Panoramica dell'agente Monitoring

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

L'agente Monitoring è un daemon basato su raccolti che raccoglie metriche di sistema e applicazioni dalle istanze di macchine virtuali e le invia a Monitoring. Per impostazione predefinita, l'agente Monitoring raccoglie metriche relative a disco, CPU, rete e processi. Puoi configurare l'agente Monitoring per monitorare applicazioni di terze parti in modo da ricevere l'elenco completo delle metriche dell'agente.

Per installare l'agente, consulta Installazione dell'agente Monitoring.

Finalità

L'uso dell'agente Monitoring è facoltativo ma consigliato. Monitoring può accedere ad alcune metriche dell'istanza senza l'agente Monitoring, tra cui l'utilizzo della CPU, alcune metriche sul traffico del disco, traffico di rete e informazioni sull'uptime. Monitoring utilizza l'agente Monitoring per accedere a risorse di sistema e servizi per applicazioni aggiuntivi nelle istanze di macchine virtuali (VM). Se vuoi usufruire di queste funzionalità aggiuntive, devi installare l'agente Monitoring .

Dopo aver installato l'agente Monitoring , puoi monitorare le applicazioni di terze parti supportate aggiungendo configurazioni di collectd specifiche per l'applicazione. Per maggiori dettagli, consulta l'articolo sul monitoraggio delle applicazioni di terze parti.

Per un elenco completo delle metriche integrate che puoi ottenere con l'agente Monitoring , consulta Metriche agente.

Per inviare qualsiasi metrica personalizzata a Monitoring utilizzando l'agente, consulta la pagina Monitoraggio di applicazioni personalizzate. Se hai accesso al codice sorgente della tua applicazione, potrebbe essere più pratico farlo con OpenCensus.

Configurazioni supportate

L'agente Monitoring è compatibile con i seguenti ambienti.

Istanze di macchine virtuali

Puoi installare l'agente Monitoring nei seguenti tipi di istanze VM:

I seguenti tipi di istanze VM appartengono ai servizi gestiti che implementano il supporto di Monitoring specifico per il servizio. Non provare a installare o configurare manualmente l'agente Monitoring:

  • Lo standard App Engine ha il supporto integrato di Monitoring. Gli agenti non sono necessari.

  • Le istanze dell'ambiente flessibile di App Engine hanno agenti preinstallati con configurazioni specifiche per il servizio.

  • Le istanze Dataflow hanno agenti preinstallati con configurazioni specifiche per il servizio.

  • Le istanze Dataproc hanno agenti preinstallati con configurazioni specifiche per il servizio.

  • Istanze dei nodi Google Kubernetes Engine:

Sistemi operativi

L'agente Monitoring supporta i seguenti sistemi operativi su istanze VM compatibili.

Sistemi operativi Linux

L'agente Monitoring supporta i seguenti sistemi operativi Linux:

  • AMI di Amazon Linux
  • CentOS 7
  • CentOS 8
  • Rocky Linux 8
  • RHEL 7: rhel-7, rhel-7-6-sap-ha, rhel-7-7-sap-ha
  • RHEL 8: rhel-8, rhel-8-1-sap-ha
  • Debian 9 (Stretch)
  • Debian 10 (Buster)
  • SLES 12: sles-12, sles-12-sp2-sap, sles-12-sp3-sap, sles-12-sp4-sap, sles-12-sp5-sap
  • SLES 15: sles-15, sles-15-sap, sles-15-sp1-sap, sles-15-sp2-sap, sles-15-sp3-sap, sles-15-sp4-sap
  • OpenSUSE Leap 15: openuse-leap (opensuse-leap-15-3-*, openuse-leap-15-4-*)
  • Ubuntu LTS 18.04 (Bionic Beaver): ubuntu-1804-lts, ubuntu-minimal-1804-lts
  • Ubuntu LTS 20.04 (Focal Fossa): ubuntu-2004-lts, ubuntu-minimal-2004-lts

L'agente Monitoring non supporta attualmente il sistema operativo ottimizzato per i container, che è il valore predefinito nei cluster di Google Kubernetes Engine.

Sistemi operativi Windows:

Tutte le versioni dell'agente Monitoring supportano i seguenti sistemi operativi Windows:

  • Windows Server 2019
  • Windows Server Core 2019
  • Windows Server 2016
  • Windows Server Core 2016
  • Windows Server 2012 R2
  • Windows Server Core 2012 R2

L'agente Monitoring non supporta attualmente Windows Server Core 2019 per i container.

Applicazioni supportate

Puoi configurare Monitoring per monitorare una varietà di applicazioni software open source molto usate. La configurazione è possibile solo per gli agenti in esecuzione su Linux. Gli agenti in esecuzione su Windows possono monitorare le applicazioni IIS e MS SQL, ma non sono configurabili per altre applicazioni.

Per saperne di più, consulta Monitoraggio di applicazioni di terze parti.

Requisiti di accesso dell'agente

L'esecuzione dell'agente richiede l'accesso ai seguenti nomi DNS:

  • Server token OAuth2: oauth2.googleapis.com

    Le versioni precedenti dell'agente potrebbero richiedere l'accesso a www.googleapis.com (URL completo: https://www.googleapis.com/oauth2/v3/token).

    Se stai utilizzando una versione precedente dell'agente, ti consigliamo di eseguire l'upgrade dell'agente alla versione più recente.

  • API di monitoraggio: monitoring.googleapis.com

Per installare l'agente è necessario accedere ai seguenti nomi DNS:

  • (Linux) Repository di pacchetti Google Cloud: packages.cloud.google.com

  • (Linux) Sottodominio Google download: dl.google.com

  • (Windows) Server dei download Stackdriver precedente: repo.stackdriver.com

Recupera il codice sorgente dell'agente Monitoring

Il codice sorgente per l'agente Monitoring è disponibile solo per l'agente Monitoring ospitato su Linux . L'agente Monitoring ospitato su Windows non è open source.

L'agente Monitoring viene installato da uno script descritto nelle istruzioni di installazione. Puoi saltare questa sezione se vuoi soltanto installare e utilizzare l'agente. Se vuoi capire il codice sorgente, leggi questa sezione.

L'agente Monitoring , stackdriver-agent, si basa sul daemon della raccolta delle statistiche di sistema raccolte originali. Il codice sorgente stackdriver-agent è disponibile in Stackdriver/collectd. Gli script di compilazione e creazione per l'agente Monitoring sono disponibili in Stackdriver/Agent-packaging. I file di configurazione per le applicazioni di terze parti si trovano nel repository di configurazione GitHub dell'agente.

Il pacchetto software per stackdriver-agent contiene:

  • Il daemon raccolto.
  • Il plug-in condiviso delle librerie, incluso il plug-in di output dell'API Cloud Monitoring.
  • I file di configurazione di primo livello per l'agente Monitoring .

Norme sul ritiro

L'agente Monitoring è soggetto alle norme sul ritiro degli agenti.

Per informazioni sul ritiro per le funzionalità e le versioni precedenti, consulta i ritiri della suite operativa di Google Cloud.

Passaggi successivi

  • Consulta la guida rapida per monitorare un'istanza VM che esegue un server web Apache. La guida rapida include l'installazione dell'agente.
  • Consulta Installazione dell'agente Monitoring per installare l'agente sulle istanze VM di Compute Engine o Amazon EC2.