Bilanciamento del carico TCP/UDP interno e panoramica di Service Directory

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Puoi scegliere di registrare automaticamente il tuo servizio di bilanciatore del carico interno con Service Directory quando crei un bilanciatore del carico interno. Ciò consente alle applicazioni client di utilizzare Service Directory tramite HTTP, gRPC e/o DNS per risolvere l'indirizzo del servizio di bilanciatore del carico interno e connettersi direttamente a tale servizio.

La registrazione del tuo bilanciatore del carico interno con Service Directory ti permette di:

  • Scegli i nomi DNS personalizzati per gestire le località di rete dei tuoi bilanciatori del carico interni anziché il DNS che accede al tuo bilanciatore del carico interno solo attraverso un nome DNS generato internamente nel dominio .internal.
  • Fornisci più bilanciatori del carico interni dallo stesso nome di dominio DNS, che altrimenti non sarebbe possibile con gli attuali record DNS generati automaticamente.
  • Registra i bilanciatori del carico interni in modo diretto e automatico in Service Directory fornendo un unico repository per tutti i tuoi servizi in Google Cloud.
  • Visualizza servizi autonomi, endpoint ed endpoint del bilanciatore del carico interno con un singolo comando nell'API Service Directory.
  • Applica azioni amministrative come il controllo dell'accesso alle risorse di Service Directory a livello di spazio dei nomi o di servizio per includere gli endpoint del bilanciatore del carico interno e altri servizi di backend.

Per istruzioni su come registrare un bilanciatore del carico interno in Service Directory, consulta la pagina sulla configurazione di un bilanciatore del carico interno in Service Directory.

Passaggi successivi