Archiviazione degli artefatti delle build in Cloud Storage

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Questa pagina spiega come archiviare gli artefatti delle build in Cloud Storage.

Ti consigliamo di utilizzare Artifact Registry per l'archiviazione degli artefatti delle build. Artifact Registry è un prodotto Google Cloud che puoi integrare con Cloud Build per archiviare e gestire in modo sicuro i tuoi artefatti in repository privati o pubblici. L'archiviazione degli artefatti in Artifact Registry ti consente di:

Per istruzioni sulla configurazione di Cloud Build per archiviare pacchetti e immagini dalle tue build in Artifact Registry, consulta Archiviare gli artefatti in Artifact Registry.

Archiviazione degli artefatti in Cloud Storage

Per archiviare artefatti non containerizzati in Cloud Storage, aggiungi un campo artifacts nel file di configurazione della build con la posizione del bucket per archiviare l'artefatto e il percorso di uno o più artefatti:

YAML

artifacts:
  objects:
    location: [STORAGE_LOCATION]
    paths: [[ARTIFACT_PATH],[ARTIFACT_PATH], ...]

Dove,

  • [STORAGE_LOCATION]: un bucket Cloud Storage o una cartella all'interno del bucket in cui Cloud Build deve archiviare l'elemento, ad esempio gs://mybucket o gs://mybucket/some/folder.
  • [ARTIFACT_PATH]: percorso verso uno o più elementi. [ARTIFACT_PATH] è relativo alla tua directory di lavoro. Può essere /workspace, la directory di lavoro predefinita di Cloud Build, o la directory di lavoro impostata utilizzando il campo dir.

JSON

{
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": [
                "[STORAGE_LOCATION]"
            ],
            "paths": [
            [
                "[ARTIFACT_PATH]"
            ],
            [
                "[ARTIFACT_PATH]"
            ],
            "..."
            ]
        }
    }
}

Dove,

  • [STORAGE_LOCATION]: un bucket Cloud Storage o una cartella all'interno del bucket in cui Cloud Build deve archiviare l'elemento, ad esempio gs://mybucket o gs://mybucket/some/folder.
  • [ARTIFACT_PATH]: percorso verso uno o più elementi. [ARTIFACT_PATH] è relativo alla tua directory di lavoro. Può essere /workspace, la directory di lavoro predefinita di Cloud Build, o la directory di lavoro impostata utilizzando il campo dir.

Tieni presente i seguenti aspetti per l'archiviazione degli artefatti in Cloud Storage:

  • Puoi specificare un solo bucket per caricare gli artefatti e devi essere il proprietario. Puoi specificare un percorso directory valido nel bucket.

  • Puoi caricare un numero qualsiasi di artefatti, ma puoi specificare solo fino a cento percorsi dell'artefatto.

  • Se carichi un artefatto in un bucket che ha già un artefatto con lo stesso nome, il nuovo artefatto sostituirà l'artefatto esistente. Puoi abilitare il controllo delle versioni degli oggetti per il bucket se non vuoi che l'elemento più recente sostituisca un artefatto esistente con lo stesso nome.

Una volta completata correttamente la build, puoi trovare i risultati del caricamento nel file manifest JSON all'indirizzo [STORAGE_LOCATION]/artifacts-$BUILD_ID.json.

Il file manifest JSON contiene i seguenti campi:

  • location: specifica la posizione in Cloud Storage in cui è archiviato un artefatto ed è nel formato gs://[STORAGE_LOCATION]/[FILE_NAME]#[GENERATION_NUMBER]. Puoi utilizzare il numero di generazione per identificare in modo univoco una versione dei dati nel bucket Cloud Storage.
  • file_hash: specifica il tipo hash e il valore. Il tipo hash è sempre 2, il che specifica che è stato eseguito l'hash MD5.

Esempi di artefatti

I seguenti esempi mostrano come utilizzare il campo Artifacts in un file di configurazione della build. In tutti questi esempi sostituisci [VALUES_IN_BRACKETS] con i valori appropriati.

Caricamento di file e cartelle

Il file di configurazione della build riportato di seguito carica helloworld.class sulla gs://[STORAGE_LOCATION]/:

YAML

steps:
- name: 'gcr.io/cloud-builders/javac'
  args: ['HelloWorld.java']
artifacts:
  objects:
    location: 'gs://[STORAGE_LOCATION]/'
    paths: ['HelloWorld.class']

JSON

{
    "steps": [
    {
        "name": "gcr.io/cloud-builders/javac",
        "args": [
            "HelloWorld.java"
        ]
    }
    ],
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": "gs://[STORAGE_LOCATION]/",
            "paths": [
                "HelloWorld.class"
            ]
        }
    }
}

Per caricare più di un artefatto, specifica il percorso di ogni artefatto separato da una virgola. L'esempio seguente carica HelloWorld.java, HelloWorld.class e cloudbuild.yaml su gs://[STORAGE_LOCATION]/:

YAML

steps:
- name: 'gcr.io/cloud-builders/javac'
  args: ['HelloWorld.java']
artifacts:
  objects:
    location: 'gs://[STORAGE_LOCATION]/'
    paths: ['HelloWorld.java', 'HelloWorld.class', 'cloudbuild.yaml']

JSON

{
    "steps": [
    {
        "name": "gcr.io/cloud-builders/javac",
        "args": [
            "HelloWorld.java"
        ]
    }
    ],
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": "gs://[STORAGE_LOCATION]/",
            "paths": [
                "HelloWorld.java",
                "HelloWorld.class",
                "cloudbuild.yaml"
            ]
        }
    }
}

Puoi anche caricare gli artefatti in un percorso directory valido nel bucket. L'esempio seguente carica HelloWorld.java e HelloWorld.class su gs://[BUCKET_NAME]/[FOLDER_NAME]:

YAML

steps:
- name: 'gcr.io/cloud-builders/javac'
  args: ['HelloWorld.java']
artifacts:
  objects:
    location: 'gs://[BUCKET_NAME]/[FOLDER_NAME]'
    paths: ['HelloWorld.java', 'HelloWorld.class']

JSON

{
    "steps": [
    {
        "name": "gcr.io/cloud-builders/javac",
        "args": [
            "HelloWorld.java"
        ]
    }
    ],
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": "gs://[BUCKET_NAME]/[FOLDER_NAME]",
            "paths": [
                "HelloWorld.java",
                "HelloWorld.class"
            ]
        }
    }
}

Utilizzo di caratteri jolly per caricare più di un artefatto

Quando carichi più artefatti, puoi utilizzare i caratteri jolly gsutil in paths per specificare più file.

L'esempio seguente considera un file denominato classes, che contiene i nomi dei file .java da compilare. Quindi, carica qualsiasi file .class nel bucket Cloud Storage specificato:

YAML

steps:
- name: 'gcr.io/cloud-builders/javac'
  args: ['@classes']
artifacts:
  objects:
    location: 'gs://[STORAGE_LOCATION]/'
    paths: ['*.class']

JSON

{
    "steps": [
    {
        "name": "gcr.io/cloud-builders/javac",
        "args": [
            "@classes"
        ]
    }
    ],
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": "gs://[STORAGE_LOCATION]/",
            "paths": [
                "*.class"
            ]
        }
    }
}

Utilizzo delle variabili di sostituzione nella località del bucket

Puoi utilizzare le variabili di sostituzione per specificare una cartella all'interno del bucket Cloud Storage. Se la cartella specificata non esiste, Cloud Build la creerà automaticamente.

L'esempio seguente carica gli artefatti in un percorso Cloud Storage che include il nome del progetto Cloud da cui è stata eseguita la build (ad esempio gs://mybucket/myproject/):

YAML

steps:
- name: 'gcr.io/cloud-builders/javac'
  args: ['@classes']
artifacts:
  objects:
    location: 'gs://[BUCKET_NAME]/$PROJECT_ID'
    paths: ['helloworld.class']

JSON

{
    "steps": [
    {
        "name": "gcr.io/cloud-builders/javac",
        "args": [
            "@classes"
        ]
    }
    ],
    "artifacts": {
        "objects": {
            "location": "gs://[BUCKET_NAME]/$PROJECT_ID",
            "paths": [
                "helloworld.class"
            ]
        }
    }
}

Passaggi successivi