Audit logging dei Controlli di servizio VPC

Questo documento descrive gli audit log creati dai Controlli di servizio VPC nell'ambito di Cloud Audit Logs.

Panoramica

I servizi Google Cloud scrivono audit log per aiutarti a rispondere a domande quali "Chi ha fatto cosa, dove e quando?" all'interno delle tue risorse Google Cloud.

I progetti Google Cloud contengono solo gli audit log per le risorse che si trovano direttamente all'interno del progetto Google Cloud. Altre risorse Google Cloud, come cartelle, organizzazioni e account di fatturazione, contengono gli audit log relativi all'entità stessa.

Per una panoramica generale di Cloud Audit Logs, vedi Panoramica di Cloud Audit Logs. Per una comprensione più approfondita del formato degli audit log, consulta Informazioni sugli audit log.

Log di controllo disponibili

Per i Controlli di servizio VPC sono disponibili i seguenti tipi di audit log:

  • Audit log dei criteri negati

    Identifica quando a un utente o a un account di servizio viene negato l'accesso a causa di una violazione dei criteri di sicurezza. Il nome del servizio e quello del metodo negli audit log dei criteri negati indicano i nomi della risorsa a cui è stato negato l'accesso all'utente o all'account di servizio.

    Non puoi disabilitare gli audit log relativi ai criteri negati. Tuttavia, puoi aggiungere quanto segue al filtro di esclusione del sink _Default per escludere gli audit log relativi ai criteri negati: LOG_ID("cloudaudit.googleapis.com/policy"). Puoi anche disabilitare il sink _Default per Cloud Logging, per impedire il routing dei log al bucket _Default.

Per descrizioni più complete dei tipi di audit log, consulta Tipi di audit log.

Operazioni con audit

La seguente tabella riassume le operazioni API corrispondenti a ogni tipo di audit log nei Controlli di servizio VPC:

Categoria di audit log Metodi dei Controlli di servizio VPC
Audit log dei criteri negati Sono supportati i metodi dei servizi che si integrano con i Controlli di servizio VPC.

Contenuti dei record del log di controllo

Ogni record del log di controllo contiene informazioni che possono essere suddivise in due categorie principali: informazioni sulla chiamata originale e informazioni sulle violazioni dei criteri di sicurezza. È compilato dall'API VPC Service Controls nel seguente modo:

Campo Audit log Descrizione
serviceName Il servizio a cui l'accesso è limitato da un perimetro di servizio. La richiesta a questo servizio ha violato un controllo dei Controlli di servizio VPC e ha comportato la creazione di questo audit log.
methodName Il nome della chiamata al metodo che ha causato la violazione dei criteri di sicurezza descritta nel record. Spesso methodName è il metodo associato al servizio Google Cloud specificato nel campo serviceName.
authenticationInfo.principalEmail L'indirizzo email dell'account utente o di servizio che ha emesso la richiesta.
Alcuni indirizzi email potrebbero essere oscurati. Per maggiori informazioni, consulta Identità chiamante negli audit log.
resourceName La risorsa Google Cloud specificata nella richiesta originale del client. resourceName può essere un progetto, una cartella, un'organizzazione o una risorsa come un bucket Google Cloud.
requestMetadata.callerIp

L'indirizzo IP del chiamante.

Se la chiamata ha avuto origine da internet, requestMetadata.callerIp è un indirizzo IPv4 o IPv6 pubblico.

Se la chiamata ha avuto origine da una VM di Compute Engine, requestMetadata.callerIp è un indirizzo IP VM. L'indirizzo IP della VM può essere un indirizzo IP interno o un indirizzo IP esterno.

Se la chiamata ha avuto origine dalla rete di produzione interna di Google, il valore in questo campo è private. Questo caso si verifica quando la chiamata viene inviata da un servizio Google Cloud a un altro.

request_metadata.caller_network Il nome della rete del chiamante. Questo valore viene impostato solo se il progetto host di rete appartiene alla stessa organizzazione o progetto Google Cloud a cui appartiene la risorsa a cui è stato eseguito l'accesso. Per maggiori informazioni, consulta Reti VPC.
status Lo stato generale della gestione di un'operazione descritta nel record.
metadata Le informazioni sulla violazione delle norme di sicurezza.
metadata.resourceNames I nomi delle risorse coinvolte nella violazione dei criteri di sicurezza descritta nel record.
metadata.dryRun Un valore booleano che è True se l'audit log riguarda un controllo dei criteri di prova.
metadata.vpcServiceControlsUniqueId L'identificatore univoco della violazione dei Controlli di servizio VPC descritta nel record.
metadata.violationReason Il motivo della violazione. Ad esempio, RESOURCE_NOT_IN_SAME_SERVICE_PERIMETER significa che le risorse a cui si accede non appartengono allo stesso perimetro di servizio.
metadata.securityPolicyInfo Il nome del perimetro di servizio per il quale si è verificata la violazione e l'identificatore univoco dell'organizzazione a cui appartiene il perimetro.
metadata.egressViolations In genere una violazione del traffico in uscita si verifica quando una richiesta non va a buon fine perché l'origine è protetta da un perimetro di servizio e la risorsa di destinazione è esterna al perimetro. L'origine può essere un progetto o una rete VPC.
metadata.ingressViolations Il tipo di violazione. Spesso questa violazione si verifica se la richiesta tenta di accedere a una risorsa di destinazione protetta da un perimetro di servizio. L'origine può essere un progetto o una rete VPC. Questo campo contiene una struttura che spiega la violazione del traffico in entrata.
metadata.accessLevels Tutti i livelli di accesso corrispondenti all'interno dell'organizzazione che appartengono allo stesso criterio di accesso. Questi livelli di accesso potrebbero non essere specificati nel perimetro violato e potrebbero causare una violazione di NO_MATCHING_ACCESS_LEVEL.
metadata.intermediateServices L'elenco dei servizi coinvolti nella catena di richieste. Questo campo è vuoto per le richieste avviate dall'utente.
metadata.deviceState Lo stato del dispositivo che crea la richiesta quando è abilitato il criterio relativo ai dispositivi. Il valore predefinito di questo campo è Unknown.

Formato degli audit log

Le voci di audit log includono i seguenti oggetti:

  • La voce di log stessa, che è un oggetto di tipo LogEntry. Di seguito vengono riportati alcuni campi utili:

    • logName contiene l'ID risorsa e il tipo di audit log.
    • resource contiene il target dell'operazione controllata.
    • Il campo timeStamp contiene la durata dell'operazione sottoposta ad audit.
    • protoPayload contiene le informazioni controllate.
  • I dati di audit logging, ovvero un oggetto AuditLog contenuto nel campo protoPayload della voce di log.

  • Informazioni facoltative sull'audit specifico del servizio, che sono un oggetto specifico del servizio. Per le integrazioni precedenti, questo oggetto si trova nel campo serviceData dell'oggetto AuditLog; le integrazioni successive utilizzano il campo metadata.

Per informazioni sugli altri campi in questi oggetti e su come interpretarli, consulta Informazioni sugli audit log.

Nome log

I nomi dei log di Cloud Audit Logs includono identificatori di risorse che indicano il progetto Google Cloud o un'altra entità Google Cloud proprietaria degli audit log e se il log contiene dati di audit log relativi ad attività di amministrazione, accesso ai dati, criteri negati o eventi di sistema.

Di seguito sono riportati i nomi degli audit log, incluse le variabili per gli identificatori delle risorse:

   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fdata_access
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fsystem_event
   organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Fpolicy

Nome servizio

Gli audit log dei Controlli di servizio VPC utilizzano i nomi dei servizi che si integrano con i Controlli di servizio VPC.

Per un elenco di tutti i nomi dei servizi dell'API Cloud Logging e del tipo di risorsa monitorata corrispondente, consulta Mappare i servizi alle risorse.

Tipi di risorse

Gli audit log dei Controlli di servizio VPC utilizzano i tipi di risorse supportati dai servizi che si integrano con i Controlli di servizio VPC.

Per un elenco di tutti i tipi di risorsa monitorata da Cloud Logging e informazioni descrittive, consulta Tipi di risorse monitorate.

Identità chiamante

L'indirizzo IP del chiamante è incluso nel campo RequestMetadata.caller_ip dell'oggetto AuditLog. Logging potrebbe oscurare determinati identità chiamante e indirizzi IP.

Per informazioni sulle informazioni oscurate negli audit log, consulta Identità chiamante negli audit log.

Abilitazione degli audit log

Gli audit log delle attività di amministrazione sono sempre abilitati; non puoi disabilitarli.

Autorizzazioni e ruoli

Le autorizzazioni e i ruoli IAM determinano la tua possibilità di accedere ai dati degli audit log nelle risorse Google Cloud.

Quando decidi quali autorizzazioni e ruoli specifici per Logging applicare al tuo caso d'uso, considera quanto segue:

  • Il ruolo Visualizzatore log (roles/logging.viewer) ti consente l'accesso di sola lettura agli audit log di attività di amministrazione, criteri negati ed eventi di sistema. Se disponi solo di questo ruolo, non puoi visualizzare gli audit log di accesso ai dati che si trovano nel bucket _Default.

  • Il ruolo Visualizzatore log privati(roles/logging.privateLogViewer) include le autorizzazioni contenute in roles/logging.viewer, oltre alla possibilità di leggere gli audit log di accesso ai dati nel bucket _Default.

    Tieni presente che se questi log privati sono archiviati in bucket definiti dall'utente, qualsiasi utente che disponga delle autorizzazioni per leggere i log in questi bucket può leggere i log privati. Per ulteriori informazioni sui bucket di log, consulta Panoramica del routing e dell'archiviazione.

Per ulteriori informazioni sulle autorizzazioni e sui ruoli IAM che si applicano ai dati degli audit log, consulta Controllo dell'accesso con IAM.

Visualizza i log

Puoi eseguire una query per tutti gli audit log o per tutti i log in base al nome degli audit log. Il nome dell'audit log include l'identificatore della risorsa del progetto, della cartella, dell'account di fatturazione o dell'organizzazione per cui vuoi visualizzare le informazioni sugli audit log. Le query possono specificare i campi LogEntry indicizzati e, se utilizzi la pagina Analisi dei log, che supporta le query SQL, puoi visualizzare i risultati della query sotto forma di grafico.

Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di query sui log, consulta le pagine seguenti:

Puoi visualizzare gli audit log in Cloud Logging utilizzando la console Google Cloud, Google Cloud CLI o l'API Logging.

Console

Nella console Google Cloud, puoi utilizzare Esplora log per recuperare le voci degli audit log per il progetto, la cartella o l'organizzazione Google Cloud:

  1. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Logging, quindi Esplora log:

    Vai a Esplora log

  2. Seleziona un progetto, una cartella o un'organizzazione Google Cloud esistente.

  3. Per visualizzare tutti gli audit log, inserisci una delle seguenti query nel campo query-editor e fai clic su Esegui query:

    logName:"cloudaudit.googleapis.com"
    
    protoPayload."@type"="type.googleapis.com/google.cloud.audit.AuditLog"
    
  4. Per visualizzare gli audit log per una risorsa e un tipo di audit log specifici, nel riquadro Query Builder procedi nel seguente modo:

    • In Tipo di risorsa, seleziona la risorsa Google Cloud di cui vuoi visualizzare gli audit log.

    • In Nome log, seleziona il tipo di log di controllo che vuoi visualizzare:

      • Per i log di controllo delle attività di amministrazione, seleziona attività.
      • Per gli audit log di accesso ai dati, seleziona data_access.
      • Per gli audit log degli eventi di sistema, seleziona system_event.
      • Per i log di controllo relativi ai criteri negati, seleziona policy.
    • Fai clic su Esegui query.

    Se non vedi queste opzioni, significa che non sono disponibili audit log di quel tipo nel progetto, nella cartella o nell'organizzazione di Google Cloud.

    Se riscontri problemi durante il tentativo di visualizzare i log in Esplora log, consulta le informazioni sulla risoluzione dei problemi.

    Per ulteriori informazioni sulle query utilizzando Esplora log, consulta Creare query in Esplora log. Per informazioni sul riepilogo delle voci di log in Esplora log utilizzando Duet AI, consulta Riepilogare le voci di log con l'assistenza di Duet AI.

gcloud

Google Cloud CLI fornisce un'interfaccia a riga di comando per l'API Logging. Fornisci un identificatore di risorsa valido in ciascuno dei nomi dei log. Ad esempio, se la query include un PROJECT_ID, l'identificatore del progetto che fornisci deve fare riferimento al progetto Google Cloud attualmente selezionato.

Per leggere le voci degli audit log a livello di progetto Google Cloud, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --project=PROJECT_ID

Per leggere le voci degli audit log a livello di cartella, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : folders/FOLDER_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --folder=FOLDER_ID

Per leggere le voci degli audit log a livello di organizzazione, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --organization=ORGANIZATION_ID

Per leggere le voci degli audit log a livello di account di fatturazione Cloud, esegui questo comando:

gcloud logging read "logName : billingAccounts/BILLING_ACCOUNT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com" \
    --billing-account=BILLING_ACCOUNT_ID

Aggiungi il flag --freshness al comando per leggere i log che risalgono a più di un giorno fa.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di gcloud CLI, consulta gcloud logging read.

API

Quando crei le tue query, fornisci un identificatore di risorsa valido in ciascuno dei nomi dei log. Ad esempio, se la query include un PROJECT_ID, l'identificatore del progetto da te fornito deve fare riferimento al progetto Google Cloud attualmente selezionato.

Ad esempio, per utilizzare l'API Logging per visualizzare le voci degli audit log a livello di progetto, segui questi passaggi:

  1. Vai alla sezione Prova questa API nella documentazione relativa al metodo entries.list.

  2. Inserisci quanto segue nella parte Corpo della richiesta del modulo Prova questa API. Se fai clic su questo modulo precompilato, il corpo della richiesta viene compilato automaticamente, ma devi fornire un valore PROJECT_ID valido in ogni nome di log.

    {
      "resourceNames": [
        "projects/PROJECT_ID"
      ],
      "pageSize": 5,
      "filter": "logName : projects/PROJECT_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com"
    }
    
  3. Fai clic su Execute (Esegui).

Query di esempio

Per trovare gli audit log per i Controlli di servizio VPC, utilizza le seguenti query in Esplora log:

Descrizione query Espressione
Dettagli della violazione basati su un ID rifiuto

log_id("cloudaudit.googleapis.com/policy") severity=ERROR
resource.type="audited_resource"
protoPayload.metadata."@type"="type.googleapis.com/google.cloud.audit.VpcServiceControlAuditMetadata"
protoPayload.metadata.vpcServiceControlsUniqueId="UNIQUE_ID" 

Sostituisci UNIQUE_ID con l'ID univoco del rifiuto.

Violazioni relative a un indirizzo IP

log_id("cloudaudit.googleapis.com/policy")
severity=ERROR
resource.type="audited_resource"
protoPayload.metadata."@type"="type.googleapis.com/google.cloud.audit.VpcServiceControlAuditMetadata"
protoPayload.requestMetadata.callerIp="IP_ADDRESS"

Sostituisci IP_ADDRESS con l'indirizzo IP del chiamante.

Violazioni per un servizio

log_id("cloudaudit.googleapis.com/policy")
severity=ERROR
resource.type="audited_resource"
protoPayload.metadata."@type"="type.googleapis.com/google.cloud.audit.VpcServiceControlAuditMetadata"
protoPayload.serviceName="SERVICE_NAME"

Sostituisci SERVICE_NAME con il nome del servizio limitato.

Modifica del livello di accesso apportata a un perimetro

logName="organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity"
severity=NOTICE
protoPayload.serviceName="accesscontextmanager.googleapis.com"
protoPayload.methodName="google.identity.accesscontextmanager.v1.AccessContextManager.UpdateServicePerimeter"
-protoPayload.metadata.previousState:"ACCESS_LEVEL"
protoPayload.request.servicePerimeter.status.accessLevels:"ACCESS_LEVEL"

Sostituisci ORGANIZATION_ID con l'ID numerico della tua organizzazione e ACCESS_LEVEL con il nome univoco del livello di accesso.

Operazioni CRUD perimetrali

logName="organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity"
severity=NOTICE
protoPayload.serviceName="accesscontextmanager.googleapis.com"
protoPayload.methodName=~"google.identity.accesscontextmanager.v1.AccessContextManager.ServicePerimeter"
protoPayload.request.servicePerimeter.name=~".PERIMETER_NAME$"
Sostituisci PERIMETER_NAME con il nome del perimetro.
Operazioni CRUD a livello di accesso

logName="organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity"
severity=NOTICE
protoPayload.serviceName="accesscontextmanager.googleapis.com"
protoPayload.methodName=~"google.identity.accesscontextmanager.v1.AccessContextManager.AccessLevel"
protoPayload.request.accessLevel.name=~".ACCESS_LEVEL$"
Creazione e aggiornamento delle operazioni per le regole in entrata

logName="organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity"
protoPayload.serviceName="accesscontextmanager.googleapis.com"
protoPayload.methodName=~"google.identity.accesscontextmanager.v1.AccessContextManager.ServicePerimeter"
protoPayload.request.servicePerimeter.status.ingressPolicies:""
Creazione e aggiornamento delle operazioni per le regole in uscita

logName="organizations/ORGANIZATION_ID/logs/cloudaudit.googleapis.com%2Factivity"
protoPayload.serviceName="accesscontextmanager.googleapis.com"
protoPayload.methodName=~"google.identity.accesscontextmanager.v1.AccessContextManager.ServicePerimeter"
protoPayload.request.servicePerimeter.status.egressPolicies:""

Per utilizzare le query di esempio:

  1. Sostituisci le variabili con le informazioni del tuo progetto, quindi copia l'espressione utilizzando l'icona degli appunti .

  2. Nel pannello di navigazione della console Google Cloud, seleziona Logging, quindi Esplora log:

    Vai a Esplora log

  3. Attiva Mostra query per aprire il campo dell'editor di query, quindi incolla l'espressione nel campo dell'editor di query:

    Editor query in cui inserisci query di esempio.

  4. Fai clic su Esegui query. I log che corrispondono alla query sono elencati nel riquadro Risultati query.

Audit log del routing

Puoi indirizzare gli audit log verso destinazioni supportate nello stesso modo in cui puoi instradare altri tipi di log. Ecco alcuni motivi per cui potresti voler eseguire il routing degli audit log:

  • Per conservare gli audit log per un periodo di tempo più lungo o per utilizzare funzionalità di ricerca più potenti, puoi eseguire il routing delle copie degli audit log su Cloud Storage, BigQuery o Pub/Sub. Con Pub/Sub puoi eseguire il routing ad altre applicazioni, altri repository e terze parti.

  • Per gestire gli audit log in un'intera organizzazione, puoi creare sink aggregati che possono indirizzare i log da uno o tutti i progetti Google Cloud nell'organizzazione.

Per istruzioni sui log di routing, vedi Indirizzare i log alle destinazioni supportate.

Prezzi

Per informazioni sui prezzi di Cloud Logging, consulta Prezzi della suite operativa di Google Cloud: Cloud Logging.