Visualizzare i log utilizzando Esplora log

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Questo documento offre una panoramica di Esplora log nella console Google Cloud, che puoi utilizzare per recuperare, visualizzare e analizzare i dati del log. Esplora log ti consente di trovare e visualizzare i log per risolvere i problemi.

Esplora log non supporta le operazioni aggregate, ad esempio il numero di voci di log contenenti un pattern specifico. Per eseguire operazioni aggregate, abilita l'analisi del bucket di log, quindi utilizza la pagina Analisi dei log. Puoi anche utilizzare Esplora log per visualizzare i log nei bucket abilitati per l'analisi. Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica di Log Analytics.

Puoi anche leggere i log utilizzando l'API Logging e l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud.

Inizia

Per iniziare a utilizzare Esplora log, procedi nel seguente modo:

  • Assicurati di disporre del ruolo di gestione di Identity and Access Management corretto per visualizzare i log. Per informazioni sui ruoli e sulle autorizzazioni IAM, consulta il Controllo dell'accesso con IAM.

  • Tieni presente che se utilizzi Amazon Web Services Elastic Compute Cloud (AWS EC2), le voci di log si trovano nel progetto connettore AWS, che collega il tuo account AWS ai servizi Google Cloud.

  • Tieni presente che se importi i log sul cloud ibrido e on-premise tramite BindPlane, puoi trovare questi log nel tipo di risorsa generic_node.

  • Accedi a Esplora log:

    Vai a Esplora log

    Seleziona il progetto Cloud appropriato.

Interfaccia Esplora log

L'interfaccia di Esplora log consente di recuperare i log, analizzare e analizzare i dati dei log e perfezionare i parametri di ricerca.

Interfaccia utente di Esplora log

Esplora log contiene le sezioni seguenti, descritte in dettaglio in questa pagina:

  1. Barra degli strumenti Azione
  2. Riquadro Query
  3. Barra degli strumenti Risultati
  4. Riquadro Campi log
  5. Istogramma
  6. Riquadro Risultati delle query

Barra degli strumenti Azione

Utilizzando le funzionalità della barra degli strumenti Azione, puoi eseguire le seguenti operazioni:

  • Perfeziona ambito: ambito della ricerca in base ai log nel progetto Cloud corrente o in base a una o più viste spazio di archiviazione. Per scoprire di più sull'ambito, consulta Perfezionare l'ambito.
  • Scopri: visualizza i link alla documentazione e agli argomenti pertinenti.
  • Condividi link: crea un URL abbreviato della query corrente e copialo negli appunti, semplificando la condivisione della query. L'URL copiato ha l'intervallo di tempo assoluto corrispondente rappresentato dall'intervallo di tempo corrente della query, ad esempio 7:49:37 PM - 8:49:37 PM.

Perfeziona ambito

Puoi perfezionare l'ambito dei log visualizzati in Esplora log tramite l'opzione Perfeziona ambito. Puoi cercare solo nei log all'interno del progetto Cloud corrente o nei log di ricerca in una o più viste di archiviazione. Per perfezionare l'ambito di Esplora log, procedi come segue:

  1. Nella barra degli strumenti Azione, seleziona Perfeziona ambito.

  2. Nella finestra di dialogo Perfeziona ambito, seleziona un'opzione Ambito per.

    La finestra di dialogo Perfeziona ambito

    • Ambito per progetto consente di cercare nei log generati dal progetto cloud corrente.

    • Ambito in base all'archiviazione consente di cercare nei log in base a una o più viste di archiviazione. Per ulteriori informazioni sulle visualizzazioni dei log, consulta Gestire le visualizzazioni dei log nei bucket di log.

  3. Se selezioni Ambito per spazio di archiviazione, seleziona uno o più bucket da visualizzare.

    Nella finestra di dialogo sono elencate le visualizzazioni dello spazio di archiviazione che soddisfano le seguenti condizioni:

    • L'utente dispone di accesso alla vista dello spazio di archiviazione.
    • I bucket di log appartengono al progetto Cloud selezionato oppure il progetto cloud selezionato ha precedentemente instradato i log ai bucket di archiviazione.
  4. Fai clic su Applica.

Riquadro Query

Utilizza le funzionalità del riquadro Query per effettuare le seguenti operazioni:

  • Scheda Query: crea e perfeziona le query utilizzando le seguenti funzionalità:

    • Selettore di intervallo di tempo: limita i risultati della query in base all'intervallo di tempo. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Utilizzare il selettore dell'intervallo di tempo.

    • Casella di testo di ricerca: consente di trovare voci di log corrispondenti ai termini o alle frasi di ricerca. Per maggiori dettagli, vedi Cercare testo nei campi dei log.

    • Filtra i menu: crea query in base a Risorsa, Nome log ed Gravità. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina Utilizzare i menu dei filtri.

    • Campo Editor query: crea query avanzate utilizzando il linguaggio di query di logging. Per maggiori dettagli, consulta la pagina Scrivere query avanzate.

  • Scheda Recenti: visualizza le query eseguite di recente. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina Utilizzare le query recenti.

  • Scheda Salvate: visualizza le query salvate e le query che altri utenti del progetto Cloud hanno condiviso con te. Per ulteriori informazioni, consulta Salvare query e Condividere query.

  • Scheda Suggerita: visualizza le query suggerite in base alle risorse del tuo progetto Cloud. Per maggiori informazioni, consulta la pagina Utilizzo delle query suggerite.

  • Scheda Libreria: visualizza ed esegui le query fornite da Google in base ai casi d'uso. Per saperne di più, consulta Selezionare le query dalla libreria.

  • Salva: salva le query che possono essere visualizzate ed eseguite dalla scheda Salvate.

  • Cancella query: cancella e reimposta le selezioni che hai effettuato durante la creazione di una query nel riquadro Query.

  • Log del flusso: visualizza le voci di log mentre Logging le importa. Per ulteriori informazioni, vedi Log di stream.

  • Esegui query: esegui le query dopo averle create nel riquadro Query.

Se non vedi il campo editor delle query, abilita Mostra query. Se aggiungi termini di ricerca nella casella di testo di ricerca, tali termini vengono visualizzati anche nel campo editor delle query e vengono valutati come parte dell'espressione di query.

Dopo aver esaminato la query, fai clic su Esegui query. I log corrispondenti alla query vengono elencati nel riquadro Risultati delle query. I riquadri Istogramma e Campi log vengono regolati anche in base all'espressione di query.

Avvia flusso di log

Puoi streamare i log mentre li registra li importa oppure puoi aggiungere una query per trasmettere in streaming solo i log che corrispondono alla query.

Per creare uno stream dei log basato su una query, aggiungi una query nel riquadro Query, quindi seleziona Stream di log. Mentre Logging importa i dati dei log, solo i log corrispondenti alla query vengono visualizzati nel riquadro Risultati delle query. Se non viene fornita una query, Logging mostra ogni log come importato.

Per interrompere lo streaming, fai clic su Interrompi streaming o scorri nel riquadro Risultati delle query.

Barra degli strumenti Risultati

Dalla barra degli strumenti Risultati, puoi:

  • Mostra riquadro Campo log: mostra o nascondi rapidamente questo riquadro nel layout di pagina Esplora log.
  • Mostra riquadro Istogramma: mostra o nascondi rapidamente questo riquadro nel layout di pagina Esplora log.
  • Crea metrica: configura una metrica basata su log basata sull'espressione di query corrente.
  • Crea avviso: configura un avviso basato su log in base all'espressione di query corrente.
  • Vai a più recenti: esegui un aggiornamento forzato dei risultati della query per includere l'ora corrente. Se il selettore dell'intervallo di tempo utilizza un intervallo personalizzato e viene impostata un'ora di fine, la query viene eseguita con un intervallo di tempo predefinito di un'ora. In caso contrario, si aggiorna con la data o l'ora di inizio attuale ed esegue la query. Tieni presente che l'espressione di query non viene modificata quando utilizzi questa funzionalità.
  • Altre azioni: utilizza queste opzioni aggiuntive per gestire gli avvisi basati su log o creare un sink.

Riquadro Campi log

Il riquadro Campi log offre un riepilogo di alto livello dei dati dei log e rappresenta un modo più efficiente per perfezionare una query. Mostra le voci di log suddivise per dimensioni diverse, corrispondenti ai campi di queste voci. Per ogni campo, il riquadro Campi log mostra i valori e la loro incidenza in ordine di frequenza decrescente. I conteggi dei campi dei log corrispondono all'intervallo di tempo nel selettore dell'intervallo di tempo.

Per mostrare o nascondere il riquadro Campi log, fai clic sul pulsante Campi log nella barra degli strumenti Risultati.

Il riquadro Campi log viene compilato e aggiornato in base a una query eseguita nel campo dell'editor query.

Se la query è vuota, il riquadro Campi log mostra i conteggi delle voci di log in base ai campi Tipo di risorsa e Gravità.

riquadro dei campi del log

Se hai selezionato Ambito per spazio di archiviazione, vedrai anche l'ID progetto e i conteggi corrispondenti delle voci di log.

Se selezioni un tipo di risorsa dal riquadro Campi log, una serie di campi pertinenti, basati sulle etichette delle risorse, completerà il riquadro. Ciò consente di analizzare i dati di log per il tipo di risorsa specifico. Per rimuoverli, fai clic su Cancella accanto al campo Tipo di risorsa.

Aggiungi campi al riquadro Campi log

Puoi aggiungere determinate coppie chiave-valore di LogEntry al riquadro Campo Log dalle voci di log completate nel riquadro Risultati delle query. Per aggiungere un campo al riquadro Campo Log, procedi nel seguente modo:

  1. Nel riquadro Risultati delle query, espandi una voce di log facendo clic sul pulsante di espansione .

  2. Fai clic con il pulsante sinistro del mouse sul valore di un campo. Dal menu, seleziona Aggiungi campo al riquadro Campi log.

    Il campo personalizzato viene visualizzato nel riquadro Campi log come elenco di coppie chiave-valore.

Per rimuovere un campo personalizzato dal riquadro Campi log, fai clic su Rimuovi accanto al campo. Puoi anche rimuovere un campo personalizzato dall'elenco facendo clic con il pulsante sinistro del mouse nel riquadro Risultati delle query e selezionando Rimuovi dai campi del log.

Tieni presente che i seguenti tipi di campi non possono essere aggiunti al riquadro Campi log:

  • Campi correlati al tempo, ad esempio receiveTimestamp e protoPayload.startTime.
  • Campi con una cardinalità elevata, ad esempio insertId e protoPayload.latency.
  • Campi con indici della matrice nel percorso, ad esempio protoPayload.authorizationInfo[0].resource.

Analizzare i log utilizzando il riquadro Campi log

Per restringere e perfezionare una query, puoi aggiungere coppie campo-valore dal riquadro Campi log all'espressione nel riquadro Query. Per farlo, nel riquadro Campi log fai clic sul valore di un campo. La coppia di valori campo viene aggiunta all'espressione utilizzando l'operatore AND. La query viene quindi eseguita.

Puoi aggiungere coppie di valori dei campi nidificati e coppie di valori dei campi di primo livello al riquadro Campi del log. Ad esempio, supponi di aver aggiunto jsonPayload.message al riquadro Campi log. Se selezioni un determinato valore di jsonPayload.message, questo viene compilato nel campo dell'editor di query.

I riquadri Istogramma e Risultati delle query vengono modificati anche per riflettere la query corrente.

Durante l'esecuzione di una query, le voci del log vengono analizzate e i conteggi dei campi del log vengono modificati. Una volta completata la query, vengono visualizzati i conteggi totali per tutti i campi del log.

Istogramma

Con il riquadro Istogramma puoi visualizzare la distribuzione dei log nel tempo. L'istogramma si rigenera quando esegui una query, il che semplifica la visualizzazione delle tendenze nei dati di log e la risoluzione dei problemi.

Per mostrare o nascondere il riquadro Istogramma, fai clic sul pulsante Istogramma nella barra degli strumenti Risultati.

Funzionalità dell'istogramma

Riquadro Istogramma.

  1. Barre dell'istogramma: ogni barra dell'istogramma rappresenta un intervallo di tempo. Ogni barra contiene un'analisi a tre colori per i livelli di gravità dei log acquisiti nell'intervallo di tempo di ogni barra. I colori rappresentano le seguenti gravità di log:

    • Blu: gravità bassa come Predefinito, Debug, Informazioni e Avviso.
    • Giallo: gravità media come Avviso.
    • Rosso: gravità elevata come Errore, Critica, Avviso ed Emergenza.

    Ogni barra dell'istogramma contiene un menu con opzioni per analizzare i log.

  2. Controlli di tempo: consentono di modificare l'intervallo di tempo dei log visualizzati nel riquadro Risultati delle query. Per i dettagli su queste opzioni, consulta la pagina Analizzare i log utilizzando i controlli di tempo.

  3. Sequenza temporale: mostra l'intervallo di tempo dei log, rappresentati da barre degli istogrammi, attualmente visualizzate nel riquadro Risultati delle query. La sequenza temporale ti aiuta a orientarti nei log che stai visualizzando nell'intervallo di tempo più ampio della query.

Analizzare i log utilizzando i controlli dell'ora

Puoi utilizzare i controlli dell'ora dell'istogramma per analizzare e analizzare i dati dei log.

Regola rapidamente l'ora

L'istogramma fornisce controlli del tempo che consentono di regolare rapidamente i dati visualizzati in Esplora log.

La sequenza temporale del riquadro dell'istogramma mostra i controlli del tempo rapido.

  • Punti di manipolazione del tempo: trascina i punti di manipolazione della sequenza temporale verso l'interno per limitare i dati o verso l'esterno per ampliarli nella sequenza temporale dell'istogramma. Fai clic su Esegui.

  • Fai scorrere la sequenza temporale in avanti e indietro: fai clic sulla freccia avanti per far scorrere la sequenza temporale in un secondo momento. Fai clic sulla Freccia indietro per scorrere una sequenza temporale in una data precedente.

  • Aumentare e diminuire lo zoom: fai clic sull'icona per diminuire lo zoom per espandere i dati mostrati nella sequenza temporale. Fai clic sull'icona per aumentare lo zoom per restringere i dati visualizzati nella sequenza temporale.

Le modifiche alla sequenza temporale devono essere comprese tra l'ora corrente ("ora") e 30 giorni fa.

Scorri o esegui lo zoom sull'ora

Oltre ai controlli di cui sopra, l'istogramma fornisce le funzionalità Scorri al tempo e Zoom al tempo per offrirti un controllo più approfondito dell'istogramma e dei dati che vedi in altri riquadri di Esplora log.

La sequenza temporale del riquadro dell'istogramma mostra i controlli di scorrimento e di scorrimento fino al tempo.

Forse un determinato istogramma ti interessa in base alle sue dimensioni relative o alla gravità. Puoi selezionare la barra dell'istogramma per regolare i dati dei log visualizzati in Esplora log.

Puoi utilizzare la funzionalità Scorri fino al tempo per sfogliare i dati di log senza modificare i valori nei riquadri Istogramma e Campi log. Quando selezioni la funzionalità Scorri fino al tempo, si verifica quanto segue:

  • I dati di log visualizzati nel riquadro Risultati delle query vengono regolati in base all'intervallo di tempo acquisito dalla barra dell'istogramma selezionato.

    La query non viene eseguita, ma potrebbe verificarsi un ricaricamento parziale dei dati per garantire che vengano visualizzati i log nel riquadro Risultati delle query corrispondenti all'intervallo di tempo dell'istogramma selezionato.

  • L'URL della console si aggiorna per contenere il timestamp del log più recente acquisito dall'intervallo di tempo della barra dell'istogramma selezionato.

Per selezionare la funzionalità Scorri fino al tempo:

  1. Passa il mouse sopra una barra della sequenza temporale dell'istogramma. Viene visualizzato un riquadro contenente informazioni di riepilogo sui dati dei log per l'intervallo di tempo specificato.

  2. Nel riquadro, seleziona Scorri fino al tempo.

    In alternativa, fare clic su una barra dell'istogramma, anziché passarvi sopra il mouse, equivale a selezionare Scorri fino al tempo.

La funzionalità Zoom al tempo è simile a Scorri fino al tempo, ma esegue una query sui dati di log in base all'intervallo di tempo acquisito da una barra dell'istogramma selezionato. Quando selezioni la funzionalità Esegui lo zoom sull'ora, si verifica quanto segue:

  • I dati di log visualizzati nel riquadro Risultati delle query vengono ricaricati e restringi in base alla limitazione dell'intervallo di tempo della barra dell'istogramma selezionato.
  • L'URL della console si aggiorna per contenere il timestamp del log più recente acquisito dall'intervallo di tempo della barra dell'istogramma selezionato.
  • L'istogramma cambia per mostrare solo i log con un valore timestamp compreso nell'intervallo di tempo della barra dell'istogramma selezionato.
  • I dati nel riquadro Campi log vengono modificati in base all'intervallo di tempo acquisito dalla barra dell'istogramma selezionato.

Per selezionare la funzionalità Esegui lo zoom sulla durata, procedi nel seguente modo:

  1. Passa il mouse sopra una barra della sequenza temporale Istogramma. Viene visualizzato un riquadro contenente informazioni di riepilogo sui dati dei log per l'intervallo di tempo specificato.

  2. Nel riquadro, seleziona Esegui lo zoom sull'ora.

Risultati delle query

Utilizzando il riquadro Risultati delle query, puoi esplorare le voci di log corrispondenti alle espressioni di query e all'intervallo di tempo selezionato utilizzando i controlli di tempo dell'istogramma o il selettore dell'intervallo di tempo:

Riquadro dei risultati della query

Utilizza le funzionalità del riquadro Risultati delle query per effettuare le seguenti operazioni:

  • Risultati delle query: visualizza le voci di log recuperate dalla query nel formato JSON strutturato. Per espandere i risultati della query, fai clic su Inserisci risultati della query a schermo intero .
  • Fuso orario: modifica il fuso orario in cui vengono visualizzati i log.
  • Scarica i log: scarica i log dai risultati delle query.
  • Nascondi log simili: nascondi grandi quantità di log simili dai risultati della query.
  • Dati di tracciamento: visualizza i dettagli della traccia e perfeziona la tua query in base alla traccia. Per scoprire di più, consulta Visualizzare i dati di traccia.
  • Nascondi riepilogo log: nascondi la riga di riepilogo del log dai risultati della query.
  • Espandi o comprimi i campi di log nidificati: Espandi o comprimi i campi nidificati.
  • Copia negli appunti: copia la voce di log nel suo formato JSON.
  • Copia link in una voce di log: condividi il link a una voce di log. Per ulteriori informazioni, consulta Copiare un link a una voce di log.
  • Pulsante Modifica nell'intestazione della colonna Riepilogo: aggiungi il valore di un campo di log alle righe di riepilogo delle voci di log. Puoi anche nascondere completamente i campi di riepilogo predefiniti per visualizzare un testo non elaborato delle tue voci. Per ulteriori informazioni, consulta Aggiungere e gestire i campi di riepilogo.
  • Blocca voce di log: blocca una voce di log nei riquadri Risultati delle query e Istogramma. Per saperne di più, vedi Blocco dei log.
  • Scorrimento cursore. Fai scorrere i log nei Risultati di query; l'URL si regola per includere cursorTimestamp, che indica il timestamp del log più recente mostrato nel riquadro Risultati delle query corrente.

Nel riquadro dei risultati della query, puoi fare clic sui valori di un campo per scegliere:

  • Mostra voci corrispondenti: query per le voci di log corrispondenti.
  • Nascondi voci corrispondenti: query per voci di log che non corrispondono all'espressione selezionata.
  • Aggiungi campo alla riga di riepilogo: aggiungi il campo come riga di riepilogo alle voci di log.

Aggiungere e gestire i campi di riepilogo

Puoi utilizzare i campi di riepilogo per individuare più velocemente i pattern nei log.

Supponiamo che tu stia sfogliando le voci di log nei risultati della query e voglia scorrere rapidamente i risultati in base a un determinato campo LogEntry. Oppure potresti voler raggruppare le voci di log in base a una determinata coppia valore-campo. Puoi aggiungere campi ai riepiloghi dei risultati, che vengono visualizzati all'inizio di ogni riga della voce di log. Ad esempio, l'immagine seguente mostra i risultati della query con il campo di riepilogo resource.type aggiunto a ogni riga della voce di log:

Lo strumento Esplora log mostra i log preceduti da un testo verde in cui sono visualizzati i tipi di risorse.

Esplora log offre campi di riepilogo predefiniti, che dipendono dai risultati delle query correnti, e campi di riepilogo personalizzati, che consentono di scegliere come target qualsiasi campo in LogEntry.

Puoi gestire i campi di riepilogo personalizzati e predefiniti da un menu di modifica nei risultati delle query. Puoi anche aggiungere campi di riepilogo personalizzati direttamente da una voce di log espansa.

Aggiungere un campo di riepilogo personalizzato da una voce di log

Per aggiungere un campo di riepilogo personalizzato direttamente da una voce di log:

  1. Espandi una voce di log facendo clic sul pulsante Espandi .

  2. Fai clic sul valore di un campo e seleziona Aggiungi campo alla riga di riepilogo.

Il campo di riepilogo ora viene visualizzato come chip prima delle voci di log contenenti il campo in questione.

Per rimuovere un campo di riepilogo personalizzato, fai clic sul relativo chip nella riga di voce di log e seleziona Rimuovi campo dalla riga di riepilogo. Per gestire ulteriormente i campi di riepilogo personalizzati, consulta le istruzioni nella sezione successiva.

Gestire i campi di riepilogo utilizzando il menu di modifica

Per gestire i campi di riepilogo personalizzati e predefiniti utilizzando il menu di modifica, procedi nel seguente modo:

  1. Fai clic su Modifica per aprire il menu di modifica:

    Il riquadro dei risultati della query mostra il pulsante per modificare i campi di riepilogo.

  2. Nella finestra di dialogo Gestisci campi di riepilogo:

    1. Attiva o disattiva i campi di riepilogo predefiniti tramite il pulsante di attivazione/disattivazione .

      Se disattivi i campi di riepilogo predefiniti e non aggiungi campi di riepilogo personalizzati, le voci di log vengono visualizzate in un formato di testo non elaborato.

    2. Aggiungi i nomi dei campi personalizzati ai campi di riepilogo personalizzati.

      La selezione dei campi di riepilogo include le seguenti funzionalità:

      • Completa automaticamente utilizzando i log attualmente visualizzati nei risultati della query.
      • Correzione dei campi per i caratteri legali tra virgolette.

      Ad esempio, se digiti jsonPayload.id-field, il criterio cambia in jsonPayload."id-field".

      Puoi anche scegliere come target qualsiasi campo LogEntry, indipendentemente dal fatto che sia suggerito con la funzione di completamento automatico.

      Per rimuovere un campo di riepilogo personalizzato esistente, fai clic sulla X nel relativo chip.

    3. Attiva o disattiva il troncamento per i campi di riepilogo personalizzati. Utilizza l'interruttore di attivazione/disattivazione dei campi di riepilogo Tronca per abbreviare la visualizzazione dei valori dei campi di riepilogo. Quindi, scegli quanti caratteri visualizzare prima che il campo venga troncato e se visualizzare o meno l'inizio o la fine del campo.

  3. Fai clic su Applica.

    I campi di riepilogo vengono ora aggiornati nei risultati delle query.

Nascondi voci di log simili

Puoi nascondere i log per rimuovere rapidamente grandi quantità di voci di log simili dai risultati della query.

Quando esegui una query, i risultati della query vengono analizzati per individuare i pattern che vengono inviati per la visualizzazione nel riquadro Risultati delle query. Le voci di log vengono quindi raggruppate automaticamente in base ai contenuti simili dei campi dei log. Se viene rilevato un pattern significativo, nel riquadro Risultati delle query viene visualizzato un banner che mostra la percentuale di risultati simili che possono essere nascosti:

Nascondi banner di log simili

Per nascondere i log simili, fai clic su Nascondi voci simili. Viene aggiunta una clausola alla query e ricarica i risultati della query.

Per visualizzare in anteprima le voci di log nascoste, fai clic su Anteprima. Viene aperta una finestra separata che descrive il pattern trovato e mostra esempi delle voci che verranno nascoste.

Quando nascondi log simili, non viene salvata alcuna informazione al di fuori della sessione Esplora log e ogni query produce una nuova analisi, basata solo sui log mostrati. Query diverse analizzano parti diverse delle voci di log in base ai tipi di log restituiti.

Blocca voci di log

Puoi bloccare una voce di log per evidenziarne una di tuo interesse.

Per bloccare una voce di log:

  1. Passa il mouse sopra la voce di log che vuoi bloccare.
  2. Fai clic sull'icona a forma di puntina .

Dopo aver fissato una voce di log, lo sfondo viene oscurato e viene visualizzata un'icona a forma di puntina .

Se blocchi una voce di log ed esegui di nuovo la query, la voce di log bloccata verrà visualizzata nella parte superiore o inferiore del riquadro Risultati delle query e dipende da come hai configurato i dati dei log. Nel riquadro Istogramma viene visualizzata anche un'icona a forma di puntina in base alla voce di log bloccata timestamp.

Esplora log mostra una voce di log bloccata nei risultati della query e nel riquadro Istogramma.

Per sbloccare la voce di log, fai di nuovo clic sull'icona a forma di puntina.

Visualizza una voce di log bloccata nei contesti delle risorse

Se blocchi una voce di log e la visualizzi all'interno di diversi contesti delle risorse, la query viene eseguita di nuovo con le stesse informazioni sulle risorse della voce di log bloccata.

Per visualizzare la voce di log bloccata in diversi contesti delle risorse:

  1. Fai clic sulla Freccia giù accanto al log bloccato per espandere il menu dei segnaposto.

  2. Nel menu PIN, puoi scegliere di visualizzare la voce di log nei seguenti contesti delle risorse:

    • Stesso resource.type: esegue nuovamente la query con lo stesso resource.type del log bloccato.

    • Stesso resource.labels: esegue nuovamente la query con lo stesso resource.labels del log bloccato.

    • Stesso trace: esegue di nuovo la query con la stessa traccia del log bloccato.

    • Mostra tutto: cancella ed esegue di nuovo la query.

Visualizza una voce di log bloccata nel riquadro Istogramma

Puoi utilizzare il riquadro Istogramma per evidenziare, scorrere ed esaminare ulteriormente una voce di log bloccata.

Utilizzando il riquadro Istogramma, fai clic sull'icona a forma di puntina e poi scegli tra le seguenti opzioni di menu:

  • Scorri fino alla voce di log: porta la voce di log nel riquadro Risultati delle query corrente e visualizza la voce di log bloccata nel contesto dei log nelle vicinanze.
  • Esegui lo zoom sulla voce di log: restringi l'intervallo di tempo visualizzato nel riquadro Istogramma e perfeziona la tua query per isolare i log vicino al log bloccato.

Visualizza dati di traccia

Se una voce di log contiene sia il campo trace sia il campo relativo alla latenza, vengono visualizzate sia l'icona di latenza sia quella di traccia.

Visualizzazione della voce di log contenente i dati di traccia.

Quando una voce di log contiene solo il campo trace, viene visualizzata solo l'icona di traccia.

La visualizzazione della voce di log che contiene solo il campo della traccia ha un'icona di traccia.

Per visualizzare i dati di traccia relativi alla voce di log, fai clic sull'icona di traccia. Hai le seguenti opzioni:

  • Visualizza dettagli traccia: mostra l'intervallo principale e le tracce secondarie, insieme ai dettagli della traccia. Per visualizzare ulteriori dettagli sulla traccia, accedi a Cloud Trace facendo clic su Visualizza in Trace. Per maggiori informazioni sui contenuti nel riquadro dei dettagli, consulta Visualizzare i dettagli delle tracce.
  • Mostra tutti i log per questa traccia: perfeziona ed esegue la query aggiungendo il campo trace impostato all'identificatore della traccia associata alla voce di log.

  • Mostra solo richieste tracciate: perfeziona ed esegue la query aggiungendo il campo traceSampled impostato su True. Per scoprire di più sul campionamento, consulta la sezione Frequenza di campionamento.

Visualizza i dati di Monitoring

Per alcuni log, ad esempio i log di GKE e Compute Engine, puoi fare clic sul tipo di risorsa dalla riga di riepilogo del log per visualizzare un menu con le seguenti opzioni:

  • Visualizza dettagli di monitoraggio: apre un riquadro dei dettagli per una risorsa GKE. Per informazioni sul riquadro dei dettagli, consulta Visualizzare i dettagli delle risorse.
  • Visualizza in Monitoring: si apre una pagina di Monitoring per la risorsa.
  • Visualizza in GKE o Visualizza in Compute Engine: apre la pagina Dettagli per la risorsa all'interno dell'interfaccia utente di GKE o Compute Engine.

Visualizzazione del menu Esplora log per le risorse GKE.

Per condividere un link a un log, espandi una voce di log e seleziona Copia link. Il link viene copiato negli appunti. Puoi inviare il link agli utenti che hanno accesso al progetto Cloud. Quando un utente incolla il link in un browser o lo seleziona, Logging blocca la voce di log nel riquadro Risultati delle query.

Copia il link per condividere la voce di log con altri.

Scarica i log

Puoi scaricare i log in formato CSV o JSON. Per scaricare i log, devi disporre di uno dei seguenti ruoli di Identity and Access Management:

  • Amministratore logging (roles/logging.admin)
  • Funzione di accesso alle visualizzazioni dei log (roles/logging.viewAccessor)

Per scaricare i log:

  1. Fai clic su Scarica nel riquadro Risultati delle query.

  2. Nella finestra di dialogo Scarica log, seleziona il formato CSV o JSON.

  3. Seleziona l'operazione da eseguire sui dati del log. Le opzioni a tua disposizione sono le seguenti:

    • Scarica i dati sul computer.
    • Scaricare i dati su Drive.
    • Visualizza i dati in una nuova scheda.

    Quando salvi un file CSV e selezioni Drive, puoi aprirlo in Fogli.

Esempi di query

Per le query suggerite, organizzate in base al prodotto Google Cloud e al caso d'uso, consulta Esempi di query utilizzando Esplora log. Ad esempio, puoi eseguire query correlate a Kubernetes per trovare i log di Google Kubernetes Engine.

Visualizza i log di Compute Engine

Per alcuni tipi di risorse Compute Engine, come gce_instance e gce_network, vedi il nome della risorsa con ID risorsa come sottotitolo in diversi punti di Esplora log. Ad esempio, per il tipo di risorsa gce_instance, vedrai il nome della VM insieme all'ID VM. I nomi delle risorse aiutano a identificare l'ID risorsa corretto, su cui puoi creare query.

Potresti vedere i nomi delle risorse Compute Engine nelle seguenti posizioni:

  • Query menu del filtro riquadro: i tipi di risorsa di Compute Engine mostrano i nomi delle risorse, con i relativi ID risorsa come sottotesto.
  • Campi log: i tipi di risorse Compute Engine mostrano il nome della risorsa, anziché l'ID risorsa, nelle dimensioni del campo.
  • Risultati delle query: per i log delle istanze VM di Compute Engine, il campo resource.labels mostra i metadati con il nome della risorsa corrispondente.
  • Campi di riepilogo: per i log delle istanze VM di Compute Engine, il chip mostra il nome della risorsa anziché l'ID risorsa.

Risolvere i problemi

Questa sezione fornisce istruzioni per la risoluzione dei problemi comuni quando si utilizza Esplora log.

Se riscontri problemi durante il tentativo di visualizzare i log nelle destinazioni sink, vedi Risolvere i problemi di routing e sink.

Recupero ID progetto o organizzazione Cloud

Per ottenere un progetto cloud o un ID organizzazione da qualsiasi punto della console Google Cloud, espandi l'elenco dei progetti Cloud dal selettore progetti e organizzazione Cloud e trova l'ID progetto Cloud nella colonna ID:

Viene visualizzato l'ID del progetto

Impossibile visualizzare le voci di log

Se non vedi nessuna voce di log, verifica quanto segue:

  • È selezionato il progetto Cloud corretto? In caso contrario, seleziona il progetto Cloud corretto nel progetto Cloud e nel selettore dell'organizzazione.

  • Il tuo progetto Cloud utilizza risorse che generano log e vengono rilevate attività su tali risorse? Anche se il progetto Cloud è nuovo, deve disporre degli audit log che registrano il fatto che è stato creato. Verifica di utilizzare una risorsa che genera log andando alla sezione "Mappatura dei servizi su tipi di risorse" nella pagina Elenco delle risorse monitorate.

  • L'intervallo di tempo è troppo limitato? Verifica che l'intervallo di tempo nella query sia corretto.

  • Visualizza le tue query di esclusione correnti per assicurarti che i log che stai cercando non vengano accidentalmente esclusi.

  • Per visualizzare i log viene utilizzato l'ambito corretto? Per istruzioni su come modificare l'ambito della ricerca, vedi Perfezionare l'ambito.

La mia query è corretta ma continuo a non vedere le voci di log

  • Non puoi visualizzare voci di log precedenti al periodo di conservazione di Logging. Consulta i periodi di conservazione dei log per informazioni sul periodo di conservazione dei log in vigore.

  • Durante periodi di carico elevato, potrebbero verificarsi ritardi nell'invio dei log a Logging o nella ricezione e visualizzazione dei log.

  • Lo strumento Esplora log non mostra le voci di log con timestamp in futuro finché non viene rilevata l'ora attuale. Si tratta di una situazione insolita, probabilmente causata da un disallineamento dell'ora nell'applicazione che invia i log.

  • L'ambito della query è stato impostato su un valore troppo grande e non è stato possibile completarlo in un lasso di tempo ragionevole. Potrebbe essere visualizzato come "scadenza scaduta prima del completamento dell'operazione". Prova a rendere la query più specifica o a ridurre l'intervallo di tempo.

La query restituisce un errore

Se esegui una query su una risorsa senza specificare un bucket, Cloud Logging utilizza la cronologia dei sink nel progetto Google Cloud per determinare dove potrebbero essere state scritte le voci per la risorsa in questione. Se Cloud Logging identifica più di 200 bucket in cui potrebbero essere state scritte voci, la query non riesce con il messaggio Error: Invalid query.

Per risolvere questo problema, perfeziona l'ambito della query in un sottoinsieme dello spazio di archiviazione. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina Perfezionare l'ambito.

L'intervallo di tempo dei risultati della query non corrisponde alla query

I dati dei log visualizzati nei riquadri Risultati delle query e Campi log si adattano all'intervallo di tempo acquisito dalla sequenza temporale dell'istogramma. Puoi regolare la sequenza temporale dell'istogramma utilizzando i controlli di tempo dell'istogramma o il selettore dell'intervallo di tempo. La modifica di questi controlli dell'ora non modifica l'espressione di query nel riquadro Query.

Se hai una query con un timestamp, il selettore dell'intervallo di tempo viene disattivato e la query utilizza l'espressione timestamp come limitazione dell'intervallo di tempo. Se una query non utilizza un'espressione di timestamp, la query utilizza il selettore dell'intervallo di tempo come limitazione dell'intervallo di tempo.

Richiedere assistenza

Per informazioni su come ricevere assistenza, consulta la pagina di assistenza della suite operativa di Google Cloud.