Panoramica Performance Dashboard

Performance Dashboard offre visibilità sulle prestazioni dell'intera rete Google Cloud e sulle prestazioni del progetto.

Con queste funzionalità di monitoraggio delle prestazioni è possibile distinguere un problema nella tua applicazione da un problema nella rete Google Cloud sottostante. Puoi anche esaminare i problemi storici relativi alle prestazioni della rete.

Performance Dashboard esporta anche i dati in Cloud Monitoring. Puoi utilizzare Monitoring per eseguire query sui dati e ottenere l'accesso a informazioni aggiuntive. Per i dettagli, consulta il riferimento sulle metriche di Performance Dashboard.

Visualizzazione rendimento progetto

Nella visualizzazione prestazioni progetto, Performance Dashboard mostra le metriche di perdita di pacchetti o latenza solo per le zone in cui sono presenti istanze di macchine virtuali (VM). ad esempio il traffico da VM a VM e il traffico da VM a internet. Puoi selezionare fino a cinque regioni in cui viene eseguito il deployment dei carichi di lavoro. La dashboard ti consente di visualizzare e comprendere quanto segue:

  • Riepilogo perdita di pacchetti
  • Media della perdita di pacchetti tra coppie di regioni delle regioni selezionate
  • Media della perdita di pacchetti tra coppie di zone delle regioni selezionate
  • Riepilogo latenza
  • Mediana di latenza tra coppie di regioni delle regioni selezionate
  • Mediana di latenza tra coppie di zone delle regioni selezionate

Traffico tra istanze VM

Performance Dashboard mostra le metriche di perdita di pacchetti e latenza (in grafici di riepilogo e visualizzazioni di mappa termica) per le zone in cui sono presenti istanze di macchine virtuali (VM) Compute Engine. Fornisce i dati e le metriche attuali delle ultime sei settimane. Ad esempio, il tuo progetto ha una rete Virtual Private Cloud (VPC) con VM nelle zone A e B. In questo caso, Performance Dashboard fornisce metriche sulla perdita di pacchetti e sulla latenza per il progetto tra queste due zone.

Puoi anche visualizzare le metriche di latenza aggregate da un campione del tuo traffico da VM a VM effettivo sotto forma di tabella in base al periodo di tempo selezionato. La tabella dei dettagli della latenza elenca le VM e i relativi dettagli sulla latenza.

Traffico tra Google Cloud e le località internet

Performance Dashboard mostra le metriche di latenza per le regioni in cui sono presenti istanze di macchine virtuali (VM) Compute Engine e le località internet dei dispositivi finali che comunicano con le VM. Fornisce le metriche di latenza attuali e i dati storici relativi a sei settimane. Ad esempio, il tuo progetto ha una rete Virtual Private Cloud con VM nella regione A che ricevono traffico dai client nelle città X e Y. In questo caso, Performance Dashboard fornisce metriche di latenza per il progetto tra la regione A e le città X e Y.

Per visualizzare le metriche del progetto, fai clic su Visualizza prestazioni progetto nella parte superiore della pagina Performance Dashboard. Per altri esempi e dettagli su cosa viene misurato, consulta Metriche.

Visualizzazione delle prestazioni di Google Cloud

Nella vista prestazioni di Google Cloud, Performance Dashboard mostra le metriche di latenza e perdita di pacchetti da zona a zona in tutto Google Cloud. come il traffico da VM a VM e il traffico da Google Cloud a internet. La dashboard mostra lo stato della rete Google Cloud e ti consente di confrontare le prestazioni in tutto Google Cloud con quelle osservate nei progetti. Puoi selezionare fino a cinque regioni Google Cloud per visualizzare e comprendere quanto segue:

  • Riepilogo perdita di pacchetti. Questa visualizzazione può mostrare fino a 50 coppie di zone con perdita di pacchetti da VM a VM in tutto Google Cloud.
  • Media della perdita di pacchetti tra coppie di zone.
  • Riepilogo latenza. Questa visualizzazione può mostrare fino a 50 coppie di zone con tempo di round trip (RTT) da VM a VM in tutto Google Cloud.
  • Latenza mediana tra coppie di zone.

Traffico tra istanze VM

Performance Dashboard mostra le metriche di perdita e latenza di pacchetti in tutto Google Cloud. Queste metriche possono aiutarti a capire se i problemi evidenti nella dashboard per progetto sono univoci per il tuo progetto.

La vista delle prestazioni di Google Cloud mostra i dati delle serie temporali per un massimo di 50 coppie di zone per la finestra temporale selezionata, che per impostazione predefinita è di un'ora.

Puoi visualizzare le prestazioni della rete per qualsiasi coppia di zone Google Cloud, anche se il deployment del tuo progetto non è stato eseguito in quelle zone. Puoi visualizzare le prestazioni sia a livello di regione che a livello di zona. Un grafico di riepilogo delle serie temporali mostra fino a 50 coppie di zone con perdita o latenza di pacchetti da VM a VM aggregata più alta in tutto Google Cloud.

Traffico tra Google Cloud e le località internet

Performance Dashboard mostra le metriche di latenza tra le VM in tutte le regioni e gli endpoint internet di Google Cloud. Puoi aggregare il traffico a livello di città, regione geografica e paese. Puoi visualizzare le metriche di latenza che corrispondono a coppie specifiche della regione-località geografica se il traffico Google Cloud è sufficiente per quella coppia.

Queste metriche possono aiutarti a valutare se i problemi evidenti nella dashboard per progetto sono univoci per il tuo progetto. Le metriche globali possono anche aiutarti a pianificare i deployment futuri.

Per visualizzare le metriche sulle prestazioni di Google Cloud, fai clic su Visualizza prestazioni per tutto Google Cloud nella parte superiore della pagina Performance Dashboard. Per visualizzare le metriche sulle prestazioni di Google Cloud dalla visualizzazione prestazioni del progetto, puoi tenere il puntatore sulle coppie di zone specifiche. Per ulteriori esempi e dettagli su cosa viene misurato, consulta Metriche.

Metriche

Performance Dashboard fornisce due tipi di metriche: perdita di pacchetti e latenza (tempo di round trip o RTT). Per ottenere le metriche sulla perdita di pacchetti per il progetto, è necessario un numero sufficiente di VM nel progetto. Per ottenere le metriche di latenza, devi avere una quantità di traffico sufficiente. A parte questo, Performance Dashboard non richiede alcuna configurazione.

Le seguenti sezioni descrivono entrambe le metriche in modo più dettagliato.

Perdita pacchetti

Le metriche sulla perdita di pacchetti mostrano i risultati dei probe attivi tra i seguenti:

  • VM all'interno di una singola rete VPC.

  • VM nelle reti VPC in peering, quando una o entrambe le reti si trovano all'interno del progetto. Se le reti in peering si trovano in progetti diversi, la perdita di pacchetti è visibile nel progetto di destinazione.

  • VM in una rete VPC condiviso utilizzata dal tuo progetto. La perdita di pacchetti tra due progetti che utilizzano una rete VPC condiviso è visibile nel progetto di servizio di destinazione.

Ad esempio, supponiamo che il progetto A includa due reti VPC: la rete A, con VM solo nella zona A, e la rete M, che ha VM solo nella zona M. Se queste due reti sono in peering, la Performance Dashboard del progetto A mostra i dati sulla perdita di pacchetti per la coppia di zone A/M. Se le reti non sono in peering, Performance Dashboard non mostra la metrica della perdita di pacchetti per quella coppia di zone.

Supponi invece che queste due reti non siano nello stesso progetto. Ovvero, supponiamo che la rete A faccia parte del progetto A e la rete M faccia parte del progetto M. Quando le reti sono connesse in peering, Performance Dashboard del progetto M mostra i dati sulla perdita di pacchetti per le situazioni in cui la zona M è la zona di destinazione. Al contrario, quando la zona A è quella di destinazione, i dati sulla perdita di pacchetti sono visibili solo al progetto A. Se le reti non sono in peering, Performance Dashboard di nessuno dei due progetti mostra i dati sulla perdita di pacchetti per la coppia di zone.

I dati raccolti attraverso tutti i probe vengono aggregati in Performance Dashboard. In altre parole, Performance Dashboard non consente di isolare i dati sulla perdita di pacchetti all'interno del progetto rispetto ad altri tipi (ad esempio la perdita di pacchetti relativa a una rete VPC in peering in un altro progetto). Tuttavia, puoi utilizzare Monitoring per visualizzare in dettaglio e ottenere risultati più granulari. Per maggiori dettagli, consulta il riferimento sulle metriche di Performance Dashboard.

Performance Dashboard non invia probe tramite connessioni Cloud VPN.

Metodologia

Performance Dashboard esegue i worker sugli host fisici che ospitano le tue VM. Questi worker inseriscono e ricevono i pacchetti dei probe che vengono eseguiti sulla stessa rete del tuo traffico. Poiché i worker vengono eseguiti sugli host fisici e non sulle VM, non consumano risorse delle VM e il traffico non è visibile sulle VM.

I probe coprono l'intero mesh di VM in grado di comunicare tra loro, il che non corrisponde necessariamente al tuo modello di traffico. Di conseguenza, potresti vedere indicazioni di perdita di pacchetti in Performance Dashboard, ma nessuna prova di perdita di pacchetti nell'applicazione.

Per tutte le VM sottoposte a probe, cerchiamo di accedere alla VM sia utilizzando l'indirizzo IP interno che l'indirizzo IP esterno (se esistente). I probe non lasciano Google Cloud, ma utilizzando indirizzi IP esterni, Performance Dashboard può coprire parte del percorso che verrà utilizzata dal traffico esterno, ad esempio il traffico proveniente da internet.

La perdita di pacchetti per gli indirizzi IP interni viene misurata utilizzando pacchetti UDP, mentre la perdita di pacchetti per gli indirizzi IP esterni viene misurata utilizzando i pacchetti TCP.

Disponibilità delle metriche e livelli di confidenza

Performance Dashboard esegue il probe di un sottoinsieme di tutte le coppie VM-VM nella rete. I dati raccolti vengono quindi utilizzati per stimare la perdita di pacchetti che potresti riscontrare. L'affidabilità di Google nei dati dipende dalla frequenza di probe, che dipende dal numero di VM all'interno di ogni zona, nonché dal numero di zone in cui sono state distribuite le VM. Ad esempio, avere 10 VM in due zone genera maggiore sicurezza rispetto a 10 VM in 10 zone.

Tutte le VM, incluse quelle create da Google Kubernetes Engine (GKE), incidono sul numero totale di VM.

I diversi livelli di affidabilità sono descritti nella tabella seguente. I livelli di affidabilità più bassi sono contrassegnati nella mappa termica con un asterisco (*) o N/A.

Livello Numero richiesto di VM in ogni zona Dati visualizzati nella dashboard prestazioni nella mappa termica
affidabilità del 95% 10 VM x il numero di zone nel progetto. Ad esempio, se il progetto prevede 12 zone, devi avere 120 VM in ogni zona. Una misurazione senza annotazioni aggiuntive
affidabilità del 90% 2,5 VM x il numero di zone nel progetto. Ad esempio, se il progetto prevede 12 zone, devi avere 30 VM in ogni zona. Una misurazione senza annotazioni aggiuntive
Scarsa affidabilità Una misura con un asterisco
probe insufficienti per avere dati significativi N/A

Le metriche sulla perdita di pacchetti di Google Cloud sono sempre disponibili. Un asterisco (*) viene visualizzato se sono presenti meno di 400 probe al minuto.

Latenza specifica del progetto

Le metriche di latenza vengono misurate utilizzando il traffico dei clienti tra i seguenti:

  • VM all'interno di una singola rete VPC
  • VM tra reti VPC in peering, se le reti si trovano nello stesso progetto
  • VM ed endpoint internet

Inoltre, Performance Dashboard per un progetto di servizio all'interno di una rete VPC condiviso mostra solo i dati relativi alle zone all'interno del progetto di servizio. Ad esempio, supponiamo che una VM nella zona A e il progetto di servizio A utilizzino il progetto host per comunicare con una VM nella zona B e con il progetto di servizio B. Le misurazioni relative al traffico non sono disponibili né per il progetto di servizio né per il progetto host.

Latenza di Google Cloud

Le metriche di latenza vengono misurate utilizzando il traffico effettivo dei clienti tra i seguenti elementi:

  • VM all'interno di una singola rete VPC
  • VM tra reti VPC in peering
  • VM ed endpoint internet

Metodologia per la latenza di progetto e Google Cloud

La latenza viene misurata utilizzando i pacchetti TCP.

In base a un campione del traffico effettivo, la latenza viene calcolata come il tempo che trascorre tra l'invio di un numero di sequenza TCP (SEQ) e la ricezione di un ACK corrispondente contenente il ritardo relativo allo stack RTT di rete e TCP. La dashboard mostra la latenza come mediana di tutte le misurazioni pertinenti.

La metrica di latenza si basa sulla stessa origine dati e sulla stessa metodologia di campionamento dei log di flusso VPC.

La latenza specifica del progetto si basa su esempi del progetto. La latenza di Google Cloud si basa su campioni provenienti da tutto Google Cloud.

Le metriche di latenza globale derivano dal campionamento passivo delle intestazioni del traffico TCP e non tramite probe attivi da Google Cloud agli endpoint internet.

Anomalie della metrica Latenza

Nota le seguenti anomalie delle metriche di latenza:

  • Per gli ambienti a bassa frequenza, Network Intelligence Center utilizza probe di 60 secondi per le metriche di latenza. Pertanto, le metriche RTT basate sul campionamento dei pacchetti potrebbero segnalare livelli di latenza elevati e falsi quando i servizi basati su TCP restituiscono una risposta ritardata a livello di applicazione. In genere, è possibile riconoscere i falsi livelli RTT elevati controllando se corrispondono a ritardi a livello di applicazione.

    Sebbene il servizio basato su TCP risponda rapidamente con un ACK, il campionamento manca l'ACK e conteggia una risposta dati successiva come la chiusura ACK di un ACK molto precedente, il che distorce la misurazione RTT complessiva. In questi casi, puoi ignorare le metriche RTT.

  • A volte, i dati di latenza specifici del progetto non sono in linea con i dati di latenza globale. Questo disallineamento può verificarsi se il set di dati globale incorpora anche altri percorsi di rete con latenze significativamente diverse rispetto al percorso di rete utilizzato dal progetto specifico.

Disponibilità delle metriche

La metrica di latenza di Google Cloud è sempre disponibile. La metrica di latenza per progetto è disponibile solo se il traffico TCP è di circa 1000 pacchetti al minuto o più.

Tabella di riepilogo delle metriche

La tabella seguente riassume i metodi di probe e i protocolli utilizzati per generare report sulle metriche di perdita e latenza di pacchetti.

Perdita pacchetti Latenza
Metodo di probe Sondaggio attivo (traffico VM sintetico) Sondaggio passivo (traffico effettivo delle VM)
Protocollo UDP (indirizzo IP interno), TCP (indirizzo IP esterno) TCP (indirizzi IP interni/esterni)

Visualizzazioni della latenza

I dettagli sulla latenza per il tipo di traffico Da Internet a Google Cloud sono disponibili in tre visualizzazioni: Tabella, Mappa e Sequenza temporale.

Visualizzazione tabella

La visualizzazione Tabella mostra il valore RTT mediano tra le aree geografiche selezionate e le regioni che contengono istanze VM nel tuo progetto. La tabella include i seguenti dettagli:

  • Paese: il nome del paese.
  • Città: il numero di città. Puoi visualizzare i dettagli sulla latenza di ogni città specifica nel grafico dei dettagli del paese.
  • Regioni di destinazione: il numero di regioni di destinazione con traffico per gli utenti di un determinato paese.
  • Latenza mediana: il valore RTT mediano tra il paese e le regioni in millisecondi.

Visualizzazione mappa

La visualizzazione Mappa mostra le posizioni geografiche (aree metropolitane o città) e le regioni di Google Cloud.

  • Puoi visualizzare la latenza mediana di località e regioni Google Cloud specifiche.
  • Puoi selezionare una regione Google Cloud e visualizzare le località con traffico verso la regione selezionata.
  • Puoi visualizzare i dettagli specifici per località in un grafico sulla latenza nella barra laterale.
  • Puoi cercare un luogo utilizzando la casella di ricerca sulla mappa.
  • Le località sono classificate con i colori in diverse tonalità di blu per indicare gli intervalli di latenza mediana sulla mappa. Nell'immagine di seguito, il colore di un cerchio che mostra una data città su una mappa globale può essere di una tonalità di blu. Più scura è la tonalità di blu, maggiore è la latenza di quella città da una determinata regione Google Cloud.

    Intervalli di latenza mediana sulla mappa.
    Intervalli di latenza mediana sulla mappa (fai clic per ingrandire).

Visualizzazione Timeline

La visualizzazione Sequenza temporale mostra il valore RTT mediano tra le aree geografiche selezionate e le regioni di Google Cloud. Fornisce le metriche di latenza attuali e sei settimane di dati storici. Puoi utilizzare i filtri per aggregare ulteriormente il traffico a livello di città, regione geografica e paese. Puoi visualizzare le metriche di latenza corrispondenti a coppie specifiche della regione-località geografica solo se il traffico Google Cloud è sufficiente per quella coppia.

Autorizzazioni

Per accedere ai dati di Performance Dashboard, tramite la console Google Cloud o tramite Monitoring, devi disporre dell'autorizzazione monitoring.timeSeries.list. Questa autorizzazione è inclusa nei ruoli di Monitoring elencati nella seguente tabella.

Nome ruolo ID ruolo
Visualizzatore Monitoring roles/monitoring.viewer
Editor Monitoring roles/monitoring.editor
Amministratore Monitoring roles/monitoring.admin

Per informazioni sugli altri ruoli che includono l'autorizzazione monitoring.timeSeries.list, consulta Informazioni sui ruoli.

Modifica ambito progetto

Per utilizzare un ambito delle metriche esistente e monitorare più progetti Google Cloud in un'unica vista, seleziona il progetto di definizione dell'ambito utilizzando il selettore di progetti della console Google Cloud o il pulsante Cambia ambito. Puoi anche selezionare un singolo progetto di monitoraggio utilizzando queste opzioni. Per ulteriori informazioni, consulta il riferimento sulle metriche di Performance Dashboard.

Puoi creare avvisi per un'elevata perdita di pacchetti in base alle condizioni predefinite. Il criterio di avviso per la perdita di pacchetti viene attivato quando la perdita di pacchetti supera il 5% per 5 minuti per qualsiasi coppia di regioni.

Gli avvisi consentono di sensibilizzare tempestivamente in merito ai problemi delle tue applicazioni cloud, in modo da risolvere rapidamente i problemi. Un criterio di avviso descrive le circostanze in cui vuoi ricevere un avviso e come vuoi riceverlo. Per ulteriori informazioni sulla creazione e sulla gestione dei criteri di avviso, consulta Introduzione agli avvisi.

Passaggi successivi