Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Vincoli dei criteri dell'organizzazione per i log di flusso VPC

Questa pagina fornisce informazioni sui vincoli dei criteri dell'organizzazione che puoi configurare per i log di flusso VPC.

Gli amministratori possono abilitare o disabilitare i log di flusso VPC. Per impostazione predefinita, non vengono imposti vincoli per l'abilitazione o la disattivazione dei log di flusso VPC.

Un amministratore dei criteri dell'organizzazione può utilizzare il vincolo constraints/compute.requireVpcFlowLogs per richiedere l'abilitazione dei log di flusso VPC per tutte le subnet nell'ambito del criterio con una frequenza di campionamento specificata. Il criterio viene applicato durante la creazione di subnet o l'aggiornamento della configurazione dei log di flusso VPC sulle subnet. Le subnet preesistenti non vengono interessate se le relative configurazioni dei log di flusso VPC non vengono aggiornate.

Prima di iniziare

Autorizzazioni IAM

L'entità che crea i vincoli deve avere il ruolo Amministratore criteri di organizzazione (roles/orgpolicy.policyAdmin).

Le entità che visualizzano i vincoli devono disporre dell'autorizzazione orgpolicy.policy.get per la risorsa appropriata. Ad esempio, il ruolo Visualizzatore criteri organizzazione (roles/orgpolicy.policyViewer) include l'autorizzazione orgpolicy.policy.get.

Sfondo criteri dell'organizzazione

Se non hai mai lavorato con vincoli di criteri dell'organizzazione, consulta le seguenti pagine:

Pianificare i vincoli

Puoi creare vincoli ai seguenti livelli della gerarchia di risorse:

  • Organizzazione
  • Cartella
  • Progetto

Per impostazione predefinita, un vincolo creato in un nodo viene ereditato da tutti i nodi figlio. Tuttavia, un amministratore dei criteri dell'organizzazione per una determinata cartella può decidere se una determinata cartella eredita le cartelle principali, pertanto l'ereditarietà non è automatica. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Ereditarietà in Informazioni sulla valutazione della gerarchia.

Frequenza di campionamento per i log di flusso VPC

Puoi utilizzare il vincolo constraints/compute.requireVpcFlowLogs per assicurarti che le seguenti frequenze di esempio siano configurate nelle subnet.

Valore del criterio Frequenza di campionamento
ESSENTIAL Maggiore o uguale a 0,1 (10%) e inferiore a 0,5 (50%)
LIGHT Maggiore o uguale a 0,5 (50%) e inferiore a 1,0 (100%)
COMPREHENSIVE Uguale a 1,0 (100%)

Questi valori dei criteri possono essere combinati. Consulta la seguente tabella per vedere alcuni esempi.

Frequenza di campionamento Valori da includere nel vincolo
Almeno 0,1 (10%) ESSENTIAL, LIGHT e COMPREHENSIVE
Almeno 0,5 (50%) LIGHT e COMPREHENSIVE
1 (100%) COMPREHENSIVE

Configurare il vincolo Log di flusso VPC

Console

Per ulteriori informazioni sulla configurazione di un vincolo utilizzando Google Cloud Console, consulta la sezione Personalizzazione dei criteri per i vincoli degli elenchi.

  1. Vai alla pagina di criteri Richiedi criteri predefiniti per i log di flusso VPC in Google Cloud Console:

    Vai ai criteri dell'organizzazione

  2. Fai clic su Modifica.

  3. Nella pagina Modifica, seleziona un valore per Si applica a:

    • Eredita criterio di padre: se stai configurando criteri per un progetto o una cartella, il criterio dell'ambito principale viene ereditato. Se stai configurando criteri per un'organizzazione, il criterio non è attivato.

    • Predefinito gestito da Google: disattiva il criterio, anche se è abilitato nell'ambito dell'ambito principale.

    • Personalizza: consente di attivare e configurare il criterio per tutte le subnet nell'ambito attuale.

  4. Per Applicazione delle norme, seleziona Sostituisci.

    L'opzione Unisci con padre non è consentita per i log di flusso VPC.

  5. Nella sezione Regole, fai clic su Aggiungi regola.

  6. In Valori dei criteri, seleziona Personalizzato.

    Non sono consentiti altri valori per i log di flusso VPC.

  7. Per Tipo di criterio, seleziona Consenti.

  8. Nella sezione Valori personalizzati, inserisci uno dei valori che rappresentano la frequenza di campionamento che vuoi configurare.

    Se devi specificare più di un valore per configurare la frequenza di campionamento desiderata, fai clic su Nuovo valore del criterio e inserisci il valore successivo. Ripeti la procedura se devi specificare un terzo valore.

  9. Fai clic su Salva.

gcloud

Per ulteriori informazioni sulla configurazione di un vincolo utilizzando Google Cloud CLI, consulta Configurare l'applicazione delle risorse dell'organizzazione.

  1. Ottieni il criterio attuale sulla risorsa dell'organizzazione utilizzando il comando describe. Questo comando restituisce il criterio applicato direttamente a questa risorsa. Se un criterio non è impostato, il comando restituisce un errore NOT_FOUND.

    gcloud org-policies describe \
        compute.requireVpcFlowLogs \
        [ --organization=ID | --folder=ID | --project=ID ]
    

    Sostituisci quanto segue:

    • ID: l'ID dell'organizzazione, della cartella o del progetto a cui vuoi applicare il vincolo.
  2. Imposta il criterio sull'organizzazione utilizzando il comando set-policy. Questo comando sovrascrive qualsiasi criterio attualmente associato alla risorsa.

    1. Crea un file temporaneo /tmp/policy.yaml per l'archiviazione del criterio:

       name: RESOURCE_TYPE/ID/policies/compute.requireVpcFlowLogs
       spec:
         rules:
         - values:
             allowedValues:
             - POLICY_VALUES
       

      Sostituisci quanto segue:

      • RESOURCE_TYPE: il tipo di risorsa a cui vuoi applicare il criterio. Le opzioni valide sono organizations, folders o projects.

      • ID: l'ID dell'organizzazione, della cartella o del progetto a cui vuoi applicare il vincolo.

      • POLICY_VALUES: i valori che rappresentano la frequenza di campionamento che vuoi configurare. Puoi combinare più valori. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Campioni di campionamento per i log di flusso VPC.

      Questo vincolo di esempio richiede una frequenza di campionamento di almeno il 10% a livello di organizzazione:

      name: organizations/ID/policies/compute.requireVpcFlowLogs
      spec:
       rules:
       - values:
           allowedValues:
           - ESSENTIAL
           - LIGHT
           - COMPREHENSIVE
      

      Questo vincolo di esempio richiede una frequenza di campionamento di almeno il 50% a livello di organizzazione:

      name: organizations/ID/policies/compute.requireVpcFlowLogs
      spec:
       rules:
       - values:
           allowedValues:
           - LIGHT
           - COMPREHENSIVE
      
      

      Questo vincolo di esempio richiede una frequenza di campionamento del 100% a livello di organizzazione:

      name: organizations/ID/policies/compute.requireVpcFlowLogs
      spec:
       rules:
       - values:
           allowedValues:
           - COMPREHENSIVE
      
    2. Esegui il comando set-policy:

       gcloud org-policies set-policy /tmp/policy.yaml
       

  3. Visualizza il criterio effettivo applicato mediante describe --effective. Questo comando restituisce il criterio dell'organizzazione così come viene valutato in questo punto della gerarchia delle risorse con l'ereditarietà inclusa.

    gcloud org-policies describe \
        compute.requireVpcFlowLogs --effective \
        [ --organization=ID | --folder=ID | --project=ID ]
    

Effetti dell'impostazione di un requisito per i log di flusso VPC

Se configuri un criterio dell'organizzazione con il vincolo constraints/compute.requireVpcFlowLogs, potresti riscontrare errori se crei una subnet o aggiorni la configurazione dei log di flusso VPC di una subnet esistente e questa non soddisfa i requisiti del criterio.

Se visualizzi errori, potresti dover sapere come è configurato il vincolo per poter creare una configurazione valida. Se non disponi di autorizzazioni IAM sufficienti per visualizzare il vincolo, contatta l'amministratore dell'organizzazione.

Le subnet create prima dell'impostazione del criterio non sono interessate dal criterio, a condizione che la configurazione dei log di flusso VPC non sia aggiornata.

Effetti sulla creazione delle subnet

Quando crei una nuova subnet nell'ambito del criterio, si applica quanto segue:

  • Se i log di flusso VPC sono esplicitamente abilitati con una frequenza di campionamento che soddisfa i requisiti del criterio, la subnet viene creata con i log di flusso VPC abilitati e la frequenza di campionamento richiesta.

  • Se i log di flusso VPC sono esplicitamente abilitati con una frequenza di campionamento che non soddisfa i requisiti del criterio, viene restituito un errore e la subnet non viene creata.

  • Se i log di flusso VPC sono disabilitati, viene restituito un errore e la subnet non viene creata.

  • Se i log di flusso VPC non sono configurati e anche la frequenza di campionamento non viene impostata, viene creata una subnet con i log di flusso VPC abilitati e la frequenza di campionamento minima richiesta dal criterio. Ad esempio, se il criterio viene configurato con valori LIGHT e COMPREHENSIVE, la frequenza di campionamento viene impostata su 0.5 (50%).

Effetti sugli aggiornamenti delle subnet

Quando aggiorni una subnet esistente nell'ambito dei criteri, si verifica quanto segue:

  • Se l'aggiornamento abilita i log di flusso VPC o se i log di flusso VPC sono già abilitati e la frequenza di campionamento è impostata su un valore che soddisfa i requisiti del criterio, la subnet viene aggiornata con i log di flusso VPC abilitati con la frequenza di campionamento richiesta.

  • Se l'aggiornamento abilita i log di flusso VPC o se i log di flusso VPC sono già stati attivati e la frequenza di campionamento è impostata su un valore che non soddisfa i requisiti del criterio, viene restituito un errore e la subnet non viene aggiornata.

  • Se l'aggiornamento disabilita i log di flusso VPC, viene restituito un errore e la subnet non viene aggiornata.

  • Se l'aggiornamento non abilita o disabilita i log di flusso VPC e non viene impostata anche la frequenza di campionamento, il criterio viene ignorato e la subnet viene aggiornata.

Effetti sulla creazione automatica della rete VPC in modalità

Quando viene creata una rete VPC in modalità automatica, in ogni area geografica viene creata automaticamente una subnet. Se la rete rientra nell'ambito di un criterio dei log di flusso VPC, i log di flusso VPC sono abilitati nelle subnet con la frequenza di campionamento minima definita dal criterio. Ad esempio, se il criterio viene configurato con valori LIGHT e COMPREHENSIVE, la frequenza di campionamento viene impostata su 0.5 (50%).

Passaggi successivi