Insight sull'utilizzo dell'indirizzo IP di GKE

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Allocazione degli intervalli di pod GKE elevata

Questo insight indica che l'utilizzo dell'indirizzo IP negli intervalli di indirizzi dei pod per un cluster GKE è superiore all'80%. Il criterio di allocazione degli indirizzi IP per i pod GKE varia a seconda che il cluster sia stato creato come cluster nativo di VPC o come cluster basato su route.

Cluster basati su route

Un cluster basato su route ha un intervallo di indirizzi IP utilizzati per pod e servizi. Anche se l'intervallo viene utilizzato sia per i pod sia per i servizi, è chiamato intervallo di indirizzi dei pod.

Per i servizi viene utilizzato l'ultimo /20 dell'intervallo di indirizzi del pod. Un intervallo /20 ha 212 = 4096 indirizzi. per i servizi vengono utilizzati gli indirizzi 4096, mentre per i pod viene utilizzato il resto dell'intervallo.

Ogni nodo ha un intervallo /24 di indirizzi IP per i pod. Un intervallo /24 ha 28 = 256 indirizzi.

Il rapporto di allocazione per l'intervallo di indirizzi dei pod viene calcolato come segue:

((numero di nodi GKE) × (256)) ÷ ((dimensione dell'intervallo di indirizzi dei pod) - 4096)

Cluster VPC nativi

In un cluster nativo di VPC quando viene creato un pool di nodi, devi selezionare un intervallo di indirizzi IP secondari per allocare IP per i pod GKE. Pool di nodi diversi possono utilizzare intervalli secondari diversi per allocare gli indirizzi IP dei pod. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione CIDR multi-pod. Network Analyzer calcola il rapporto di allocazione per ogni intervallo di indirizzi IP secondario utilizzato per allocare gli indirizzi IP dei pod per un determinato cluster. Se il rapporto complessivo di allocazione è superiore all'80%, ottieni un approfondimento sull'utilizzo.

Il rapporto di allocazione per un singolo intervallo di indirizzi IP secondari viene calcolato come segue:

(Indirizzi IP utilizzati per un intervallo secondario) ÷ (dimensione dell'intervallo secondario)

L'allocazione complessiva viene calcolata nel seguente modo:

(Somma degli IP utilizzati in tutti gli intervalli di indirizzi IP secondari utilizzati per allocare gli indirizzi IP dei pod) ÷ (somma delle dimensioni degli intervalli di indirizzi IP secondari utilizzati per allocare gli indirizzi IP dei pod)

Consigli

L'allocazione degli intervalli di pod GKE limita la scalabilità automatica

Questo insight indica che gli intervalli di indirizzi IP dei pod del cluster non hanno indirizzi sufficienti a supportare la creazione del numero massimo di nodi in tutti i pool di nodi. La pagina dei dettagli di Insight include una tabella che mostra il numero di indirizzi IP dei pod attualmente utilizzati e il numero massimo di indirizzi IP dei pod in ciascuno degli intervalli di indirizzi IP dei pod del cluster GKE.

Network Analyzer genera queste informazioni quando il valore di utilizzo dell'indirizzo IP con scalabilità automatica supera il 100%.

Il valore di utilizzo dell'indirizzo IP con scalabilità automatica supera il 100% quando il numero di indirizzi IP del pod necessario per supportare il numero massimo di nodi nel cluster supera il numero di indirizzi IP negli intervalli di indirizzi IP del pod del cluster. Il numero massimo di nodi nel cluster è la somma del numero massimo di nodi in ogni pool di nodi del cluster (maxNodeCount).

Il valore di utilizzo dell'indirizzo IP con scalabilità automatica viene calcolato utilizzando la formula trovata nell'allocazione per intervalli di pod GKE elevati.

Cluster basati su route

Questo insight viene generato quando il rapporto di allocazione per l'intervallo di indirizzi dei pod è superiore al 100% e tutti i pool di nodi sono completamente scalati. I nodi GKE non verranno creati a causa della mancanza di spazio di indirizzi IP.

Cluster VPC nativi

Questo insight viene generato se un intervallo di indirizzi IP secondari utilizzato per allocare gli indirizzi IP dei pod non dispone di spazio sufficiente per gli indirizzi IP non allocati. Lo spazio degli indirizzi IP non è sufficiente non è in grado di gestire la situazione quando tutti i pool di nodi sono scalati automaticamente.

Per saperne di più, consulta le best practice per il networking di GKE e la limitazione automatica del gestore della scalabilità dei cluster.

Consigli

  • Per i cluster basati su route, ricrea il cluster con un intervallo di indirizzi dei pod più ampio. Crea questo cluster come cluster nativo di VPC, in quanto è la modalità di rete consigliata. Consulta Tipi di cluster.
  • Per i cluster nativi di VPC, crea alcuni pool di nodi che allocano IP dei pod su un intervallo di indirizzi IP secondari limitato su un nuovo intervallo di indirizzi IP secondari utilizzando il CIDR multi-pod.