Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Migrazione delle VM di VMware tramite HCX VMware

Questa pagina descrive come utilizzare VMware HCX per eseguire la migrazione delle macchine virtuali (VM) dal tuo ambiente on-premise a Google Cloud VMware Engine. VMware HCX astrae le risorse on-premise e cloud di vSphere e le presenta alle applicazioni come un'unica risorsa continua, creando un'infrastruttura ibrida.

Prima di iniziare

  1. Le versioni dei prodotti VMware utilizzate on-premise supportano l'opzione di tipo di migrazione desiderata (dal vivo/freddo/collettivo) con HCX. vMotion richiede versioni successive alla versione 5.5/ESXi 5.5 di vCenter. Per ulteriori informazioni sulle versioni vSphere di origine e sulle corrispondenti funzionalità HCX supportate, consulta la matrice di interoperabilità dei prodotti VMware.
  2. Devi avere un progetto Google Cloud e una rete Virtual Private Cloud (VPC).
  3. L'ambiente on-premise deve essere connesso alla rete VPC del progetto tramite Cloud VPN o Cloud Interconnect. Se utilizzi Cloud VPN, consulta i requisiti minimi del ritardo di rete per HCX VMware HCX.

La panoramica descritta in questa pagina è indipendente dalle versioni specifiche di vSphere nel tuo ambiente on-premise, a condizione che la versione di vSphere sia compatibile con HCX.

Deployment di una soluzione di infrastruttura ibrida utilizzando VMware HCX nel cloud privato

Il deployment della soluzione di migrazione HCX per Google Cloud VMware Engine prevede le seguenti operazioni:

Crea un cloud privato nel tuo ambiente

Crea un cloud privato nel tuo ambiente Google Cloud VMware Engine. Quando crei un cloud privato, VMware Engine esegue le seguenti operazioni:

  1. Esegue il deployment dell'appliance HCX Cloud Manager nella rete di gestione del sistema e del pool di risorse di gestione nel tuo cloud privato.
  2. Crea subnet per la rete di gestione HCX, la rete vX HCX e la rete uplink HCX. Se hai inserito un intervallo di indirizzi IP di subnet HCX, VMware Engine crea le subnet utilizzando tale intervallo.
  3. Configura HCX Cloud Manager con le informazioni del profilo di calcolo (pool di rete).
  4. Stabilisce la connettività di rete tra le varie appliance di servizio HCX e HCX Cloud Manager.
  5. Genera un codice di attivazione della licenza e configura HCX Cloud Manager per utilizzarlo.
  6. Registra HCX Cloud Manager con il servizio VMware HCX.

Quando crei un cloud privato, puoi fornire un intervallo di indirizzi IP di subnet di /27 o superiore per i servizi HCX. Se vuoi eseguire il deployment di HCX dopo la creazione di un cloud privato, prenota l'intervallo di indirizzi IP delle subnet per HCX e contatta l'assistenza clienti Google Cloud.

Configura servizi di infrastruttura nel tuo cloud privato

Configura i servizi dell'infrastruttura nel cloud privato per la gestione dei carichi di lavoro e degli strumenti.

  1. Per fornire servizi di ricerca di indirizzi IP, gestione degli indirizzi IP e risoluzione dei nomi per i tuoi carichi di lavoro nel cloud privato, configura un server DHCP e DNS.
  2. Le VM e gli host di gestione nel tuo cloud privato utilizzano il dominio gve.goog. Per risolvere le richieste per questo dominio, configura l'inoltro DNS sul server DNS.
  3. (Facoltativo) Se vuoi che gli utenti della tua Active Directory on-premise sul tuo cloud privato, aggiungi un provider di identità.

Connetti la tua rete on-premise al cloud privato

  1. Utilizza Cloud Interconnect per connettere la tua rete on-premise al cloud privato.
  2. Aggiungi gli intervalli di indirizzi IP delle subnet di VMware Engine a route personalizzate per il router Cloud che termina il collegamento di Cloud Interconnect.
  3. Apri le porte di rete obbligatorie sul firewall on-premise.

Preparati all'installazione di HCX Cloud Manager nel tuo ambiente on-premise

  1. Scarica l'OVA del connettore HCX da HCX Cloud Manager.
    1. Accedi al portale VMware Engine
    2. Nella pagina Risorse, fai clic sul tuo cloud privato.
    3. Nella pagina vSphere Management Network, fai clic su FQDN per HCX e accedi a HCX Cloud Manager.
    4. In HCX Cloud Manager, vai ad System > Update del sistema.
    5. Fai clic su Request download link (Richiedi link di download) e scarica il file OVA.
  2. Aggiorna HCX Cloud Manager alla versione più recente disponibile nell'interfaccia utente di HCX Cloud Manager.
  3. Scarica un codice di attivazione della licenza per il tuo connettore HCX on-premise.
    1. Nel portale VMware Engine, vai a Risorse e seleziona il tuo cloud privato.
    2. Nella sezione Stack tecnologico, fai clic su Scarica chiave di attivazione HCX per scaricare un file contenente la tua chiave. Sei responsabile della memorizzazione e della gestione della chiave di attivazione scaricata.

Se necessario, puoi generare una nuova chiave di attivazione di HCX facendo clic su Genera chiave di attivazione di HCX. Le chiavi appena generate vengono aggiunte alla fine del file scaricabile contenente le chiavi di attivazione generate.

Installa HCX Connector nel tuo ambiente on-premise

Installa e configura HCX Connector nell'ambiente on-premise seguendo le istruzioni riportate nella guida dell'utente di VMware HCX.

  1. Prepara l'ambiente on-premise per l'installazione di HCX Connector.
    1. Identificare gli indirizzi IP disponibili.
    2. Se necessario, crea vLAN/subnet.
  2. Esegui il deployment dell'OVA del connettore HCX sul tuo ambiente vSphere on-premise.
  3. Utilizza la chiave di attivazione scaricata in precedenza e registra l'istanza del connettore HCX con VMware.
  4. Configura HCX Connector.

Utilizzare HCX Cloud Manager per la migrazione dei carichi di lavoro

Per informazioni su come utilizzare HCX per eseguire la migrazione dei carichi di lavoro dal tuo ambiente on-premise al cloud privato, consulta la guida dell'utente di VMware HCX.

Di seguito sono riportate alcune delle operazioni che puoi eseguire:

  • Accoppia i due siti (on-premise e cloud privato)
  • Esegui e pianifica le migrazioni:
    • Freddo
    • In blocco
    • vMotion
  • Estendi reti di livello 2

Riferimenti esterni