Termini chiave

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Per utilizzare Cloud SQL in modo efficace, devi comprendere alcuni dei concetti su cui è stato sviluppato. Questa pagina fornisce una panoramica dei termini e dei concetti chiave che si applicano a Cloud SQL.

Per un'introduzione all'utilizzo di Cloud SQL, consulta Che cos'è Cloud SQL?.

Istanza Cloud SQL

Un'istanza Cloud SQL corrisponde a una macchina virtuale (VM). La VM include l'istanza di database e i container software associati per mantenere operativa l'istanza di database.

Istanza di database

Un'istanza di database è l'insieme di software e file che operano nei database: MySQL, PostgreSQL o SQL Server.

IP pubblico e privato

In Cloud SQL, l'IP pubblico indica che l'istanza è accessibile tramite la rete Internet pubblica. Al contrario, le istanze che utilizzano solo l'IP privato non sono accessibili tramite la rete Internet pubblica, ma sono accessibili tramite un Virtual Private Cloud (VPC). Le istanze Cloud SQL possono avere un indirizzo IP pubblico e privato.

Alta disponibilità

Le istanze Cloud SQL che utilizzano l'alta disponibilità offrono maggiore affidabilità rispetto alle istanze non ad alta disponibilità.

L'alta disponibilità in Cloud SQL ha due istanze sincronizzate: un'istanza principale e un'istanza standby. Ogni istanza ha esattamente una VM. Ogni istanza si trova in una zona diversa nella stessa area geografica.

Failover

Un failover è quando Cloud SQL passa dalla pubblicazione dell'istanza principale originale all'istanza standby.

Autofailover è un meccanismo che attiva automaticamente il failover quando un'istanza Cloud SQL non ha riscontrato un battito cardiaco nell'intervallo precedente.

Istanze in standby

L'istanza di standby viene utilizzata in alta disponibilità per sostituire l'istanza principale quando si verifica il failover. L'istanza di standby non viene visualizzata in Google Cloud Console. Quando si verifica il failover, le connessioni all'istanza principale vengono trasferite automaticamente all'istanza standby.

Clona

Quando cloni un'istanza Cloud SQL, crei una nuova istanza che sia una copia dell'istanza di origine, ma è completamente indipendente. Al termine della clonazione, le modifiche all'istanza di origine non vengono applicate nel clone e non a quelle nell'istanza di origine.

Replica

La replica è la possibilità di creare copie di un'istanza Cloud SQL o di un database on-premise e di trasferire il lavoro nelle copie. Il motivo principale dell'utilizzo della replica è la scalabilità dell'utilizzo dei dati in un database senza ridurre le prestazioni dell'istanza principale.

Replica in lettura

La replica di lettura è una copia esatta dell'istanza principale. I dati e altre modifiche sull'istanza principale vengono aggiornati quasi in tempo reale nella replica di lettura. Invia le transazioni di scrittura all'istanza principale e le tue richieste di lettura alla replica di lettura. La replica di lettura elabora query, richieste di lettura e traffico di analisi, riducendo così il carico sull'istanza principale.

Server di origine

La replica copia le transazioni da un'istanza principale a una o più repliche di lettura. L'istanza principale è denominata anche server di origine. Il server di origine può essere un'istanza principale di Cloud SQL o un server esterno a Google Cloud, ad esempio un server on-premise o un server in esecuzione in un cloud diverso. Se il server di origine è esterno a Google Cloud, lo chiamiamo Replication from an external server.

Client proxy Cloud SQL Auth

Il client proxy Cloud SQL Auth è un software open source gestito da Cloud SQL. Si connette a un processo companion, il server proxy Cloud SQL Auth, in esecuzione sulla tua istanza Cloud SQL. Esegui il client proxy Cloud SQL Auth sui tuoi server. Il client proxy Cloud SQL Auth può essere utilizzato per stabilire una connessione SSL/TLS sicura con l'istanza del database e/o per evitare di dover aprire il firewall. L'autenticazione viene eseguita tramite Identity and Access Management (IAM).