Quote e limiti

Questo documento elenca le quotas e i quotas che si applicano in Cloud Shell.

Una quota limita la quantità di risorse Google Cloud condivise È possibile usare un progetto Google Cloud, inclusi hardware, software e rete componenti. Di conseguenza, le quote fanno parte di un sistema che seguenti:

  • Monitora l'utilizzo o il consumo dei prodotti Google Cloud e i servizi di machine learning.
  • Limita il tuo consumo di queste risorse, per motivi che includono: garantendo l'equità e riducendo i picchi di utilizzo.
  • Mantiene configurazioni che applicano automaticamente le limitazioni prescritte.
  • Consente di richiedere o modificare la quota.

Nella maggior parte dei casi, quando viene superata una quota, il sistema blocca immediatamente alla risorsa Google pertinente e all'attività che vuoi non riesce a eseguire l'esecuzione. Nella maggior parte dei casi, le quote vengono applicate a ogni progetto Google Cloud e vengono condivisi tra tutte le applicazioni e gli indirizzi IP che utilizzano progetto Google Cloud.

Esistono anche dei limiti per le risorse di Cloud Shell. Questi non sono correlati al sistema delle quote. I limiti non possono essere modificati se non diversamente specificato.

Per aumentare o diminuire la maggior parte delle quote, utilizza la console Google Cloud. Per maggiori informazioni, consulta Richiedere una quota superiore.

Quote di utilizzo

La quota settimanale predefinita di Cloud Shell è 50 ore.

Visualizzazione della quota settimanale di Cloud Shell

Se raggiungi la quota, dovrai attendere la data e l'ora specificate prima di poter riutilizzare Cloud Shell o di consultare le amministratore di Cloud Shell per aumentare la quota.

Per visualizzare la tua quota settimanale:

  • Fai clic su Informazioni sessione Informazioni sulla sessione e fai clic su Quota di utilizzo. Viene visualizzata una finestra di dialogo che mostra le ore restanti nella quota, il totale il numero di ore della quota e la data e l'ora in cui la quota viene reimpostata.

Richiedi un aumento della quota

Gli aumenti delle quote di Cloud Shell devono essere inoltrati all'assistenza clienti e non può essere aggiornato utilizzando la console Google Cloud. Per richiedere un aumento della quota, contatta l'assistenza clienti Google Cloud (non per la fatturazione).

Se la richiesta di aumento della quota richiede l'approvazione, riceverai un'email da Google Cloud che conferma la tua richiesta. Se hai bisogno di ulteriore assistenza, puoi rispondere a questa email. L'assistenza clienti Google Cloud elabora la richiesta, in genere entro 2-3 giorni lavorativi, e ti invia una seconda email per informarti se l'aumento della quota è stato approvato o negato. L'email fornisce la data di validità dell'aumento, se applicabile.

Per ulteriori informazioni sul processo di aumento della quota, consulta Informazioni sulle richieste di aumento della quota.

Inattività di Cloud Shell

Per evitare che la directory $HOME venga eliminata per inattività di 120 giorni, avvia una sessione. Per i dati sensibili che vuoi archiviare a lungo termine, prendi in considerazione una soluzione diversa su Cloud Storage.

Utilizzo non interattivo

Cloud Shell è pensato per offrire . Le sessioni non interattive vengono terminate automaticamente dopo 40 minuti. Le sessioni di Cloud Shell sono limitate a 12 ore, dopodiché le sessioni automaticamente. Puoi avviare una nuova sessione subito dopo.

Ripristino di una sessione dopo una violazione del limite di servizio

Se la sessione è è stato risolto o non può essere stabilito perché hai superato un limite di servizio. Cloud Shell visualizza un errore con un link a un modulo che ti consente per presentare ricorso contro la violazione del limite. Fai clic sul link per il feedback e invia il modulo inserendo ulteriori informazioni sulle attività in esecuzione prima della chiusura della sessione.

Limitazioni e restrizioni

Pacchetti software installati personalizzati e persistenza

L'istanza della macchina virtuale che esegue il backup della sessione di Cloud Shell. non viene allocato in modo permanente a una sessione di Cloud Shell e termina se la sessione è inattiva per 20 minuti. Dopo l'arresto dell'istanza, qualsiasi le modifiche apportate all'esterno di $HOME andranno perse.

Per fare in modo che le configurazioni vengano mantenute tra una sessione e l'altra, personalizzazione dell'ambiente.

Utenti minori di 18 anni o la cui età è sconosciuta

Cloud Shell non è disponibile per gli utenti che hanno meno di 18 anni o che età sconosciuta. Per impostazione predefinita, Google Workspace for Education blocca l'accesso a per tutti gli utenti. Se nel tuo istituto ci sono studenti più grandi che tu voglia avere accesso a servizi soggetti a limiti di età, tra cui per Cloud Shell, Controllare l'accesso ai servizi Google in base all'età sui passaggi per identificare gli utenti che hanno almeno 18 anni.

Estensioni editor di Cloud Shell

L'editor di Cloud Shell non supporta l'installazione dell'editor personalizzato estensioni. Tuttavia, l'editor di Cloud Shell include estensioni essenziali già installate e aggiornate.

.bashrc contenuto

Cloud Shell può generare errori se il file .bashrc viene modificato o eliminati. Il file .bashrc deve contenere le seguenti righe:

  if [ -f "/google/devshell/bashrc.google" ]; then
    source "/google/devshell/bashrc.google"
  fi

Formattazione dell'output gcloud

Per impostazione predefinita, Cloud Shell abilita Funzioni di accessibilità di gcloud. Con le funzioni di accessibilità attivate, viene restituito l'output della tabella gcloud viene visualizzato come un elenco bidimensionale di elementi.

Per ripristinare il comportamento predefinito delle tabelle con riquadri per molti comandi, aggiungi questo comando alla fine del tuo file $HOME/.bashrc:

  gcloud config set accessibility/screen_reader false

Connessione lenta

Per connettersi a Cloud Shell per la prima volta è necessario creare sul disco di casa e al momento può richiedere fino a 25 secondi. Connessioni successive alle istanze VM esistenti richiedono circa cinque secondi. Tuttavia, se non usi Cloud Shell da una settimana, le prestazioni della connessione saranno perché la home directory viene ripristinata da un archivio.

Cloud Shell offre inoltre Modalità temporanea l'esperienza di Cloud Shell senza disco permanente archiviazione. La modalità temporanea offre prestazioni di connessione più veloci, ma tutti i file che crei nella sessione andranno persi alla fine della sessione.

Supporto del browser

Cloud Shell supporta le ultime versioni di Google Chrome, Mozilla Firefox, Microsoft Edge, Microsoft Internet Explorer 11 e versioni successive e Apple Safari 8 e versioni successive. Safari in modalità di browser privato non è supportato.

Navigazione privata e cookie di terze parti disabilitati

L'editor di Cloud Shell non può essere caricato in Cloud Shell se i cookie di terze parti sono disabilitati. Alcuni browser dispongono di cookie di terze parti è disattivata per impostazione predefinita e Blocco delle modalità di navigazione in incognito o del browser privato anch'essi.

Se i cookie di terze parti sono disattivati, puoi comunque utilizzare nell'editor di Cloud Shell in una finestra separata facendo clic sul pulsante Apri in una nuova finestra accessibile quando apri della sessione dell'editor Pulsante editor di codice.

In alternativa, puoi accedere alla porta 970 utilizzando l'anteprima web Pulsante Anteprima web.

Riquadro dell'editor che spiega che non è stato possibile caricare l'editor di codice a causa del blocco dei cookie di terze parti, con link per aprire l'editor in una nuova finestra

Suggerimento:se utilizzi Google Chrome, puoi attivare i cookie di terze parti facendo clic sull'icona di blocco dei cookie di terze parti nella barra degli indirizzi. Icona di blocco dei cookie di terze parti, selezionando Il sito non funziona?, facendo clic su Consenti cookie e ricaricando le informazioni .

Spazio di archiviazione su disco

Cloud Shell esegue il provisioning di 5 GB di spazio di archiviazione su disco permanente montata la directory $HOME sull'istanza della macchina virtuale. Questo spazio di archiviazione è attivo per singoli utenti ed è disponibile per più progetti. Tutti i file archiviati nel home directory, inclusi software installati, script e configurazione utente file come .bashrc e .vimrc, vengono mantenuti tra le sessioni e vengono conteggiati ai fini del calcolo il limite di 5 GB.

Liberazione dello spazio su disco

Se si verifica un errore no space left on device, libera spazio entro rimuovendo file dalla home directory utilizzando Cloud Shell o nel terminale. Utilizza il comando du -hs $(ls -A) per verificare lo spazio utilizzato da ciascun file all'interno di ciascuna sottodirectory. Valuta la possibilità di rimuovere quelle che non sono più necessarie o che occupano molto spazio di archiviazione.

Passaggi successivi