Raccolta delle informazioni di debug mediante sosreport

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Container-Optimized OS include l'utilità sosreport, che raccoglie informazioni on demand per aiutarti a eseguire il debug dei problemi in un'istanza di macchina virtuale Container OS ottimizzato. Le informazioni vengono raccolte e archiviate localmente sul file system dell'istanza. Google non raccoglie né archivia questi dati altrove.

Se apri una richiesta di assistenza presso l'Assistenza Google Cloud a causa di problemi con la tua istanza, ti potrebbe essere chiesto di fornire i dati di sosreport nell'ambito dell'indagine. In questa pagina viene spiegato come raccogliere queste informazioni.

L'output di sosreport viene archiviato senza crittografia in un archivio .tar.xz. L'archivio può contenere informazioni che consentono l'identificazione personale (PII), perché raccoglie dati da molti componenti di sistema critici (ad es. inseriti nel journal). L'archivio può essere controllato sull'istanza e la maggior parte dei contenuti è in testo normale. Lo strumento sosreport è open source e puoi rivedere il codice.

Raccolta dei dati sosreport

Per creare un report, connettiti all'istanza di macchina virtuale pertinente utilizzando il comando gcloud compute ssh:

gcloud compute ssh [INSTANCE_NAME]

Quindi, esegui il comando sosreport seguente:

sudo sos report --all-logs --batch --tmp-dir=/var

Puoi modificare la directory in cui è archiviato il report passando una directory diversa all'opzione --tmp-dir. Puoi anche cambiare il comportamento predefinito del comando modificando /etc/sos.conf nell'istanza.

L'output viene archiviato in un file .tar.xz nella directory specificata utilizzando l'opzione --tmp-dir. La posizione e il checksum del file .tar.xz vengono mostrati su STDOUT.

Your sosreport has been generated and saved in:
  /var/sosreport-cos-20181106231224.tar.xz

The checksum is: 5a8b97c6020346a688254c8b04ef86ec

Visualizzazione dei dati raccolti

Il report è di proprietà di root e non è leggibile da altri utenti. Utilizza i comandi seguenti per modificare il proprietario con l'utente corrente e renderlo leggibile da te. Non rendere il file leggibile.

TARBALL=[PATH/TO/TARBALL]
sudo chown $(whoami) $TARBALL
chmod +r $TARBALL

Quindi, se vuoi visualizzare il contenuto del report sul nodo, puoi estrarlo eseguendo il comando seguente:

tar xvf $TARBALL

I singoli file dei report sono ora disponibili in una directory nella stessa posizione di .tar.xz. Puoi visualizzare i log usando comandi come less oppure puoi usare comandi come grep per trovare informazioni al loro interno.

Scarica il report

Per scaricare il rapporto sulla tua macchina locale, utilizza il comando gcloud compute scp:

gcloud compute scp $(whoami)@[INSTANCE_NAME]:[PATH/TO/FILE] [LOCAL/PATH/TO/DIRECTORY]