --format='value(status)'

Sostituisci quanto segue:

  • PDP_NAME: il prefisso delegato pubblico o il prefisso secondario per il quale vuoi ottenere informazioni.

  • PDP_REGION: l'area geografica del prefisso delegato o del prefisso secondario pubblico.

Creare prefissi secondari

Puoi suddividere un prefisso delegato pubblico in intervalli IP più piccoli creando un prefisso secondario. Un prefisso secondario è un prefisso delegato pubblico che ha un prefisso pubblico delegato delegato.

Il nome di un prefisso non può essere modificato senza eliminare e ricreare la risorsa. Per questo motivo, ti consigliamo di creare nomi facili da gestire. Ad esempio, sub-203-0-113-0-28, dove sub indica il tipo di risorsa, mentre 203-0-113-0-28 indica il prefisso e la lunghezza del prefisso specifici.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic sul prefisso delegato pubblico che vuoi suddividere.

  3. Fai clic su Crea prefisso secondario.

  4. Inserisci un Nome e una Descrizione facoltativa per il prefisso.

  5. Seleziona una lunghezza prefisso per il prefisso.

  6. Seleziona Indirizzi IP per il prefisso secondario.

  7. Seleziona un progetto per il prefisso secondario. Gli indirizzi IP vengono resi disponibili solo in questo progetto.

  8. Fai clic su Crea.

gcloud

Crea un prefisso secondario da un prefisso delegato pubblico.

gcloud compute public-delegated-prefixes \
  delegated-sub-prefixes \
  create SUB_PREFIX_NAME \
  --range=SUB_PREFIX_RANGE
  --public-delegated-prefix=PDP_NAME \
  --public-delegated-prefix-region=PDP_REGION

Sostituisci quanto segue:

  • SUB_PREFIX_NAME: un nome per il prefisso che stai creando.

  • SUB_PREFIX_RANGE: l'intervallo IP del prefisso secondario che stai creando.

  • PDP_NAME: il prefisso delegato pubblico principale o il prefisso secondario che contiene il prefisso secondario che stai creando.

  • PDP_REGION: la regione del prefisso delegato pubblico o il prefisso secondario che contiene il prefisso che stai creando.

Per ulteriori informazioni, consulta il riferimento gcloud compute public-delegated-prefixes delegated-sub-prefixes create.

Crea indirizzi IP

Quando crei indirizzi da un prefisso o prefisso secondario pubblico, non puoi suddividere ulteriormente il prefisso.

Gli indirizzi IP creati da un prefisso o delegato secondario pubblico sono indirizzi IP esterni statici e possono essere a livello di regione o globale. Tutti gli indirizzi IP nel prefisso o prefisso secondario pubblico sono resi disponibili; non esiste un indirizzo di rete o un indirizzo di trasmissione riservato. Ad esempio, se crei indirizzi IP da un prefisso o indirizzo secondario pubblico /28, vengono create 16 risorse indirizzo IP.

Puoi elencare tutti gli indirizzi IP esterni statici. Questo elenco include gli indirizzi IP inseriti in Google Cloud e gli indirizzi IP forniti da Google.

Gli indirizzi BYOIP vengono creati con nomi in un formato coerente. Ad esempio, all'app 203.0.113.144 viene assegnato il nome address-203-0-113-144.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic sul prefisso delegato pubblico o secondario in cui vuoi creare gli indirizzi IP.

  3. Fai clic su Crea indirizzi.

  4. Seleziona la lunghezza del prefisso.

  5. Seleziona gli indirizzi IP che vuoi creare.

  6. Fai clic su Crea indirizzi.

gcloud

Crea indirizzi IP da un prefisso o prefisso secondario pubblico.

gcloud compute public-delegated-prefixes \
  delegated-sub-prefixes \
  create ADDRESSES_NAME \
  --create-addresses \
  --public-delegated-prefix=PDP_NAME \
  --public-delegated-prefix-region=PDP_REGION

Sostituisci quanto segue:

  • ADDRESSES_NAME: un nome per il gruppo di indirizzi che stai creando.

  • PDP_NAME: il prefisso delegato pubblico o il prefisso per cui stai creando indirizzi IP.

  • PDP_REGION: regione del prefisso delegato pubblico o del prefisso per cui stai creando indirizzi IP.

Per ulteriori informazioni, consulta il riferimento gcloud compute public-delegated-prefixes delegated-sub-prefixes create.

Prefissi elenco

Puoi elencare tutti i prefissi pubblici pubblici e i prefissi delegati pubblici (inclusi i prefissi secondari) in un progetto.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Vengono visualizzati tutti i prefissi pubblici, i prefissi delegati pubblici e i prefissi secondari.

gcloud

  • Per elencare i prefissi pubblicizzati, utilizza questo comando:

    gcloud compute public-advertised-prefixes list
    

    L'output è simile al seguente:

    NAME                RANGE           DNS_VERIFICATION_IP  STATUS
    pap-203-0-113-0-24  203.0.113.0/24  203.0.113.0          PTR_CONFIGURED
    
  • Per elencare i prefissi delegati pubblici, inclusi i prefissi secondari, utilizza questo comando.

    gcloud compute public-delegated-prefixes list
    

    L'output è simile al seguente:

    NAME                   LOCATION     PARENT_PREFIX         RANGE            STATUS
    pdp-203-0-113-0-25     global       pap-203-0-113-0-24    203.0.113.0/25   ANNOUNCED
    sub-203-0-113-0-26     global       pdp-203-0-113-0-25    203.0.113.0/26   ANNOUNCED

Eliminare un prefisso annunciato pubblicamente

Puoi eliminare un prefisso annunciato pubblicamente se non è in uso. L'eliminazione richiede fino a quattro settimane. Una volta avviato il processo di eliminazione, non potrai più modificare il prefisso annunciato pubblicamente.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Seleziona il prefisso annunciato pubblicamente che vuoi eliminare e fai clic su Elimina prefisso.

gcloud

Elimina il prefisso annunciato pubblicamente.

gcloud compute public-advertised-prefixes delete PAP_NAME \
    [--global]

Puoi verificare che la rimozione sia in sospeso controllando lo stato del prefisso annunciato pubblicamente. Lo stato è PREFIX_REMOVAL_IN_PROGRESS fino all'eliminazione del prefisso annunciato pubblicamente.

Eliminare un prefisso delegato o un prefisso secondario pubblico

Puoi eliminare un prefisso delegato o un prefisso secondario pubblico se tutti gli indirizzi IP nel prefisso non sono assegnati alle risorse; in altre parole, gli indirizzi IP non sono assegnati. Quando elimini un prefisso, vengono eliminati anche tutti gli indirizzi IP associati.

Se il prefisso principale è un prefisso annunciato pubblicamente, l'eliminazione richiede fino a quattro settimane. Una volta avviato il processo di eliminazione, non potrai più modificare il prefisso delegato pubblico.

Se il prefisso principale è un prefisso delegato pubblico (ovvero se il prefisso è un prefisso secondario), l'eliminazione avviene immediatamente.

Dopo che l'eliminazione è stata completata, l'intervallo IP del delegato pubblico eliminato è disponibile nel prefisso annunciato pubblicamente e può essere delegato a un nuovo prefisso delegato pubblico.

Console

  1. In Google Cloud Console, vai a Aggiungi il tuo indirizzo IP.

    Vai a Bring Your Own IP

  2. Fai clic sul prefisso delegato pubblico che vuoi eliminare e poi su Elimina.

gcloud

Usa il comando gcloud compute public-delegated-prefixes delete per eliminare un prefisso delegato pubblico o un prefisso secondario.

gcloud compute public-delegated-prefixes delete PDP_NAME \
    [--global | --region=PDP_REGION] \
    [--project=PROJECT_NAME ]

Se il prefisso è stato delegato a un altro progetto da questo progetto, utilizza il flag --project con il comando gcloud compute public-delegated-prefixes delete per specificare il progetto in cui si trova il prefisso.

In alternativa, puoi utilizzare questo comando per eliminare un prefisso delegato a un altro progetto senza doverlo includere nel comando.

gcloud compute public-delegated-prefixes \
    delegated-sub-prefixes \
    delete SUB_PREFIX_NAME \
    --public-delegated-prefix=PARENT_PDP_NAME \
    [--global-public-delegated-prefix | --public-delegated-prefix-region=PDP_REGION]

Utilizzare la migrazione live

La migrazione live deve essere pianificata con attenzione. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina sulla migrazione live.

Inizia pubblicità prefisso

Se hai creato tutti i prefissi delegati pubblici con la migrazione live attivata, puoi scegliere quando iniziare a pubblicizzare il prefisso annunciato pubblicamente dal publisher principale.

Quando tutto è pronto per comunicare a Google il prefisso annunciato pubblicamente, apporta una di queste modifiche di configurazione. Entrambe le modifiche fanno sì che il prefisso annunciato pubblicamente venga pubblicizzato su Internet:

  • Configura una risorsa con un indirizzo BYOIP. Ad esempio, crea un'istanza Compute, Cloud NAT o una regola di forwarding di Cloud Load Balancing.

  • Crea un prefisso delegato pubblico all'interno del prefisso pubblicizzato pubblicamente senza attivare la migrazione in tempo reale.

Se una di queste modifiche viene apportata, il prefisso delegato pubblico associato viene immediatamente pubblicizzato sulla rete di Google e l'intero prefisso pubblicizzato pubblicamente dal publisher principale viene pubblicizzato sui nostri peer su Internet.

Una volta completata la migrazione live, contatta il tuo rappresentante Google Cloud in modo che possa disattivare la migrazione live per il tuo prefisso. Per impostazione predefinita, la migrazione in tempo reale è disattivata 30 giorni dopo l'inizio della pubblicità del prefisso annunciato pubblicamente. Se è necessario che l'opzione di migrazione live sia disponibile per più di 30 giorni, contatta il tuo rappresentante Google Cloud.

Ritira pubblicità con prefisso

Se devi ritirare l'annuncio, riconfigura le risorse in modo che nessuna risorsa utilizzi indirizzi IP compresi nell'intervallo IP del prefisso annunciato pubblicamente. Dopo l'annullamento dell'assegnazione di tutti gli indirizzi IP alle risorse, i prefissi delegati pubblici vengono ritirati dalla rete di Google e il prefisso annunciato pubblicamente viene ritirato da Internet.

Per ritirare la pubblicità di un prefisso annunciato pubblicamente, devi assicurarti quanto segue:

  • Tutti i prefissi delegati pubblici all'interno del prefisso annunciato pubblicamente vengono creati con la migrazione live attivata.

  • Nessun indirizzo IP compreso nell'intervallo del prefisso annunciato pubblicamente viene assegnato alle risorse.

Passaggi successivi