Audit logging di Microsoft AD gestito

Questo documento descrive gli audit log creati da Managed Service for Microsoft Active Directory nell'ambito di Cloud Audit Logs.

Panoramica

I servizi Google Cloud scrivono audit log per aiutarti a rispondere alle domande "Chi ha fatto cosa, dove e quando?" all'interno delle tue risorse Google Cloud.

I tuoi progetti Google Cloud contengono solo gli audit log per le risorse che si trovano direttamente all'interno del progetto Google Cloud. Altre risorse Google Cloud, come cartelle, organizzazioni e account di fatturazione, contengono gli audit log per l'entità stessa.

Per una panoramica generale di Cloud Audit Logs, consulta Panoramica di Cloud Audit Logs. Per una comprensione più approfondita del formato degli audit log, consulta Informazioni sugli audit log.

Log di controllo disponibili

Per Microsoft Active Directory gestito sono disponibili i seguenti tipi di audit log:

  • Audit log delle attività di amministrazione

    Include operazioni di "scrittura amministratore" che scrivono metadati o informazioni di configurazione.

    Non puoi disabilitare gli audit log delle attività di amministrazione.

  • Audit log degli accessi ai dati

    Include operazioni di "lettura amministratore" che leggono i metadati o le informazioni di configurazione. Include anche le operazioni di "lettura dei dati" e "scrittura dati" che leggono o scrivono i dati forniti dall'utente.

    Per ricevere gli audit log di accesso ai dati, devi abilitarli esplicitamente.

Per descrizioni più complete dei tipi di audit log, consulta Tipi di audit log.

Operazioni con audit

La seguente tabella riassume le operazioni API corrispondenti a ogni tipo di audit log in Microsoft AD gestito:

Categoria di audit log Operazioni Microsoft AD gestite
Attività di amministrazione managedidentities.domains.create
managedidentities.domains.list
managedidentities.domains.update
managedidentities.domains.delete
managedidentities.domains.resetpassword
managedidentities.domains.attachTrust
managedidentities.domains.detachTrust
managedidentities.domains.reconfigureTrust
managedidentities.domains.setIamPolicy
Accesso ai dati managedidentities.domains.get
managedidentities.domains.list
managedidentities.domains.validateTrust
managedidentities.domains.getIamPolicy

Formato degli audit log

Le voci di audit log includono i seguenti oggetti:

  • La voce di log, un oggetto di tipo LogEntry. Di seguito vengono riportati alcuni campi utili:

    • L'elemento logName contiene l'ID risorsa e il tipo di audit log.
    • resource contiene il target dell'operazione controllata.
    • Il campo timeStamp contiene la durata dell'operazione sottoposta ad audit.
    • L'elemento protoPayload contiene le informazioni controllate.
  • I dati di audit logging, ovvero un oggetto AuditLog presente nel campo protoPayload della voce di log.

  • Informazioni di audit facoltative e specifiche per il servizio, che sono un oggetto specifico del servizio. Per le integrazioni precedenti, questo oggetto si trova nel campo serviceData dell'oggetto AuditLog. Le integrazioni successive utilizzano il campo metadata.

Per informazioni sugli altri campi in questi oggetti e su come interpretarli, consulta Informazioni sugli audit log.

Nome log

I nomi dei log di Cloud Audit Logs includono identificatori di risorse che indicano il progetto Google Cloud o un'altra entità Google Cloud proprietaria degli audit log e se il log contiene dati di audit logging relativi ad attività di amministrazione, accesso ai dati, criteri negati o eventi di sistema.

Di seguito sono riportati i nomi degli audit log, incluse le variabili per gli identificatori delle risorse:

   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

Nome servizio

Gli audit log di Microsoft AD gestiti utilizzano il nome del servizio managedidentities.googleapis.com.

Per un elenco di tutti i nomi dei servizi dell'API Cloud Logging e del corrispondente tipo di risorsa monitorata, consulta Mappare i servizi alle risorse.

Tipi di risorse

Gli audit log gestiti di Microsoft AD utilizzano il tipo di risorsa audited_resource per tutti gli audit log.

Per un elenco di tutti i tipi di risorsa monitorata di Cloud Logging e per informazioni descrittive, consulta Tipi di risorse monitorate.

Identità chiamante

L'indirizzo IP del chiamante si trova nel campo RequestMetadata.caller_ip dell'oggetto AuditLog. Il logging potrebbe oscurare determinate identità dei chiamanti e indirizzi IP.

Per informazioni sulle informazioni oscurate negli audit log, consulta Identità chiamante negli audit log.

Abilitazione degli audit log

Gli audit log delle attività di amministrazione sono sempre abilitati e non puoi disabilitarli.

Gli audit log di accesso ai dati sono disabilitati per impostazione predefinita e non vengono scritti se non sono abilitati esplicitamente (l'eccezione sono gli audit log di accesso ai dati per BigQuery, che non possono essere disabilitati).

Per informazioni sull'abilitazione di alcuni o tutti gli audit log di accesso ai dati, consulta Abilitare gli audit log di accesso ai dati.

Autorizzazioni e ruoli

Le autorizzazioni e i ruoli IAM determinano la tua capacità di accedere ai dati degli audit log nelle risorse Google Cloud.

Quando decidi quali autorizzazioni e ruoli specifici per Logging applicare al tuo caso d'uso, considera quanto segue:

  • Il ruolo Visualizzatore log (roles/logging.viewer) ti consente l'accesso di sola lettura agli audit log di attività di amministrazione, criteri negati ed eventi di sistema. Se hai solo questo ruolo, non puoi visualizzare gli audit log di accesso ai dati che si trovano nel bucket _Default.

  • Il ruolo Visualizzatore log privati(roles/logging.privateLogViewer) include le autorizzazioni contenute in roles/logging.viewer, oltre alla possibilità di leggere gli audit log di accesso ai dati nel bucket _Default.

    Tieni presente che se questi log privati sono archiviati in bucket definiti dall'utente, qualsiasi utente con le autorizzazioni per leggere i log in questi bucket può leggere i log privati. Per ulteriori informazioni sui bucket di log, consulta Panoramica del routing e dell'archiviazione.

Per ulteriori informazioni sulle autorizzazioni e sui ruoli IAM che si applicano ai dati degli audit log, consulta Controllo dell'accesso con IAM.

Visualizza i log

Puoi eseguire query per tutti gli audit log o in base al nome degli audit log. Il nome dell'audit log include l'identificatore della risorsa del progetto, della cartella, dell'account di fatturazione o dell'organizzazione Google Cloud di cui vuoi visualizzare le informazioni di audit logging. Le query possono specificare i campi indicizzati LogEntry e, se utilizzi la pagina Analisi dei log, che supporta le query SQL, puoi visualizzare i risultati della query sotto forma di grafico.

Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di query sui log, consulta le seguenti pagine:

Puoi visualizzare gli audit log in Cloud Logging utilizzando la console Google Cloud, Google Cloud CLI o l'API Logging.

Console

Nella console Google Cloud, puoi utilizzare Esplora log per recuperare le voci degli audit log per il progetto, la cartella o l'organizzazione Google Cloud:

  1. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Logging, quindi Esplora log:

    Vai a Esplora log

  2. Seleziona un progetto, una cartella o un'organizzazione Google Cloud esistente.

  3. Per visualizzare tutti gli audit log, inserisci una delle seguenti query nel campo query-editor, quindi fai clic su Esegui query:

    logName:"cloudaudit.googleapis.com"
    
    protoPayload."@type"="type.googleapis.com/google.cloud.audit.AuditLog"
    
  4. Per visualizzare gli audit log per una risorsa specifica e un tipo di audit log, nel riquadro Query Builder, segui questi passaggi:

    • In Tipo di risorsa, seleziona la risorsa Google Cloud di cui vuoi visualizzare gli audit log.

    • In Nome log, seleziona il tipo di log di controllo che vuoi visualizzare:

      • Per gli audit log di controllo delle attività di amministrazione, seleziona attività.
      • Per gli audit log di accesso ai dati, seleziona data_access.
      • Per gli audit log degli eventi di sistema, seleziona system_event.
      • Per i log di controllo dei criteri negati, seleziona criterio.
    • Fai clic su Esegui query.

    Se non vedi queste opzioni, significa che non sono disponibili audit log di quel tipo nel progetto, nella cartella o nell'organizzazione di Google Cloud.

    Se riscontri problemi durante il tentativo di visualizzare i log in Esplora log, consulta le informazioni sulla risoluzione dei problemi.

    Per maggiori informazioni sull'esecuzione di query utilizzando Esplora log, consulta Creare query in Esplora log. Per informazioni sul riepilogo delle voci di log in Esplora log utilizzando Gemini, consulta Riepilogare le voci di log con l'assistenza Gemini.

gcloud

Google Cloud CLI fornisce un'interfaccia a riga di comando per l'API Logging. Fornisci un identificatore di risorsa valido in ognuno dei nomi dei log. Ad esempio, se la query include un valore PROJECT_ID, l'identificatore del progetto fornito deve fare riferimento al progetto Google Cloud attualmente selezionato.

Per leggere le voci dell'audit log a livello di progetto Google Cloud, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --project=PROJECT_ID

Per leggere le voci dell'audit log a livello di cartella, esegui il comando seguente:

gcloud logging read "logName : folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --folder=FOLDER_ID

Per leggere le voci degli audit log a livello di organizzazione, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --organization=ORGANIZATION_ID

Per leggere le voci dell'audit log a livello di account di fatturazione Cloud, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --billing-account=BILLING_ACCOUNT_ID

Aggiungi il flag --freshness al comando per leggere i log che risalgono a più di un giorno fa.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di gcloud CLI, consulta gcloud logging read.

API

Quando crei le query, fornisci un identificatore di risorsa valido in ciascuno dei nomi dei log. Ad esempio, se la query include un valore PROJECT_ID, l'identificatore del progetto fornito deve fare riferimento al progetto Google Cloud attualmente selezionato.

Ad esempio, per utilizzare l'API Logging per visualizzare le voci degli audit log a livello di progetto:

  1. Vai alla sezione Prova questa API nella documentazione per il metodo entries.list.

  2. Inserisci quanto segue nella parte Corpo della richiesta del modulo Prova questa API. Se fai clic su questo modulo precompilato, il corpo della richiesta viene compilato automaticamente, ma devi fornire un valore PROJECT_ID valido in ogni nome di log.

    {
      "resourceNames": [
        "projects/PROJECT_ID"
      ],
      "pageSize": 5,
      "filter": "logName : projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com"
    }
    
  3. Fai clic su Execute (Esegui).

Audit log del routing

Puoi instradare gli audit log alle destinazioni supportate nello stesso modo in cui puoi instradare altri tipi di log. Ecco alcuni motivi per cui potresti voler instradare gli audit log:

  • Per conservare gli audit log per un periodo di tempo più lungo o per utilizzare funzionalità di ricerca più potenti, puoi instradare le copie degli audit log a Cloud Storage, BigQuery o Pub/Sub. Con Pub/Sub, puoi eseguire il routing ad altre applicazioni, altri repository e terze parti.

  • Per gestire gli audit log in tutta l'organizzazione, puoi creare sink aggregati in grado di instradare i log da qualsiasi progetto Google Cloud nell'organizzazione.

  • Se gli audit log di accesso ai dati abilitati eseguono il push dei progetti Google Cloud sulle allocazioni dei log, puoi creare sink che escludono gli audit log di accesso ai dati da Logging.

Per istruzioni sul routing dei log, consulta Instradare i log alle destinazioni supportate.

Prezzi

Per ulteriori informazioni sui prezzi, consulta il riepilogo dei prezzi di Cloud Logging.