Installazione dell'agente Monitoring su singole VM

L'agente Monitoring raccoglie log e metriche nelle istanze di Compute Engine, inviando i log a Cloud Logging e le metriche a Cloud Monitoring.

Prima di iniziare

Per installare l'agente, assicurati di disporre dei seguenti elementi:

  • Un'istanza VM supportata in un progetto Google Cloud o in un account Amazon Web Services (AWS).

    • Per eseguire l'agente Monitoring, ti consigliamo di disporre di un minimo di 250 MiB di memoria residente (RSS).

    Assicurati inoltre che la VM stia eseguendo un sistema operativo supportato.

  • Credenziali sull'istanza VM che autorizzano la comunicazione con Cloud Logging o Cloud Monitoring. Per impostazione predefinita, le istanze VM di Compute Engine hanno in genere le credenziali corrette. Se uno dei seguenti scenari è applicabile al tuo caso, potresti non disporre delle credenziali corrette e completare le procedure per autorizzare l'agente Monitoring:

    • Per eseguire le istanze di VM AWS EC2, devi installare le credenziali di autorizzazione sulle tue VM prima di installare l'agente.

    • Esecuzione di istanze di Compute Engine o istanze di Compute Engine molto vecchie create senza le credenziali predefinite.

    Per verificare se disponi delle credenziali corrette, esegui le procedure di verifica delle credenziali di Compute Engine.

  • Per gli utenti di AWS:

    1. Collega il tuo account AWS a un Google Cloud. Per informazioni su questa procedura, consulta Visualizzazione delle metriche per gli account AWS.

    2. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Progetti Google Cloud per istanze VM di AWS EC2.

  • Per informazioni sui prezzi, consulta la suite operativa di Google Cloud.

  • Se utilizzi VM che non hanno accesso ai repository di pacchetti remoti, consulta la sezione VM senza accesso al pacchetto remoto per ulteriori informazioni.

Installazione dell'agente utilizzando la riga di comando

Per installare l'agente utilizzando la riga di comando, segui le istruzioni riportate di seguito.

Installazione della versione più recente dell'agente

Per installare la versione più recente dell'agente, completa i seguenti passaggi.

Linux

  1. Apri una connessione del terminale alla tua istanza VM tramite SSH o uno strumento simile e assicurati di avere l'accesso sudo.

  2. Passa a una directory a cui hai accesso in scrittura, ad esempio la home directory.

  3. Esegui:

    curl -sSO https://dl.google.com/cloudagents/add-monitoring-agent-repo.sh
    sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install
    

Windows

  1. Connettiti all'istanza utilizzando RDP o uno strumento simile ed esegui l'accesso a Windows.

  2. Apri un terminale PowerShell con i privilegi di amministratore facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'icona di PowerShell e selezionando Esegui come amministratore.

  3. Esegui i seguenti comandi di PowerShell:

    (New-Object Net.WebClient).DownloadFile("https://repo.stackdriver.com/windows/StackdriverMonitoring-GCM-46.exe", "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe")
    & "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe"
    

Installazione di una versione specifica dell'agente

Per installare una versione specifica dell'agente, completa i seguenti passaggi.

Linux

  1. Apri una connessione del terminale alla tua istanza VM tramite SSH o uno strumento simile e assicurati di avere l'accesso sudo.

  2. Passa a una directory a cui hai accesso in scrittura, ad esempio la home directory.

  3. Scarica lo script di installazione dell'agente:

    curl -sSO https://dl.google.com/cloudagents/add-monitoring-agent-repo.sh
    

    Durante l'esecuzione dello script add-monitoring-agent-repo.sh, puoi anche impostare i seguenti flag:

    • --verbose: attiva il logging dettagliato durante l'esecuzione dello script.
    • --also-install: installa l'agente dopo aver aggiunto il repository del pacchetto dell'agente.
    • --version: consente di impostare la versione dell'agente per lo script da installare.
    • --uninstall: disinstalla l'agente.
    • --remove-repo: rimuove il repository dei pacchetti dell'agente corrispondente dopo aver installato o disinstallato l'agente.
    • --dry-run: attiva solo una prova dell'esecuzione dello script e stampa i comandi che dovrebbe eseguire.

    Consulta i commenti sullo script per ulteriori informazioni ed esempi di utilizzo.

  4. Aggiungi il repository del pacchetto dell'agente e installalo:

    1. Per elencare le versioni dell'agente disponibili e selezionare la versione da installare, consulta Elencare tutte le versioni degli agenti.

    2. Per ambienti di produzione potresti voler fissare una versione principale per evitare di installare versioni principali che potrebbero includere modifiche incompatibili con le versioni precedenti. Per bloccare su una versione principale, esegui:

      sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install \
        --version=MAJOR_VERSION.*.*
      

      Ad esempio, per bloccare l'elemento 6.x.x dell'agente, esegui:

      sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install \
        --version=6.*.*
      
    3. Per installare una versione specifica dell'agente, esegui:

      sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install \
        --version=MAJOR_VERSION.MINOR_VERSION.PATCH_VERSION
      
  5. Avvia il servizio dell'agente

    sudo service stackdriver-agent start
    

Lo script di installazione può essere eliminato solo dopo l'esecuzione.

  • Per verificare che l'agente funzioni come previsto, esegui:

    sudo service stackdriver-agent status
    

    Lo stato dell'agente deve essere OK.

  • Puoi anche esaminare i log per assicurarti che non siano presenti errori:

    sudo grep collectd /var/log/{syslog,messages} | tail
    

In caso di problemi durante l'installazione, consulta la pagina Risoluzione dei problemi.

Windows

  1. Connettiti all'istanza utilizzando RDP o uno strumento simile ed esegui l'accesso a Windows.

  2. Apri un terminale PowerShell con i privilegi di amministratore facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'icona di PowerShell e selezionando Esegui come amministratore.

    1. Esegui i seguenti comandi di PowerShell:

      (New-Object Net.WebClient).DownloadFile("https://repo.stackdriver.com/windows/StackdriverMonitoring-GCM-46.exe", "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe")
      & "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe"
      

    In alternativa, puoi andare al seguente URL per scaricare ed eseguire il programma di installazione dell'agente:

    https://repo.stackdriver.com/windows/StackdriverMonitoring-GCM-46.exe

    Per installare l'agente automaticamente, aggiungi l'opzione /S al richiamo del programma di installazione:

    & "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe" /S
    

    In modalità silenziosa, utilizza l'opzione /D per specificare la directory di installazione, ad esempio:

    & "${env:UserProfile}\StackdriverMonitoring-GCM-46.exe" /S /D="C:\Stackdriver\Google Cloud's operations suite\"
    

    Al termine dell'operazione, puoi eliminare il programma di installazione.

    In caso di problemi durante l'installazione, consulta la pagina Risoluzione dei problemi.

Installazione dell'agente con Google Cloud Console

Puoi installare l'agente su una o più VM di Compute Engine dalla dashboard Istanze VM di Monitoring preconfigurate.

Per accedere a questa dashboard, procedi nel seguente modo:

  1. In Google Cloud Console, seleziona il progetto Google Cloud che ti interessa.

    Vai a Google Cloud Console

  2. Nel riquadro di navigazione, seleziona Monitoraggio.

  3. Nel riquadro di navigazione di Monitoring, seleziona Dashboard.

  4. Nella tabella delle dashboard, individua la voce Istanze VM, quindi fai clic sul nome.

La scheda Inventario nella dashboard Istanze VM elenca tutte le VM e include una colonna di stato per l'agente, come illustrato nel seguente screenshot:

La dashboard Istanze VM in Monitoring mostra
lo stato degli agenti.

La colonna Agente riporta i seguenti valori:

  • Non rilevato: non hai installato un agente. Se Cloud Monitoring non rileva alcun agente installato sull'istanza di Compute Engine, puoi installare un agente procedendo nel seguente modo:

    • Seleziona le istanze VM su cui vuoi installare gli agenti.
    • Fai clic sull'opzione Installa agenti nella tabella Istanze, che visualizza un flusso di lavoro di installazione nella dashboard, e segui le istruzioni. L'agente operativo è l'agente predefinito che viene installato, ma il flusso di lavoro di installazione fornisce un link per installare gli agenti legacy.

      L'agente operativo raccoglie sia le metriche che i log per impostazione predefinita. Puoi cambiare questo comportamento predefinito configurando l'agente operativo.

  • Agente operativo: stai eseguendo l'agente operativo.

  • Agente legacy: stai eseguendo l'agente Monitoring o l'agente Logging precedente. Per informazioni sulla transizione all'agente operativo, consulta la sezione Migrazione dagli agenti legacy all'agente operativo.

  • Non applicabile: questa VM non è una piattaforma supportata per l'esecuzione dell'agente.

  • VM arrestata: la VM non è in esecuzione, quindi lo stato dell'agente non è noto.

Attività facoltative

Questa sezione descrive come eseguire le attività di manutenzione comuni.

Configurazione dell'agente Monitoring

Per modificare la configurazione dell'agente, consulta Configurare l'agente Monitoring.

Configurazione di un proxy HTTP

Se utilizzi un proxy HTTP per il proxy delle richieste alle API Logging e Monitoring, procedi come segue:

Linux

  1. Modifica il seguente file di configurazione (crea il file se non esiste già):

    • Per l'agente versione 6.0.0 e successive, modifica:

      /etc/default/stackdriver-agent
      
    • Per le versioni dell'agente precedenti alla 6.0.0, modifica il file appropriato per il sistema operativo:

      Per Debian e Ubuntu, modifica:

      /etc/default/stackdriver-agent
      

      Per CentOS e SLES, modifica:

      /etc/default/stackdriver-collectd
      
  2. Aggiungi quanto segue al file:

     export http_proxy="http://proxy-ip:proxy-port"
     export https_proxy="http://proxy-ip:proxy-port"
     export no_proxy=169.254.169.254  # Skip proxy for the local Metadata Server.
    
  3. Riavvia l'agente eseguendo questo comando sulla tua istanza VM:

     sudo service stackdriver-agent restart
    

Windows

  1. Se utilizzi un proxy HTTP, esegui il comando seguente da un prompt dei comandi dell'amministratore. Imposta le variabili di ambiente HTTP_PROXY e HTTPS_PROXY in modo che l'agente possa inviare dati utilizzando HTTPS in uscita:

    setx HTTP_PROXY http://proxy-ip:proxy-port /m
    setx HTTPS_PROXY http://proxy-ip:proxy-port /m
    setx no_proxy 169.254.169.254 /m
    

Determinazione della versione dell'agente in corso...

Per determinare la versione dell'agente Monitoring nel sistema, esegui i seguenti comandi sull'istanza VM:

AMAZON LINUX AMI / CENTOS / RHEL

Esegui il seguente comando su Amazon Linux, Red Hat o CentOS Linux:

rpm --query --queryformat '%{NAME} %{VERSION} %{RELEASE} %{ARCH}\n' \
     stackdriver-agent

DEBIAN / UBUNTU

Esegui questo comando su Debian o Ubuntu:

dpkg-query --show --showformat \
    '${Package} ${Version} ${Architecture} ${Status}\n' \
     stackdriver-agent

SLES / SUSE

Esegui il seguente comando su SUSE:

rpm --query --queryformat '%{NAME} %{VERSION} %{RELEASE} %{ARCH}\n' \
     stackdriver-agent

Finestre

Al momento non è possibile determinare la versione dell'agente Monitoring in esecuzione su Windows.

Riavvio dell'agente in corso...

Devi riavviare l'agente Monitoring per individuare le modifiche nei file di configurazione. Per riavviare l'agente, segui le istruzioni riportate di seguito.

LINUX

Esegui il seguente comando sulla tua istanza:

 sudo service stackdriver-agent restart

Windows

  1. Connettiti all'istanza utilizzando RDP o uno strumento simile ed esegui l'accesso a Windows.

  2. Apri un terminale PowerShell con i privilegi di amministratore facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'icona di PowerShell e selezionando Esegui come amministratore.

  3. Esegui il seguente comando PowerShell:

Restart-Service -Name StackdriverMonitoring

Upgrade dell'agente in corso...

Per eseguire l'upgrade dell'agente Monitoring alla versione più recente, attieniti alle seguenti istruzioni:

Linux

Per eseguire l'upgrade dell'agente alla versione più recente, esegui il comando seguente:

sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install

Per eseguire l'upgrade dell'agente all'ultima release di una versione principale specifica, esegui il comando seguente:

sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --also-install \
  --version=MAJOR_VERSION.*.*

Windows

Per eseguire l'upgrade alla versione più recente dell'agente, installa l'agente più recente, come descritto in Installare su Windows in questa pagina. Il programma di installazione ti chiede di disinstallare la versione precedente dell'agente.

Elenco di tutte le versioni dell'agente

Per elencare le versioni dell'agente disponibili, esegui il comando seguente:

AMAZON LINUX AMI/CENTOS/RHEL

Elenca le versioni disponibili dell'agente:

sudo yum list --showduplicates stackdriver-agent

DEBIAN / UBUNTU

Elenca le versioni disponibili dell'agente:

sudo apt-cache madison stackdriver-agent

SLES / SUSE

Elenca le versioni disponibili dell'agente:

sudo zypper search -s stackdriver-agent

Finestre

L'installazione di versioni precedenti dell'agente su Windows non è supportata.

Disinstallazione dell'agente

Per rimuovere l'agente Monitoring e i relativi file di configurazione, segui le istruzioni riportate di seguito.

Dopo aver disinstallato l'agente, potrebbe essere necessaria fino a un'ora per segnalare la modifica in Google Cloud Console.

Linux

Esegui questo comando:

sudo bash add-monitoring-agent-repo.sh --uninstall

Windows

Nel Pannello di controllo di Windows, scegli Disinstalla un programma. Dovresti vedere l'agente Monitoring nell'elenco dei programmi che puoi disinstallare.

Informazioni sui progetti Google Cloud per le istanze VM di AWS EC2

Quando la documentazione fa riferimento al progetto Google Cloud associato alla tua istanza VM, per le istanze VM EC2, questa frase si riferisce al progetto connettore AWS collegato al tuo account AWS.

Quando connetti il tuo account AWS a un Google Cloud, crei un progetto connettore AWS. Per informazioni su questa procedura, consulta Visualizzazione delle metriche per gli account AWS.

Per accedere al progetto del connettore AWS per un account AWS, esegui una delle seguenti operazioni:

  • Utilizza il selettore di progetto Google Cloud Console per identificare i progetti corrispondenti alle convenzioni di denominazione dei progetti del connettore AWS, quindi seleziona quello specifico per il tuo account AWS.

  • Identifica il progetto Google Cloud il cui ambito delle metriche include le metriche del tuo account AWS e selezionalo nel selettore di progetti di Google Cloud Console. Per questo progetto Google Cloud, vai alla pagina Monitoring e seleziona la pagina Settings (Impostazioni). Nella pagina Settings (Impostazioni) sono elencati i progetti del connettore AWS. Puoi utilizzare il selettore dei progetti di Google Cloud Console per accedere al progetto del connettore AWS.

VM senza accesso al pacchetto remoto

L'installazione dell'agente Monitoring richiede l'accesso per rimuovere i repository dei pacchetti, sia per il pacchetto dell'agente sia per le sue dipendenze.

Se utilizzi VPC-SC o una rete privata, la configurazione della rete potrebbe influire anche sulla tua capacità di installare dipendenze degli agenti da repository upstream. I pacchetti di agenti stessi sono accessibili mediante l'accesso privato Google.

Se il tuo criterio di sicurezza dell'host della VM nega l'accesso ai repository di pacchetti remoti, ti consigliamo di creare un'immagine VM personalizzata con l'agente preinstallato e la disattivazione della gestione dei pacchetti in quell'immagine.

Passaggi successivi