Controllo delle modifiche di una variabile

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

In questa pagina viene spiegato come creare un utente per una variabile. Per saperne di più sugli orologi, consulta Runtime Configurator Fundamentals.

Prima di iniziare

Controllo di una variabile per il cambiamento

Puoi osservare una variabile per le modifiche richiamando il metodo variables().watch. Il metodo monitora la variabile per 60 secondi e restituisce un valore variabile in seguito. Se il valore non cambia entro 60 secondi, il metodo termina e restituisce con la variabile state=VARIABLE_STATE_UNSPECIFIED. Se la variabile viene eliminata, il metodo restituisce una variabile state=DELETED e l'ultimo valore noto.

Per impostare un watcher, utilizza Deployment Manager, l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud o l'API.

Deployment Manager

Non è supportato in Deployment Manager. Crea un attesa.

gcloud

Con l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud:

gcloud beta runtime-config configs variables watch [VARIABLE_KEY] --max-wait [TIMEOUT_SEC] --config-name [CONFIG_NAME]

dove:

  • La chiave da guardare è [VARIABLE_KEY].
  • [TIMEOUT_SEC] è il tempo di attesa, in secondi. L'importo predefinito e massimo è 60 secondi.

L'interfaccia a riga di comando gcloud controlla la variabile e torna dopo che ha raggiunto il periodo di timeout specificato o che la variabile cambia. Se la variabile è cambiata, la risposta contiene uno degli stati delle variabili applicabili.

API

Nell'API, effettua una richiesta POST al seguente URI:

https://runtimeconfig.googleapis.com/v1beta1/projects/[PROJECT_ID]/configs/[CONFIG_NAME]/variables/[VARIABLE_KEY]:watch

dove:

  • [PROJECT_ID] è l'ID progetto per questa richiesta.
  • [CONFIG_NAME] è il nome della risorsa RuntimeConfig per questa richiesta.
  • La chiave da guardare è [VARIABLE_KEY].

    Facoltativamente, puoi fornire un payload della richiesta con la proprietà newerThan:

    { "newerThan": "[TIMESTAMP]" }

    dove [TIMESTAMP] è un timestamp nel formato RFC 3339 dal periodo in formato UTC "Zulu". Ad esempio:

    2014-10-02T15:01:23.045123456Z

    Se fornisci la proprietà newerThan, il metodo restituisce immediatamente se il timestamp corrente della variabile è più recente di quello specificato. Utilizza la proprietà newerThan per assicurarti di non aver perso alcuna modifica tra le chiamate watch().

    Il metodo viene restituito con uno degli stati variabili applicabili.

    Per scoprire di più sul metodo, consultate la documentazione di variables().watch.

Passaggi successivi