Prerequisiti dell'API Cloud Billing Budget

Prima di iniziare a programmare la tua prima applicazione per il budget di fatturazione Cloud, devi eseguire alcune operazioni, se non l'hai già fatto.

Prova le funzionalità di fatturazione Cloud in Google Cloud Console

Questa documentazione dell'API presuppone che tu abbia utilizzato Google Cloud e che tu conosca le funzionalità e i concetti di fatturazione di Google Cloud Console. Se non hai familiarità con concetti come account di fatturazione Cloud, progetti Google Cloud, prodotti Google Cloud e budget e avvisi di fatturazione Cloud, leggi quanto segue prima di iniziare a programmare:

Dopo aver acquisito familiarità con le funzionalità e i concetti di Cloud Billing, prova l'interfaccia utente di Google Cloud Console.

Concetti chiave della fatturazione Cloud

  • A un singolo account di fatturazione Cloud possono essere associati molti budget (fino a 5000 budget alla volta).
  • Un budget è collegato a un solo account di fatturazione Cloud alla volta.
  • Un singolo account di fatturazione Cloud è collegato a uno o più progetti Google Cloud,
  • Un progetto Google Cloud è collegato a un solo account di fatturazione Cloud alla volta.
  • Puoi creare un budget per monitorare i costi di un intero account di fatturazione Cloud, inclusi tutti i progetti Google Cloud pagati da tale account di fatturazione. Puoi anche definire l'ambito del budget utilizzando filtri granulari del budget per monitorare sezioni specifiche dei costi. I filtri includono progetti, servizi e il periodo di tempo per il budget e altri filtri applicabili al tuo account di fatturazione Cloud.

Apprendere le nozioni di base di REST

Esistono due modi per richiamare l'API Cloud Billing Budget:

  • Inviare richieste HTTP e analizzarne le risposte.
  • Utilizzo delle librerie client (consigliato).

Se decidi di non utilizzare le librerie client, devi comprendere le nozioni di base di REST.

REST è un tipo di architettura software che fornisce un approccio pratico e coerente per la richiesta e la modifica dei dati.

Il termine REST è l'acronimo di "REpresentational State Transfer". Nel contesto delle API di Google, si riferisce all'utilizzo dei verbi HTTP per recuperare e modificare le rappresentazioni dei dati archiviati da Google.

In un sistema RESTful, le risorse vengono archiviate in un datastore. Un client invia una richiesta affinché il server esegua una determinata azione (ad esempio la creazione, il recupero, l'aggiornamento o l'eliminazione di una risorsa) e il server esegue l'azione e invia una risposta, spesso sotto forma di rappresentazione della risorsa specificata.

Nelle API RESTful di Google, il client specifica un'azione utilizzando un verbo HTTP come POST, GET, PUT o DELETE. Specifica una risorsa mediante un URI univoco a livello globale nel seguente formato:

https://www.googleapis.com/apiName/apiVersion/resourcePath?parameters

Poiché tutte le risorse dell'API dispongono di URI univoci accessibili tramite HTTP, REST consente la memorizzazione dei dati nella cache ed è ottimizzato per operare con l'infrastruttura distribuita del Web.

Le definizioni dei metodi potrebbero essere utili nella documentazione relativa agli standard HTTP 1.1, tra cui le specifiche per GET, POST, PUT e DELETE.

REST nell'API Cloud Billing Budget

Le operazioni dell'API Cloud Billing Budget sono mappate direttamente ai verbi HTTP REST.

I formati specifici per gli URI dell'API Cloud Billing Budget sono:

https://billingbudgets.googleapis.com/v1/resourcePath?parameters

Il set completo di URI utilizzati per ogni operazione supportata nell'API è riepilogati nei documenti di riferimento dell'API Cloud Billing Budget (REST, RPC).

Apprendere le nozioni di base di JSON

L'API Cloud Billing Budget restituisce i dati in formato JSON.

JSON (JavaScript Object Notation) è un formato di dati comune indipendente dal linguaggio che fornisce una semplice rappresentazione di testo di strutture di dati arbitrari. Per ulteriori informazioni, vedi json.org.