Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.
Guida rapida: connessione a Cloud SQL per MySQL da Cloud Shell

Connettersi a Cloud SQL per MySQL da Cloud Shell

Questa pagina mostra come creare e connettersi a un'istanza MySQL ed eseguire operazioni SQL di base utilizzando Google Cloud Console e un client. Le risorse create in questa guida rapida in genere costano meno di un dollaro, supponendo che completi i passaggi, inclusa la pulizia, in modo tempestivo.

Prima di iniziare

  1. Accedi al tuo account Google Cloud. Se non conosci Google Cloud, crea un account per valutare le prestazioni dei nostri prodotti in scenari reali. I nuovi clienti ricevono anche 300 $di crediti gratuiti per l'esecuzione, il test e il deployment dei carichi di lavoro.
  2. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  3. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

  4. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  5. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

  6. Abilita le API Google Cloud necessarie.

    console

    In Google Cloud Console, vai alla pagina API.

    Vai alle API

    Abilita l'API Cloud SQL Admin.

    gcloud

    Fai clic sul pulsante seguente per aprire Cloud Shell, che fornisce l'accesso tramite riga di comando alle tue risorse Google Cloud direttamente dal browser. Puoi usare Cloud Shell per eseguire i comandi gcloud presentati nella guida rapida.

    Apri Cloud Shell

    Esegui il comando gcloud services enable come segue utilizzando Cloud Shell per abilitare le API richieste per questa guida rapida:

    gcloud services enable sqladmin.googleapis.com

    Questo comando abilita le seguenti API:

    • API Cloud SQL Admin

Configurazione di Cloud SQL

crea un'istanza di Cloud SQL

In questa guida rapida, utilizzerai Google Cloud Console. Per utilizzare l'interfaccia a riga di comando, cURL o PowerShell di Google Cloud, consulta Creare istanze.

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Istanze Cloud SQL.

    Vai alle istanze di Cloud SQL

  2. Fai clic su Crea istanza.
  3. Fai clic su Scegli MySQL.
  4. Inserisci myinstance per ID istanza.
  5. Inserisci una password per l'utente root.
  6. Fai clic su Crea.

    Sei tornato all'elenco delle istanze. Puoi fare subito clic sulla nuova istanza per visualizzare i dettagli, ma non sarà disponibile per altre operazioni finché non verrà inizializzata e avviata.

Connettiti all'istanza

In questa guida rapida, utilizzeremo il client mysql in Cloud Shell per connetterti all'istanza.

  1. In Google Cloud Console, fai clic sull'icona di Cloud Shell (Icona Cloud Shell.) nell'angolo in alto a destra.

    Quando l'inizializzazione di Cloud Shell viene completata, viene visualizzato un messaggio simile al seguente: seguente:

    Welcome to Cloud Shell! Type "help" to get started.
    Your Cloud Platform project in this session is set to sample-project.
    Use "gcloud config set project [PROJECT_ID]" to change to a different project.
    username@sample-project:~ (sample-project)$
    
  2. Al prompt di Cloud Shell, connettiti all'istanza Cloud SQL. Usa il comando gcloud sql connect come descritto di seguito. Sostituisci il nome dell'istanza se diverso.

    gcloud sql connect myinstance --user=root
    
  3. Fai clic su Autorizza nella finestra del messaggio per autorizzare Cloud Shell a effettuare chiamate API.

    Un messaggio indica che il tuo IP è inserito nella lista consentita per le connessioni in entrata, dopodiché ti verrà chiesto di inserire la password.

  4. Inserisci la tua password root.

    Viene visualizzato il messaggio mysql.

Creare un database e carica i dati

  1. Crea un database SQL sulla tua istanza Cloud SQL:
    CREATE DATABASE guestbook;
    
  2. Inserisci dati di esempio nel database guestbook:
    USE guestbook;
    CREATE TABLE entries (guestName VARCHAR(255), content VARCHAR(255),
        entryID INT NOT NULL AUTO_INCREMENT, PRIMARY KEY(entryID));
        INSERT INTO entries (guestName, content) values ("first guest", "I got here!");
        INSERT INTO entries (guestName, content) values ("second guest", "Me too!");
    
  3. Recupera i dati:
    SELECT * FROM entries;
    
    Il risultato è il seguente:
    +--------------+-------------------+---------+
    | guestName    | content           | entryID |
    +--------------+-------------------+---------+
    | first guest  | I got here!       |       1 |
    | second guest | Me too!           |       2 |
    +--------------+-------------------+---------+
    2 rows in set (0.00 sec)
    mysql>
    

Esegui la pulizia

Per evitare che al tuo account Google Cloud vengano addebitati costi relativi alle risorse utilizzate in questa pagina, segui questi passaggi.

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Istanze Cloud SQL.

    Vai alle istanze di Cloud SQL

  2. Seleziona l'istanza myinstance per aprire la pagina Dettagli istanza.
  3. Nella barra delle icone nella parte superiore della pagina, fai clic su Elimina.
  4. Nella finestra Elimina istanza, digita il nome dell'istanza e fai clic su Elimina.

Passaggi di pulizia facoltativi

Se non utilizzi le API abilitate per questa guida rapida, puoi disattivarle.

  • API abilitate per questa guida rapida:
    • API Cloud SQL Admin
  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina API.

    Vai alle API

  2. Seleziona l'API Cloud SQL Admin e fai clic sul pulsante Disabilita API.

Passaggi successivi