Apache Airflow

Questo documento descrive come configurare il deployment di Google Kubernetes Engine in modo da poter utilizzare Google Cloud Managed Service per Prometheus per raccogliere metriche da StatsD. Questo documento spiega come effettuare le seguenti operazioni:

  • Imposta StatsD per generare report sulle metriche.
  • Configura una risorsa PodMonitoring per Managed Service for Prometheus per raccogliere le metriche esportate.
  • Accedi a una dashboard in Cloud Monitoring per visualizzare le metriche.
  • Configura regole di avviso per monitorare le metriche.

Queste istruzioni si applicano solo se utilizzi la raccolta gestita con Managed Service per Prometheus. Se utilizzi la raccolta con deployment autonomo, consulta la documentazione di Airflow per informazioni sull'installazione.

Queste istruzioni sono fornite a titolo di esempio e dovrebbero funzionare nella maggior parte degli ambienti Kubernetes. Se riscontri problemi durante l'installazione di un'applicazione o di un esportatore a causa di criteri dell'organizzazione o di sicurezza restrittivi, ti consigliamo di consultare la documentazione open source per l'assistenza.

Per informazioni su Airflow, vedi Airflow.

Prerequisiti

Per raccogliere metriche da StatsD utilizzando Managed Service per Prometheus e la raccolta gestita, il deployment deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Il cluster deve eseguire Google Kubernetes Engine versione 1.21.4-gke.300 o successiva.
  • Devi eseguire Managed Service per Prometheus con la raccolta gestita abilitata. Per maggiori informazioni, consulta Inizia a utilizzare la raccolta gestita.

Il grafico Helm ufficiale di Airflow include un deployment StatsD che espone automaticamente le metriche in formato Prometheus.

Per verificare che StatsD emetta metriche sugli endpoint previsti:

  1. Utilizza il seguente comando per configurare il port forwarding:
    kubectl -n NAMESPACE_NAME port-forward deploy/AIRFLOW_RELEASE_NAME-statsd 9102
    
  2. Accedi all'endpoint localhost:9102/metrics utilizzando il browser o l'utilità curl in un'altra sessione di terminale.

definisci una risorsa PodMonitoring

Per il rilevamento della destinazione, l'operatore Managed Service per Prometheus richiede una risorsa PodMonitoring corrispondente all'esportatore Airflow nello stesso spazio dei nomi.

Puoi utilizzare la seguente configurazione di PodMonitoring:

# Copyright 2022 Google LLC
#
# Licensed under the Apache License, Version 2.0 (the "License");
# you may not use this file except in compliance with the License.
# You may obtain a copy of the License at
#
#     https://www.apache.org/licenses/LICENSE-2.0
#
# Unless required by applicable law or agreed to in writing, software
# distributed under the License is distributed on an "AS IS" BASIS,
# WITHOUT WARRANTIES OR CONDITIONS OF ANY KIND, either express or implied.
# See the License for the specific language governing permissions and
# limitations under the License.

apiVersion: monitoring.googleapis.com/v1
kind: PodMonitoring
metadata:
  name: airflow
  labels:
    app.kubernetes.io/name: airflow
    app.kubernetes.io/part-of: google-cloud-managed-prometheus
spec:
  endpoints:
  - port: 9102
    scheme: http
    interval: 30s
    path: /metrics
  selector:
    matchLabels:
      tier: airflow
      component: statsd
      release: airflow
Assicurati che i valori dei campi port e matchLabels corrispondano a quelli dei pod StatsD che vuoi monitorare. Le etichette e i valori mostrati qui sono impostati per impostazione predefinita quando viene eseguito il deployment di Airflow con Helm.

Per applicare modifiche alla configurazione da un file locale, esegui questo comando:

kubectl apply -n NAMESPACE_NAME -f FILE_NAME

Puoi anche utilizzare Terraform per gestire le tue configurazioni.

Definisci regole e avvisi

Puoi utilizzare la seguente configurazione Rules per definire gli avvisi sulle metriche di Airflow:

# Copyright 2022 Google LLC
#
# Licensed under the Apache License, Version 2.0 (the "License");
# you may not use this file except in compliance with the License.
# You may obtain a copy of the License at
#
#     https://www.apache.org/licenses/LICENSE-2.0
#
# Unless required by applicable law or agreed to in writing, software
# distributed under the License is distributed on an "AS IS" BASIS,
# WITHOUT WARRANTIES OR CONDITIONS OF ANY KIND, either express or implied.
# See the License for the specific language governing permissions and
# limitations under the License.

apiVersion: monitoring.googleapis.com/v1
kind: Rules
metadata:
  name: airflow-rules
  labels:
    app.kubernetes.io/component: rules
    app.kubernetes.io/name: airflow-rules
    app.kubernetes.io/part-of: google-cloud-managed-prometheus
spec:
  groups:
  - name: airflow
    interval: 30s
    rules:
    - alert: AirflowDAGImportErrors
      annotations:
        description: |-
          Airflow dag import errors
            VALUE = {{ $value }}
            LABELS: {{ $labels }}
        summary: Airflow dag import errors (instance {{ $labels.instance }})
      expr: airflow_dag_processing_import_errors > 0
      for: 5m
      labels:
        severity: critical

Per applicare modifiche alla configurazione da un file locale, esegui questo comando:

kubectl apply -n NAMESPACE_NAME -f FILE_NAME

Puoi anche utilizzare Terraform per gestire le tue configurazioni.

Per ulteriori informazioni sull'applicazione di regole al cluster, consulta Valutazione e avvisi delle regole gestite.

Puoi regolare le soglie di avviso in base alle esigenze della tua applicazione.

Verificare la configurazione

Puoi utilizzare Metrics Explorer per verificare di aver configurato correttamente l'esportatore Airflow. Cloud Monitoring potrebbe impiegare uno o due minuti per importare le metriche.

Per verificare che le metriche siano state importate:

  1. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Monitoring e poi  Metrics Explorer:

    Vai a Metrics Explorer

  2. Nella barra degli strumenti del riquadro del generatore di query, seleziona il pulsante il cui nome è  MQL o  PromQL.
  3. Verifica che sia selezionato PromQL nel pulsante di attivazione/disattivazione Lingua. Il pulsante di attivazione/disattivazione della lingua si trova nella stessa barra degli strumenti che consente di formattare la query.
  4. Inserisci ed esegui la query seguente:
    up{job="airflow", cluster="CLUSTER_NAME", namespace="NAMESPACE_NAME"}

Visualizza dashboard

L'integrazione di Cloud Monitoring include la dashboard Airflow Prometheus Overview. Le dashboard vengono installate automaticamente quando configuri l'integrazione. Puoi anche visualizzare anteprime statiche delle dashboard senza installare l'integrazione.

Per visualizzare una dashboard installata, segui questi passaggi:

  1. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Monitoring e poi  Dashboard:

    Vai a Dashboard

  2. Seleziona la scheda Elenco dashboard.
  3. Scegli la categoria Integrazioni.
  4. Fai clic sul nome della dashboard, ad esempio Panoramica di Airflow Prometheus.

Per visualizzare un'anteprima statica della dashboard:

  1. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Monitoring e poi  Integrazioni:

    Vai a Integrazioni

  2. Fai clic sul filtro della piattaforma di deployment Kubernetes Engine.
  3. Individua l'integrazione di Apache Airflow e fai clic su Visualizza dettagli.
  4. Seleziona la scheda Dashboard.

Risoluzione dei problemi

Per informazioni sulla risoluzione dei problemi di importazione delle metriche, consulta Problemi con la raccolta dagli esportatori in Risoluzione dei problemi lato importazione.