Utilizzo delle quote

Google Cloud applica quote all'utilizzo delle risorse per i proprietari dei progetti, stabilendo un limite fisso alla quantità di una particolare risorsa di Google Cloud utilizzabile nel progetto. I tipi di utilizzo delle risorse che limitiamo con le quote sono due:

  • Quota di frequenza, ad esempio il numero di richieste API al giorno. Questa quota viene reimpostata dopo un periodo di tempo specificato, ad esempio un minuto o un giorno.
  • Quota di allocazione, ad esempio il numero di macchine virtuali o bilanciatori del carico in uso nel progetto. Questa quota non viene reimpostata nel tempo, devi invece rilasciarla esplicitamente quando non intendi più utilizzare la risorsa, ad esempio eliminando un cluster GKE.

I motivi per l'applicazione delle quote sono diversi: ad esempio, per proteggere la community degli utenti di Google Cloud evitando picchi di utilizzo imprevisti. Le quote facilitano inoltre la gestione delle risorse: ad esempio, puoi impostare i tuoi limiti di utilizzo dei servizi entro la quota fornita da Google durante lo sviluppo e il test delle applicazioni. Il limite di ogni quota è espresso in termini di una particolare risorsa conteggiabile, dalle richieste al giorno per un'API al numero di bilanciatori del carico utilizzati dalla tua applicazione.

Le quote per gli stessi servizi non sono le stesse per tutti i progetti. Se utilizzi un account di prova gratuita per esplorare la piattaforma, ad esempio, la tua quota potrebbe essere estremamente limitata. Per alcuni servizi sono disponibili quote superiori solo dopo l'attivazione della fatturazione per il progetto. Man mano che il tuo utilizzo di Google Cloud aumenta nel tempo, le tue quote potrebbero aumentare di conseguenza. Se ne hai bisogno, puoi anche richiedere una quota maggiore e configurare monitoraggio e avvisi in Cloud Monitoring per ricevere segnalazioni in merito a utilizzi anomali della quota o al suo imminente esaurimento.

I limiti della tua quota potrebbero essere influenzati dagli override delle quote applicati dal proprietario del servizio, dal proprietario del progetto o dall'amministratore delle quote; puoi scoprire di più su come vengono calcolati i limiti di quota nella pagina dedicata al modello di quota di servizio.

In questa pagina viene descritto come utilizzare le quote nei progetti, come cercare e modificare i limiti di quota esistenti, come richiedere una quota maggiore e come monitorare l'utilizzo della quota. Per sapere come visualizzare altre metriche di utilizzo delle API, consulta la pagina dedicata al monitoraggio dell'utilizzo delle API.

Autorizzazioni

Per visualizzare la quota del tuo progetto in Google Cloud Console o accedervi in modo programmatico, devi disporre delle seguenti autorizzazioni IAM:

  • resourcemanager.projects.get
  • resourcemanager.folders.get (se vuoi visualizzare la quota per un'intera Cartella)
  • resourcemanager.organizations.get (se vuoi visualizzare la quota per un'intera Organizzazione)
  • serviceusage.quotas.get

Puoi visualizzare quali ruoli includono queste autorizzazioni per impostazione predefinita nei riferimenti per le autorizzazioni IAM.

Per apportare modifiche alle quote del progetto, della cartella o dell'organizzazione, devi disporre anche delle seguenti autorizzazioni:

  • serviceusage.quotas.update

Questa autorizzazione è inclusa per impostazione predefinita per i seguenti ruoli: Proprietario, Editor, Amministratore quota e Amministratore utilizzo dei servizi.

Visualizzazione della quota

I modi principali per visualizzare i limiti di quota attuali in Google Cloud Console sono due:

  • Utilizzando la pagina Quote, che fornisce un elenco di tutti gli utilizzi delle quote e dei relativi limiti per il tuo progetto.

  • Utilizzando la console, che fornisce informazioni sulla quota per un'API specifica, compreso l'utilizzo delle risorse nel tempo.

I limiti di quota sono accessibili anche a livello di programmazione tramite l'API Service Usage.

Inoltre, alcuni servizi offrono accesso da riga di comando alle informazioni su quota e utilizzo delle risorse. Ad esempio, Compute Engine consente di accedere alle informazioni sulla quota utilizzando gcloud compute.

Per sapere come monitorare il tuo utilizzo della quota e come impostare i relativi avvisi, consulta la sezione Monitoraggio e avvisi sulle metriche delle quote.

Visualizzazione di tutte le quote del progetto

Per visualizzare le quote (utilizzo e limiti delle quote) per tutte le risorse nel tuo progetto, segui questi passaggi:

  1. Vai alla pagina Quote di Cloud Console in IAM e amministrazione.
  2. Viene visualizzata la pagina Quote per il progetto attuale, con un elenco contenente una voce per ogni tipo di quota disponibile in ciascun servizio. Per visualizzare le quote per un altro progetto, seleziona un progetto dall'elenco o creane uno nuovo.
  3. Puoi ordinare e filtrare i risultati per trovare le informazioni che ti servono:

    • Utilizza i filtri nella parte superiore della pagina per regolare l'elenco in base a Servizio, Nome limite, Stato quote, ID servizio e/o Metrica.
    • Per impostazione predefinita, l'elenco è ordinato per Stato quote (con i servizi per ogni stato elencati in ordine alfabetico) e mostra per prima la quota più utilizzata, per consentirti di visualizzare i limiti che rischiano di essere superati. Per mostrare per prima la quota meno utilizzata, seleziona la freccia Stato quote. Puoi ordinare l'elenco in base al nome Servizio e al Nome limite in ordine alfabetico o in ordine alfabetico inverso.
  4. Seleziona un elemento dall'elenco per visualizzare i limiti e l'utilizzo attuale nel riquadro della quota.

    • Il valore Limite è il limite attuale per questa quota. Per impostazione predefinita, questi limiti coincidono con i limiti imposti da Google: se vuoi specificare un limite inferiore, consulta le istruzioni in Limitazione dell'utilizzo. Se per una determinata quota non è presente un limite imposto da Google, come limite viene visualizzata la dicitura Nessun limite. Tutti i valori di utilizzo al di sotto di questa soglia mostrano quanto ti manca per raggiungere questo limite.
    • Il valore Utilizzo attuale ha significati leggermente diversi a seconda del tipo di quota. Per la quota di allocazione, l'utilizzo attuale è semplicemente la quantità della risorsa che stai utilizzando attualmente. Per la quota di frequenza giornaliera, si tratta dell'utilizzo accumulato nella giornata corrente. Per la quota di frequenza al minuto o per 100 secondi, si tratta dell'utilizzo medio nelle ultime 24 ore.
    • Il valore Picco in 7 giorni mostra l'utilizzo di picco negli ultimi 7 giorni.

    Per le quote a livello di area geografica o zona, il riquadro della quota mostra tali valori per ogni zona o area geografica.

Per le quote a livello di area geografica o zona, puoi fare clic su Tutte le quote nella voce di elenco corrispondente per visualizzare una pagina di riepilogo che mostra l'utilizzo per zona o area geografica. Puoi anche fare clic sul nome di un servizio nell'elenco per visualizzare informazioni più dettagliate sulla quota di un'API specifica, come descritto di seguito.

Puoi trovare ulteriori informazioni sulle quote per uno specifico servizio e sul loro significato nella documentazione corrispondente: ad esempio, la quota di Compute Engine è documentata in Quote delle risorse.

Quota di un'API specifica

Per visualizzare informazioni più dettagliate sulla quota di un'API specifica, compreso l'utilizzo nel tempo, visita la pagina della quota dell'API in Cloud Console. A seconda dell'API, questi limiti possono includere richieste al giorno, richieste al minuto e richieste al minuto per utente. Per alcune API i limiti impostati sono estremamente bassi fino a che non abiliti la fatturazione nel progetto.

Per visualizzare i limiti attuali per una specifica API, procedi come segue:

oppure:

  1. Vai alla pagina Dashboard sotto API e servizi di Cloud Console.
  2. Seleziona un progetto dall'elenco o creane uno nuovo.
  3. Fai clic sul nome dell'API che ti interessa.
  4. Fai clic su Quote.

I nomi delle quote per l'API che hai scelto sono visualizzati nella pagina Quote. Puoi espandere ogni quota per visualizzare l'utilizzo dettagliato nel tempo, nonché il tuo limite attuale. Per impostazione predefinita, i limiti visualizzati coincidono con i limiti imposti da Google: se vuoi specificare un limite inferiore, consulta le istruzioni in Limitazione dell'utilizzo. Se per una determinata quota non è presente un limite imposto da Google, come limite viene visualizzata la dicitura Nessun limite.

Non tutte le quote vengono visualizzate sulla pagina delle quote di una specifica API. Ad esempio, le richieste all'API Compute Engine hanno una pagina delle quote specifica dell'API, che però non include l'utilizzo delle risorse di calcolo di Compute Engine (quota di allocazione). Inoltre, se utilizzi il servizio in più località, sulla pagina delle quote specifica dell'API non sono riportati i limiti di quota per area geografica o zona e il relativo utilizzo. Per un elenco completo delle quote del tuo progetto, che consente anche di filtrare in base alla località, consulta la pagina Quote del progetto.

Gestione della quota tramite Cloud Console

A seconda dell'utilizzo delle risorse, potresti voler aumentare o ridurre i limiti di quota del progetto. Questa sezione descrive come cambiare i limiti di quota impostati.

Richiesta di aumento di quota

Puoi richiedere una modifica della quota per la maggior parte dei servizi fatturabili che prevedono un limite di quota. Procedi come segue:

  1. Nella pagina Quote, utilizza le caselle di controllo per selezionare una o più quote da modificare, quindi fai clic su MODIFICA QUOTE. Per poter selezionare le caselle di controllo è necessario che la fatturazione sia attivata.
  2. Nel riquadro Modifica quote, a destra, compila il modulo con il tuo Nome, Indirizzo email e Telefono, quindi fai clic su Avanti.
  3. Nel riquadro Modifica quote, seleziona il servizio per espandere la visualizzazione, quindi modifica le quote relative al servizio portandole al limite che vuoi applicare. Fai clic su Fine.
  4. Ripeti la procedura per modificare le quote in ognuno dei servizi selezionati.
    • Un servizio con un'icona di avviso () non è stato ancora modificato o un campo non è stato compilato.
    • Puoi aggiungere ulteriori quote da modificare selezionandole dall'elenco a sinistra.
    • Puoi rimuovere un servizio dal riquadro Modifica quote facendo clic sull'icona di eliminazione ().
  5. Al termine della modifica delle quote, fai clic su Invia richiesta.

In genere, le richieste relative alle quote di Google Cloud vengono elaborate rapidamente, entro due giorni lavorativi. Riceverai un'email di conferma della richiesta dall'Assistenza Google Cloud. Se hai bisogno di ulteriore assistenza, puoi rispondere all'email. Tieni presente che l'approvazione di aumenti di quota significativi può richiedere tempi più lunghi.

Limitazione dell'utilizzo

Potrebbe essere necessario limitare l'utilizzo di una particolare risorsa impostando limiti di quota personalizzati. Ad esempio, per evitare che ti venga fatturato l'utilizzo al di sopra dei limiti gratuiti, puoi impostare limitazioni sulle richieste al giorno. Il modo più semplice per limitare la quota è modificare i limiti nella pagina delle quote della specifica API.

  1. Vai alla pagina delle quote in Cloud Console per l'API di cui vuoi limitare l'utilizzo.
  2. Sulla riga della quota che vuoi modificare, fai clic sull'icona di modifica (), quindi immetti la quota totale che preferisci entro il limite specificato da Google.
  3. Fai clic su Salva per salvare le modifiche.

Se vuoi limitare una quota non visualizzata su questa pagina o impostare un limite superiore al massimo previsto, devi modificare i tuoi limiti seguendo la procedura descritta in Richiesta di aumento di quota.

Gestione della quota tramite l'API Service Usage

Puoi utilizzare l'API Service Usage per limitare l'utilizzo della quota e recuperare i limiti di quota attuali, per API e servizi Google Cloud gestiti da Service Usage. Per ulteriori informazioni su Service Usage, consulta le pagine seguenti:

Non puoi utilizzare l'API Service Usage per richiedere una quota maggiore. Per questa attività, devi utilizzare Cloud Console.

Monitoraggio e avvisi sulle metriche delle quote

Oltre a visualizzare le informazioni essenziali sulle quote in Cloud Console, Google Cloud consente di monitorare l'utilizzo delle quote, dei limiti e degli errori in modo più approfondito tramite API e UI di Cloud Monitoring, con le metriche delle quote visualizzate in Metrics Explorer. Puoi utilizzare queste metriche per creare dashboard e avvisi personalizzati, che ti consentono di monitorare l'utilizzo delle quote nel tempo e di ricevere avvisi, ad esempio, all'approssimarsi di un limite di quota.

Cloud Monitoring supporta un'ampia gamma di metriche, che possono essere combinate con filtri e aggregazioni per ottenere punti di vista nuovi e significativi sull'utilizzo delle quote. Ad esempio, puoi combinare una metrica di conteggio dell'utilizzo di una quota di allocazione con un filtro quota_metric per i nomi di Cloud TPU.

Per visualizzare le metriche per una risorsa monitorata con Metrics Explorer, procedi come segue:

  1. Nel riquadro di navigazione di Google Cloud Console, seleziona Monitoring:
    Vai a Google Cloud Console

    Se è il primo accesso di Cloud Monitoring per questo progetto Google Cloud, Cloud Monitoring crea un'area di lavoro. In genere, questa procedura è automatica e viene completata entro pochi minuti. Se ti viene richiesto di selezionare un'area di lavoro o di creare un'area di lavoro, seleziona Crea.

  2. Nel riquadro di navigazione di Monitoring, fai clic su Metrics Explorer.
  3. Verifica che Metric (Metrica) sia la scheda selezionata.
  4. Fai clic nella casella con l'etichetta Find resource type and metric (Trova tipo di risorsa e metrica), quindi seleziona dal menu o immetti il nome della risorsa e della metrica. Utilizza le informazioni seguenti per compilare i campi di questa casella di testo:
    1. Per Resource (Risorsa), seleziona o immetti Consumer Quota (Quota consumer).
    2. Per Metric (Metrica), seleziona o immetti Allocation quota usage (Utilizzo quota di allocazione) per monitorare la quota di allocazione. Seleziona o immetti Rate quota usage (Utilizzo quota di frequenza) per monitorare la quota di frequenza.
  5. Utilizza i menu Filter (Filtra), Group By (Raggruppa per) e Aggregator (Aggregatore) per modificare la modalità di visualizzazione dei dati. Ad esempio, puoi raggruppare in base a etichette di risorsa o metrica. Per ulteriori informazioni, consulta Selezione delle metriche.

Analogamente, per visualizzare i limiti di quota o gli errori di superamento, seleziona innanzitutto Consumer Quota (Quota consumer) come tipo di risorsa, quindi seleziona Quota limit (Limite quota) o Quota exceeded error (Errore superamento quota).

Dopo aver trovato le informazioni sull'utilizzo della quota, puoi utilizzare Cloud Monitoring per creare dashboard e avvisi personalizzati che ti aiuteranno a continuare a monitorare e gestire un'applicazione solida. Le istruzioni per questa operazione sono disponibili alle pagine seguenti:

Puoi trovare maggiori informazioni ed esempi di criteri di avviso comuni specifici per le quote nella sezione Utilizzo delle metriche delle quote della documentazione di Cloud Monitoring.

Un riferimento dettagliato per le metriche delle quote è disponibile nella guida di riferimento di Cloud Monitoring.

Errori di quota

Se il tuo progetto supera una particolare quota durante l'utilizzo di un servizio, la piattaforma restituisce un errore.

In genere, Google Cloud restituisce un codice di errore HTTP 429 se utilizzi HTTP/REST per accedere al servizio oppure un codice ResourceExhausted se utilizzi gRPC. La modalità di visualizzazione di questo errore dipende dal servizio.

Puoi utilizzare Cloud Monitoring per identificare la quota associata all'errore e creare avvisi personalizzati dopo la ricezione di un errore di quota, come descritto in Monitoraggio e avvisi sulle metriche delle quote.