Configurare un reindirizzamento da HTTP a HTTPS per un bilanciatore del carico delle applicazioni classico

Questa pagina mostra come configurare un reindirizzamento da HTTP a HTTPS per il bilanciatore del carico delle applicazioni classico. Questa pagina è dedicata solo a un bilanciatore del carico delle applicazioni classico. Se utilizzi un bilanciatore del carico in una modalità diversa, consulta una delle seguenti pagine:

Questo esempio mostra come utilizzare i reindirizzamenti della mappa URL per reindirizzare tutte le richieste da HTTP a HTTPS. Questo esempio mostra come impostare i reindirizzamenti utilizzando le note porte 80 (per HTTP) e 443 (per HTTPS). Tuttavia, non è obbligatorio utilizzare questi specifici numeri di porta. Ogni regola di forwarding per un bilanciatore del carico delle applicazioni può fare riferimento a una singola porta da 1 a 65535.

HTTPS utilizza TLS (SSL) per criptare le richieste e le risposte HTTP, rendendolo più sicuro. Un sito web che utilizza HTTPS ha https:// all'inizio dell'URL anziché http://.

Per i nuovi bilanciatori del carico delle applicazioni HTTPS

Se vuoi creare un nuovo bilanciatore del carico delle applicazioni HTTPS, puoi utilizzare la console Google Cloud per configurare un reindirizzamento da HTTP a HTTPS.

Durante la creazione del frontend del bilanciatore del carico, segui questi passaggi:

  1. Nella console Google Cloud, vai alla pagina di configurazione del bilanciatore del carico.

    Vai a Bilanciamento del carico (Crea Application Load Balancer classico)

  2. In Nome bilanciatore del carico, inserisci un nome.
  3. Fai clic su Configurazione frontend.
  4. Per Protocollo, seleziona HTTPS (include HTTP/2).
  5. In Indirizzo IP, fai clic su Crea indirizzo IP. Inserisci un nome per il nuovo indirizzo IP statico e fai clic su Prenota.
  6. In Certificato, seleziona un certificato SSL.
  7. Per creare il reindirizzamento, seleziona la casella di controllo Abilita reindirizzamento da HTTP a HTTPS.
  8. Fai clic su Fine.
  9. Completa il backend e le altre configurazioni richieste.
  10. Fai clic su Crea.

Per poter selezionare la casella di controllo, devi selezionare il protocollo HTTPS e utilizzare un indirizzo IP riservato (non temporaneo).

Casella di controllo reindirizzamento da HTTP a HTTPS nella console Google Cloud.
Figura 1. Casella di controllo reindirizzamento da HTTP a HTTPS nella console Google Cloud (fai clic per ingrandire).

A seconda del tipo di backend, utilizza le istruzioni della console Google Cloud in una delle seguenti guide per completare la configurazione:

Se imposti la casella di controllo Abilita reindirizzamento da HTTP a HTTPS, viene creato automaticamente un bilanciatore del carico HTTP parziale aggiuntivo composto da una mappa URL, una regola di forwarding e un proxy HTTP di destinazione. Questo bilanciatore del carico HTTP parziale utilizza lo stesso indirizzo IP del bilanciatore del carico HTTPS e reindirizza le richieste HTTP al frontend HTTPS del bilanciatore del carico. Utilizza 301 Moved Permanently come codice di risposta di reindirizzamento predefinito.

Dopo aver creato il bilanciatore del carico HTTPS, puoi vedere il bilanciatore del carico HTTP parziale nell'elenco dei bilanciatori del carico, con un suffisso -redirect. Verifica la configurazione seguendo la procedura descritta in Test del reindirizzamento da HTTP a HTTPS.

Per i bilanciatori del carico esistenti

Se hai già un bilanciatore del carico delle applicazioni HTTPS (chiamato qui LB1) che gestisce il traffico HTTPS sulla porta 443, devi creare un bilanciatore del carico delle applicazioni HTTP parziale (chiamato qui LB2) con la seguente configurazione:

  • Lo stesso indirizzo IP frontend utilizzato da LB1
  • Un reindirizzamento configurato nella mappa URL

Questo bilanciatore del carico HTTP parziale utilizza lo stesso indirizzo IP del bilanciatore del carico HTTPS e reindirizza le richieste HTTP al frontend HTTPS del bilanciatore del carico.

Questa architettura è mostrata nel diagramma seguente.

Architettura di configurazione del reindirizzamento da HTTP a HTTPS.
Figura 2. Architettura di configurazione del reindirizzamento da HTTP a HTTPS (fai clic per ingrandire).

Reindirizzamento del traffico al bilanciatore del carico HTTPS

Dopo aver verificato che il bilanciatore del carico HTTPS (LB1) funzioni, puoi creare il bilanciatore del carico HTTP parziale (LB2) con il frontend configurato per reindirizzare il traffico a LB1.

In questo esempio viene utilizzato il codice di risposta 301. In alternativa, puoi utilizzare un codice di risposta diverso.

Per configurare il reindirizzamento con gcloud, devi importare un file YAML e assicurarti che il proxy HTTP di destinazione punti alla mappa URL che reindirizza il traffico. Se utilizzi la console Google Cloud, questo viene gestito per te.

I bilanciatori del carico delle applicazioni esterni regionali non sono supportati nella console Google Cloud.

Console

Avvia la configurazione
  1. Nella console Google Cloud, vai alla pagina Bilanciamento del carico.

    Vai a Bilanciamento del carico

  2. Fai clic su Crea bilanciatore del carico.
  3. Nella scheda Application Load Balancer (HTTP/S), fai clic su Avvia configurazione.
  4. In Per internet o solo interno, seleziona Da internet alle mie VM.
  5. Per Globale o a livello di regione, seleziona Application Load Balancer classico.
  6. Inserisci http-redirect nel campo Nome del bilanciatore del carico.
  7. Per continuare, tieni la finestra aperta.
Salta la configurazione del backend
  1. Salta la sezione Configurazione backend.
Configura il reindirizzamento nella mappa URL
  1. Nella colonna a sinistra della pagina, fai clic su Regole host e percorso.
  2. Seleziona Regola avanzata per host e percorso (reindirizzamento URL, riscrittura URL).
  3. In Azione, seleziona Reindirizza il client a un altro host/percorso.
  4. Lascia vuoto il campo Reindirizzamento prefisso.
  5. In Reindirizzamento percorso, seleziona Reindirizzamento prefisso.
  6. Lascia vuoto il campo Valore percorso.
  7. In Codice di risposta di reindirizzamento, seleziona 301 - Spostato in modo permanente.
  8. In Reindirizzamento HTTPS, seleziona Attiva.
  9. Fai clic su Fine.
  10. Per continuare, tieni aperta la pagina di configurazione del bilanciatore del carico.
Configura la regola di forwarding HTTP con lo stesso indirizzo IP utilizzato in LB1
  1. Nella pagina di configurazione del bilanciatore del carico, fai clic su Configurazione frontend.
  2. Imposta Protocollo su HTTP.
  3. Imposta l'indirizzo IP sullo *stesso* indirizzo IP che utilizzi per il bilanciatore del carico HTTPS.
  4. Assicurati che l'opzione Porta sia impostata su 80 per consentire il traffico HTTP.
  5. Fai clic su Fine.
  6. Per continuare, tieni la finestra aperta.
Esamina la configurazione
  1. Nel riquadro a sinistra, fai clic su Esamina e finalizza.
  2. Confronta le tue impostazioni con quelle che volevi creare.
  3. Se è tutto corretto, fai clic su Crea.

Al termine, la console Google Cloud mostra due bilanciatori del carico, come segue.

Bilanciatori del carico.

gcloud

  1. Crea un file YAML /tmp/web-map-http.yaml. Questo esempio utilizza MOVED_PERMANENTLY_DEFAULT come codice di risposta.
  2.        kind: compute#urlMap
           name: web-map-http
           defaultUrlRedirect:
             redirectResponseCode: MOVED_PERMANENTLY_DEFAULT
             httpsRedirect: True
           tests:
           - description: Test with no query parameters
             host: example.com
             path: /test/
             expectedOutputUrl: https://example.com/test/
             expectedRedirectResponseCode: 301
           - description: Test with query parameters
             host: example.com
             path: /test/?parameter1=value1&parameter2=value2
             expectedOutputUrl: https://example.com/test/?parameter1=value1&parameter2=value2
             expectedRedirectResponseCode: 301
           
  3. Convalida la mappa URL.
  4.        gcloud compute url-maps validate --source /tmp/web-map-http.yaml
           

    Se i test vengono superati e il comando restituisce un messaggio di esito positivo, salva le modifiche alla mappa URL.

  5. Crea la mappa URL del bilanciatore del carico HTTP importando il file YAML. Il nome di questa mappa URL è web-map-http.
  6.        gcloud compute url-maps import web-map-http \
               --source /tmp/web-map-http.yaml \
               --global
           

    Se stai aggiornando una mappa URL esistente, viene visualizzato il seguente messaggio:

           Url Map [web-map-http] will be overwritten.
    
           Do you want to continue (Y/n)?
           

    Per continuare, premi Y.

  7. Verifica che la mappa degli URL sia aggiornata. La mappa URL del bilanciatore del carico HTTP dovrebbe avere un aspetto simile al seguente:
  8.        gcloud compute url-maps describe web-map-http
           
           creationTimestamp: '2020-03-23T10:53:44.976-07:00'
           defaultUrlRedirect:
             httpsRedirect: true
             redirectResponseCode: MOVED_PERMANENTLY_DEFAULT
           fingerprint: 3A5N_RLrED8=
           id: '2020316695093397831'
           kind: compute#urlMap
           name: web-map-http
           selfLink: https://www.googleapis.com/compute/v1/projects/PROJECT_ID/global/urlMaps/web-map-http
           
  9. Crea un nuovo proxy HTTP di destinazione o aggiorna un proxy HTTP di destinazione esistente utilizzando web-map-http come mappa URL.
  10.        gcloud compute target-http-proxies create http-lb-proxy \
               --url-map=web-map-http \
               --global
           
    OPPURE
           gcloud compute target-http-proxies update http-lb-proxy \
               --url-map=web-map-http \
               --global
           
  11. Crea una regola di forwarding per instradare le richieste in arrivo al proxy. Il flag --address specifica lb-ipv4-1, che è lo stesso indirizzo IP utilizzato per il bilanciatore del carico HTTPS esterno.
  12.        gcloud compute forwarding-rules create http-content-rule \
               --load-balancing-scheme=EXTERNAL \
               --network-tier=PREMIUM \
               --address=lb-ipv4-1 \
               --global \
               --target-http-proxy=http-lb-proxy \
               --ports=80
           

Aggiungi un'intestazione HSTS personalizzata

Quando aggiungi l'intestazione Strict-Transport-Security HTTP al servizio di backend del bilanciatore del carico HTTPS, il bilanciatore del carico invia l'intestazione personalizzata al client in modo che la volta successiva che il client provi ad accedere all'URL tramite HTTP, il browser reindirizzi la richiesta. Le impostazioni dell'intestazione sono le seguenti:

  • Nome intestazione: Strict-Transport-Security
  • Valore intestazione: max-age=31536000; includeSubDomains; preload

Per aggiungere l'intestazione personalizzata alla configurazione del servizio di backend, utilizza il flag --custom-response-header.

gcloud compute backend-services update BACKEND_SERVICE_NAME_LB1 \
    --global \
    --custom-response-header='Strict-Transport-Security:max-age=31536000; includeSubDomains; preload'

Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Creazione di intestazioni personalizzate.

Test del reindirizzamento da HTTP a HTTPS

Prendi nota dell'indirizzo IP riservato che utilizzi per entrambi i bilanciatori del carico.

gcloud compute addresses describe lb-ipv4-1 
--format="get(address)"
--global

In questo esempio, supponiamo che l'indirizzo IP riservato sia 34.98.77.106. L'URL http://34.98.77.106/ reindirizza a https://34.98.77.106/.

Dopo qualche minuto, puoi verificarlo eseguendo il seguente comando curl.

curl -v http://hostname.com

Esempio di output:

* Connected to 34.98.77.106 (34.98.77.106) port 80 (#0)
> GET / HTTP/1.1
> Host: hostname.com
> User-Agent: curl/7.64.0
> Accept: */*
>
< HTTP/1.1 301 Moved Permanently
< Cache-Control: private
< Content-Type: text/html; charset=UTF-8
< Referrer-Policy: no-referrer
< Location: https://hostname.com
< Content-Length: 220
< Date: Fri, 30 Jul 2021 21:32:25 GMT
<
<HTML><HEAD><meta http-equiv="content-type" content="text/html;charset=utf-8">
<TITLE>301 Moved</TITLE></HEAD><BODY>
<H1>301 Moved</H1>
The document has moved
<A HREF="https://hostname.com">here</A>.
</BODY></HTML>
* Connection #0 to host hostname.com left intact

Passaggi successivi