Chiamata delle Funzioni Cloud

Ogni Funzione Cloud ha un trigger che determina come e quando viene eseguita la tua funzione. Un trigger è essenzialmente una dichiarazione di quale occorrenza deve causare la esecuzione della funzione. Se associ un trigger a una funzione Cloud, la funzione viene eseguita quando viene attivato il trigger.

Esistono due tipi di attivatori:

  • Trigger HTTP
  • Attivatori di eventi

Trigger HTTP

Una funzione con trigger HTTP viene eseguita quando viene inviata una richiesta HTTP all'URL della funzione.

Attivatori di eventi

Una funzione con trigger di evento non ha un URL pubblico. Viene eseguito in risposta a un evento all'interno del progetto Cloud. Ad esempio, una funzione potrebbe essere eseguita in risposta a eventuali modifiche ai dati in un database.

Cloud Functions supporta i seguenti trigger basati su eventi:

Puoi anche integrare Cloud Functions con qualsiasi altro servizio Google che supporti Cloud Pub/Sub o con qualsiasi servizio che fornisca callback HTTP (webhook). Questa funzionalità è descritta in dettaglio in Trigger aggiuntivi di seguito.

Trigger aggiuntivi

Poiché Cloud Functions può essere richiamato dai messaggi in un argomento di Cloud Pub/Sub, puoi facilmente integrare Cloud Functions con qualsiasi altro servizio Google che supporti Cloud Pub/Sub come bus di eventi. Inoltre, sfruttando le chiamate HTTP, puoi anche integrare qualsiasi servizio che fornisce callback HTTP (webhook).

Cloud Logging

Gli eventi Google Cloud Logging possono essere esportati in un argomento Cloud Pub/Sub da cui possono essere utilizzati da Cloud Functions. Per ulteriori informazioni, consulta la documentazione di Cloud Logging sull'esportazione dei log.

Gmail

Con l'API Gmail Push Notification puoi inviare eventi di Gmail a un argomento Cloud Pub/Sub e utilizzarli con una Funzione Cloud.