Utilizzo delle quote

Google Cloud utilizza le quote per limitare la quantità di una determinata risorsa di Google Cloud condivisa che puoi utilizzare. Ogni quota rappresenta una risorsa specifica contabile, come le chiamate API a un determinato servizio, il numero di bilanciatori del carico utilizzati contemporaneamente dal tuo progetto o il numero di progetti che puoi creare.

Questa pagina descrive come utilizzare le quote nei tuoi progetti, nonché come trovare e modificare i limiti di quota esistenti, come richiedere una quota più alta e come monitorare l'utilizzo della quota.

Molti servizi hanno anche limiti non correlati al sistema delle quote. Si tratta di limiti fissi, come le dimensioni massime dei file o limitazioni degli schemi di database, che non possono essere aumentati o diminuiti. Per saperne di più, visita la pagina Quote e limiti del servizio pertinente (ad esempio, quote e limiti di Cloud Storage).

I seguenti link forniscono ulteriori informazioni sull'utilizzo delle risorse:

Provalo

Se non conosci Google Cloud, crea un account per valutare le prestazioni dei nostri prodotti in scenari reali. I nuovi clienti ricevono anche 300 $ di crediti gratuiti per l'esecuzione, il test e il deployment dei carichi di lavoro.

Inizia gratuitamente

Informazioni sulle quote

Prima di imparare a monitorare e gestire la tua quota, è utile comprendere le nozioni di base sul funzionamento del sistema di quote di Google Cloud. Questa sezione introduce alcuni concetti chiave, tra cui i tipi di quota, i limiti di quota e le richieste di aumento di quota.

Perché applichiamo le quote?

Le quote vengono applicate per diversi motivi, tra cui:

  • Proteggere la community di utenti Google Cloud evitando picchi imprevisti o nell'utilizzo di servizi.
  • Per aiutarti a gestire le risorse. Ad esempio, puoi impostare i tuoi limiti di utilizzo dei servizi durante lo sviluppo e il test delle applicazioni per evitare addebiti imprevisti che utilizzano risorse costose.

Tipi di quota

Esistono due categorie di quote:

  • Le quote di frequenza vengono generalmente utilizzate per limitare il numero di richieste che è possibile effettuare a un'API o a un servizio. Le quote di frequenza vengono reimpostate dopo un intervallo di tempo specifico per il servizio, ad esempio il numero di richieste API al giorno.
  • Le quote di allocazione vengono utilizzate per limitare l'uso delle risorse che non hanno una percentuale di utilizzo, ad esempio il numero di VM utilizzate dal progetto in un determinato momento. Le quote di allocazione non vengono reimpostate nel tempo; devi invece rilasciare esplicitamente la risorsa quando non vuoi più utilizzarla, ad esempio eliminando un cluster GKE.

All'interno di queste categorie, alcune quote sono globali e si applicano al tuo utilizzo della risorsa ovunque in Google Cloud, mentre altre sono a livello di area geografica o zona e si applicano all'utilizzo della risorsa in un'area geografica di Google Cloud specifica (entrambi i tipi di quota) o una zona (solo quote di allocazione). Ad esempio, esistono limiti separati per il numero di istanze VM di Compute Engine che puoi creare in ogni area geografica Google Cloud.

Le quote vengono applicate in base al singolo progetto, ad eccezione del numero di progetti che è possibile creare, che viene applicato a ogni account utente e account di fatturazione.

Visualizzazione delle informazioni sulle quote

Esistono diversi modi per visualizzare e gestire la tua quota di Google Cloud:

Nella parte rimanente di questo documento puoi vedere dettagli su come utilizzare questi approcci. Ogni prodotto o servizio ha anche una pagina dedicata a quote e limiti con informazioni specifiche sulle quote per quel servizio, ad esempio la pagina Quote e limiti di GKE.

Informazioni sui limiti di quota

Anche se molti servizi prevedono quote predefinite per alcune risorse, l'insieme di limiti previsti per le applicazioni si applica a te, al tuo progetto o alla tua organizzazione. Ad esempio, se utilizzi un account di prova gratuito per esplorare la piattaforma, potresti avere una quota molto bassa per alcune risorse rispetto alle quote più basse per un account fatturato. Se abiliti la fatturazione per il progetto, verranno aumentate le quote per la maggior parte dei servizi. Le quote possono anche aumentare man mano che il tuo utilizzo di Google Cloud aumenta.

Se il tuo progetto ha bisogno di più risorse rispetto a quelle consentite dalle quote, puoi richiedere una quota maggiore per un servizio specifico. Per saperne di più sul funzionamento delle richieste di aumento della quota, consulta Informazioni sulle richieste di aumento di quota. Puoi anche aggiungere limiti personalizzati per determinate quote se vuoi imporre limiti di spesa, in particolare durante lo sviluppo o il test di un'applicazione che utilizza risorse costose.

Alcune quote sono illimitate per determinati utenti. In questo caso, puoi utilizzare tutte le risorse che vuoi.

Infine, un piccolo numero di quote non può essere aumentato dai loro valori predefiniti, ad esempio quando un utilizzo più elevato costituisce un antimotivo o quando le risorse sono molto limitate. In genere, questi dati sono documentati nella pagina Quote e limiti del servizio pertinente, come in questo esempio di Cloud Functions.

Esaurimento della quota

Nella maggior parte dei casi, se esaurisci la quota nell'attività che stai tentando di eseguire, come eseguire il deployment di un'applicazione, creare un nuovo progetto o chiamare un'API, l'operazione non riesce e viene visualizzato un errore di quota. L'attività continua a non riuscire finché non liberi risorse (per la quota di allocazione), il periodo di tempo viene reimpostato (per la quota di frequenza) o non richiedi e ricevi un aumento della quota.

La modalità di visualizzazione dell'errore relativo alla quota dipende dallo strumento o dal client che utilizzi per interagire con Google Cloud. Per informazioni dettagliate sugli errori di quota, vedi Errori di quota.

Per evitare di ricevere errori di quota, configura il monitoraggio in modo da ricevere un avviso quando ti stai avvicinando al limite della quota. Puoi trovare ulteriori informazioni sul monitoraggio delle tue quote nella sezione Monitorare e impostare avvisi sulle metriche delle quote più avanti in questo documento.

Informazioni sulle richieste di aumento di quota

La maggior parte delle richieste di aumento della quota viene valutata da sistemi automatici in base a criteri rigorosi, tra cui la disponibilità delle risorse, il tempo di utilizzo di Google Cloud e altri fattori. Le richieste che non soddisfano criteri specifici vengono rifiutate. I criteri di valutazione per le revisioni automatiche non vengono resi noti per garantire equità a tutti i clienti e impedire tentativi di manipolazione del processo. In alcuni casi, le richieste di aumento di quota vengono riassegnate ai revisori, che seguono anche criteri rigorosi, ma possono prendere in considerazione le circostanze particolari.

È possibile che ti venga richiesto il pagamento anticipato per alcuni aumenti di quota. Ad esempio, ti potrebbe essere chiesto di effettuare un pagamento se richiedi altri progetti che utilizzeranno servizi cloud a pagamento. Il pagamento può essere applicato a eventuali addebiti futuri, sarà visibile come credito nel tuo account.

Le richieste di aumento di quota sono gestite dall'assistenza clienti Google Cloud (non tramite fatturazione), che elabora la richiesta, in genere entro 2-3 giorni lavorativi. Ti viene inviata un'email al momento della ricezione della richiesta, a cui puoi rispondere se hai domande o se vuoi fornire ulteriori informazioni sulla richiesta (ad esempio, se la richiesta di aumento è urgente). Al termine dell'elaborazione della richiesta riceverai un'altra email, che ti informerà se l'aumento di quota è stato approvato o rifiutato. L'email fornisce la data di validità dell'aumento, se applicabile.

Per scoprire di più su come richiedere una quota maggiore, consulta l'articolo Richiedere un limite di quota più alto.

Autorizzazioni

Autorizzazioni per visualizzare la quota del progetto

Per visualizzare la quota del progetto in Google Cloud Console o accedere alla quota progetto in modo programmatico, devi disporre delle seguenti autorizzazioni IAM:

  • resourcemanager.projects.get
  • resourcemanager.folders.get (se vuoi visualizzare la quota per un'intera cartella)
  • resourcemanager.organizations.get (se vuoi visualizzare la quota per un'intera organizzazione)
  • serviceusage.quotas.get

Per informazioni sui ruoli che includono queste autorizzazioni per impostazione predefinita, consulta il riferimento sulle autorizzazioni IAM.

Autorizzazioni per modificare la quota del progetto

Per modificare la tua quota a livello di progetto, cartella o organizzazione, devi disporre della seguente autorizzazione:

Questa autorizzazione è inclusa per impostazione predefinita per i seguenti ruoli: Proprietario, Editor, Amministratore quota e Amministratore utilizzo dei servizi.

Visualizzazione della quota in Cloud Console

Puoi visualizzare i limiti di quota correnti in due diverse aree di Google Cloud Console:

  • La pagina Quote, in cui sono elencati tutti gli utilizzi e i limiti delle quote per il tuo progetto
  • La dashboard dell'API Cloud Console, che elenca le informazioni sulla quota di un'API specifica, compreso l'utilizzo delle risorse nel tempo

Visualizzazione di tutte le quote del progetto

Per visualizzare l'utilizzo e i limiti di quota per tutte le risorse nel progetto, procedi come segue:

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Quote.

    Vai a Quote

    La pagina mostra un elenco di quote.

  2. Per concentrarti sulle informazioni che ti servono, puoi filtrare e ordinare l'elenco come segue:

    • Per filtrare l'elenco, inserisci le proprietà e i valori desiderati nel campo Filtro. Ad esempio, per visualizzare le quote dell'API BigQuery, seleziona Servizio e poi API BigQuery.
    • Per ordinare l'elenco, fai clic sull'intestazione della colonna in base alla quale vuoi effettuare l'ordinamento. Ad esempio, per ordinare in ordine alfabetico in base al nome della quota, fai clic sull'intestazione della colonna Quota.

      Per impostazione predefinita, l'elenco viene ordinato in modo da mostrare per prime le quote più utilizzate, per aiutarti a visualizzare i limiti a rischio di superamento.

Le metriche di utilizzo delle quote elencate nella pagina Quote vengono calcolate come segue:

  • Quote di frequenza:
    • Per le quote di frequenza giornaliera, il numero elencato rappresenta l'utilizzo totale finora nel periodo di 24 ore corrente.
    • Per le quote al minuto o per 100 secondi, il numero elencato nella colonna Percentuale di utilizzo attuale rappresenta l'utilizzo medio negli ultimi 10 minuti.
  • Quote di allocazione: il numero elencato rappresenta la quantità di risorse (come il numero di bilanciatori del carico) attualmente in uso nel progetto.

Puoi scoprire di più sulle quote per un servizio specifico leggendo la documentazione relativa a tale servizio. Ad esempio, la quota di Compute Engine è documentata in Quote delle risorse.

Visualizzazione di quote specifiche dell'API

Per visualizzare le informazioni dettagliate sulla quota per un'API specifica, incluso l'utilizzo nel tempo, visita la pagina della quota dell'API in Cloud Console. A seconda dell'API, questi limiti possono includere richieste al giorno, richieste al minuto e richieste al minuto per utente. Per alcune API i limiti impostati sono estremamente bassi fino a che non abiliti la fatturazione nel progetto.

Puoi visualizzare i limiti attuali per una determinata API in due diverse aree di Cloud Console:

  • Nella pagina Quote di Cloud Console, come descritto nella sezione Visualizzazione di tutte le quote del progetto.

  • Nella pagina Dashboard di API e servizi di Cloud Console. In questa pagina, seleziona il tuo progetto, fai clic sul nome dell'API e poi su Quote. La pagina Quote mostra i nomi delle quote per l'API. Puoi espandere ogni quota per visualizzare l'utilizzo dettagliato nel tempo, nonché il tuo limite attuale. Per impostazione predefinita, i limiti visualizzati sono quelli imposti da Google. Puoi limitare l'utilizzo come descritto nella sezione Limitazione dell'utilizzo. Se per una determinata quota non è presente un limite imposto da Google, viene visualizzata la dicitura Nessun limite.

    Alcune quote non vengono visualizzate nella pagina delle quote di una specifica API. Ad esempio, le richieste all'API Compute Engine hanno una pagina delle quote specifica dell'API, che però non include l'utilizzo delle risorse di calcolo di Compute Engine (quota di allocazione). Inoltre, se utilizzi un servizio in più località, la pagina della quota specifica dell'API non mostra i limiti di quota a livello di area geografica o di zona e il relativo utilizzo. Per un elenco completo dell'utilizzo delle quote del progetto che puoi filtrare per località, consulta la pagina Quote del progetto.

Visualizzazione del numero di progetti che puoi creare

Ogni account utente (inclusi gli account di servizio) e ogni account di fatturazione hanno un limite al numero di progetti che possono creare. Se nella quota rimangono meno di 30 progetti, nella pagina Nuovo progetto verrà visualizzata una notifica relativa al numero di progetti rimanenti nella quota. Puoi scoprire di più sulla gestione di questa quota in Gestione delle quote del progetto e Richieste di quota di progetto.

Gestione della quota tramite Cloud Console

A seconda dell'utilizzo delle risorse, potresti voler aumentare o diminuire i limiti della quota del progetto. Questa sezione descrive come cambiare i limiti di quota impostati. Per visualizzare i tuoi limiti di quota, fai clic su Tutte le quote nella colonna Dettagli.

Filtrare le quote

Per filtrare l'elenco delle quote in base a proprietà specifiche:

  1. Vai alla pagina Quote in Google Cloud Console:

    Vai a Quote

  2. Fai clic su Filtro per eseguire una query sulla quota in base a una proprietà specifica.

Richiedere un limite di quota più alto

Puoi richiedere un aumento della maggior parte delle quote in Google Cloud Console.


Per indicazioni dettagliate su questa attività direttamente in Google Cloud Console, fai clic su Guida:

Procedura guidata


Il resto di questa sezione illustra la stessa procedura con cui fai clic su Procedura guidata.

Per richiedere un limite di quota maggiore utilizzando Google Cloud Console:

  1. Vai alla pagina Quote:

    Vai a Quote

  2. Nella pagina Quote, individua la quota che vuoi aumentare nella colonna Quota.

    Per cercare la quota, puoi utilizzare la casella di ricerca Filtro.

  3. Seleziona la casella di controllo a sinistra della quota.

  4. Fai clic su MODIFICA Quote. Viene visualizzato il modulo Modifiche alle quote.

  5. Nel modulo Modifiche alla quota, inserisci nel campo Nuovo limite la quota che preferisci per il tuo progetto.

  6. Compila eventuali campi aggiuntivi nel modulo, quindi fai clic su FINE.

  7. Fai clic su INVIA RICHIESTA.

Anche se la procedura descritta sopra si applica alla maggior parte delle richieste di aumento di quota, potresti riscontrare una delle seguenti eccezioni:

  • In alcuni casi, Google Cloud Console ti reindirizza a un modulo separato per richiedere un aumento del limite. Dopo che avrai inviato il modulo, Google Cloud confermerà la tua richiesta via email.
  • Alcune quote non possono essere aggiornate utilizzando Google Cloud Console. Se scopri di non poter modificare una quota dalla console, richiedi l'aumento da parte dell'assistenza clienti Google Cloud. Il team di fatturazione non gestisce gli aumenti dei limiti di quota.

Se la tua richiesta di aumento della quota richiede l'approvazione, puoi ricevere un'email di conferma della richiesta da parte di Google Cloud. Se hai bisogno di ulteriore assistenza, puoi rispondere a questa email. L'assistenza clienti Cloud elabora la tua richiesta, in genere entro 2-3 giorni lavorativi, e ti invia una seconda email per informarti se l'aumento di quota è stato approvato o rifiutato. L'email fornisce la data di validità dell'aumento, se applicabile.

Per scoprire di più sul funzionamento del processo di aumento della quota, consulta le informazioni sulle richieste di aumento di quota.

Visualizzazione delle richieste di aumento della quota

In Google Cloud Console puoi visualizzare le richieste di aumento della quota attualmente in attesa e passate.

Per visualizzare le richieste di aumento della quota in attesa:

  1. Vai alla pagina Quote:

    Vai a Quote

  2. Nella pagina Quote, viene visualizzato il messaggio In sospeso accanto ai limiti di quota attualmente in attesa di una decisione sulle richieste di aumento inviate in precedenza. Puoi fare clic su In attesa per visualizzare i dettagli delle richieste in attesa.

Le richieste in attesa vengono mostrate anche nel modulo Modifiche alla quota quando sta per essere inviata una nuova richiesta di aumento della quota.

Per visualizzare tutte le richieste di aumento della quota (al momento in attesa e passate):

  1. Vai alla pagina Quote:

    Vai a Quote

  2. Fai clic sulla scheda Aumenta le richieste

  3. Fai clic su Filtro per eseguire una query sulle richieste di aumento di quota in base a una proprietà specifica.

Limitazione dell'utilizzo

Potrebbe essere necessario limitare l'utilizzo di una particolare risorsa impostando limiti di quota personalizzati. Ad esempio, per evitare che ti venga fatturato l'utilizzo al di sopra dei limiti gratuiti, puoi richiedere limitazioni su base giornaliera. Per aumentare una quota, procedi come riportato di seguito:

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Quote.

    Vai a Quote

  2. Per trovare la quota da limitare, inserisci le proprietà e i valori appropriati nel campo Filtro . Ad esempio, per trovare la quota di subnet, inserisci Quota:Subnet.

  3. Fai clic sulla casella di controllo accanto alla quota desiderata, quindi fai clic su MODIFICA QUOTE.

  4. Completa il modulo di richiesta visualizzato, compreso il nuovo limite che vuoi impostare.

  5. Fai clic su INVIA RICHIESTA.

La limitazione dell'utilizzo con le quote non si applica a tutti i servizi. Consulta la pagina relativa alla quota del servizio specifico per ulteriori informazioni.

Gestione della quota utilizzando l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud (alpha)

Puoi utilizzare l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud per ottenere le quote correnti e limitare l'utilizzo della quota per alcune API e servizi Google Cloud, incluse le quote di progetto-, cartella- e a livello di organizzazione, se disponibili.

Per utilizzare questo approccio, assicurati prima di aver installato e inizializzato l'ultima versione dell'interfaccia a riga di comando di Google Cloud, incluso il comando alfa del componente. Se utilizzi Cloud Shell per interagire con Google Cloud, l'interfaccia a riga di comando di Google Cloud è installata per te.

Per visualizzare la quota di un progetto per un determinato servizio, esegui il comando seguente, sostituendo il tuo ID progetto e il nome del servizio:

gcloud alpha services quota list \
    --service=SERVICE_NAME.googleapis.com \
    --consumer=projects/PROJECT_ID

Per visualizzare i dettagli delle quote dello stesso servizio per un'organizzazione:

gcloud alpha services quota list \
    --service=SERVICE_NAME.googleapis.com \
    --consumer=organizations/ORG_ID

Per un elenco completo dei comandi e dei flag gcloud quota, consulta il riferimento sull'interfaccia a riga di comando di Google Cloud.

Oltre a gcloud quota, alcuni servizi dispongono dell'accesso da riga di comando alle informazioni su quota e utilizzo delle risorse. Ad esempio, Compute Engine consente di accedere alle informazioni sulla quota con gcloud compute.

Gestione della quota tramite l'API Service Usage

Puoi utilizzare le API Service Usage per conoscere le quote attuali e limitarne l'utilizzo per alcuni servizi e alcune API Google Cloud. Per ulteriori informazioni su Service Usage, consulta le seguenti risorse:

Non puoi utilizzare l'API Service Usage per richiedere una quota maggiore. Per questa attività, devi utilizzare Cloud Console.

Monitoraggio e avvisi sulle metriche delle quote

L'API e l'interfaccia utente di Cloud Monitoring consentono di monitorare l'utilizzo della quota, i limiti e gli errori in modo più approfondito. Puoi utilizzare queste metriche per creare dashboard e avvisi personalizzati, in modo da monitorare l'utilizzo della quota nel tempo e ricevere avvisi quando, ad esempio, stai per raggiungere un limite di quota.

Cloud Monitoring supporta una vasta gamma di metriche che puoi combinare con filtri e aggregazioni per ottenere viste nuove e approfondite sull'utilizzo della quota. Ad esempio, puoi combinare una metrica per l'utilizzo di una quota di allocazione con un filtro quota_metric per i nomi di Cloud TPU.

Per utilizzare Metrics Explorer per visualizzare le metriche relative a una risorsa monitorata, segui questi passaggi:

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Metrics Explorer all'interno di Monitoring.
  2. Vai a Metrics Explorer

  3. Nella barra degli strumenti, seleziona la scheda Explorer.
  4. Seleziona la scheda Configurazione.
  5. Espandi il menu Seleziona una metrica, inserisci quota usage nella barra dei filtri e utilizza i sottomenu per selezionare un tipo di risorsa e una metrica specifici:
    1. Nel menu Risorse attive, seleziona Quota consumer.
    2. Nel menu Categorie di metriche attive, seleziona Quota.
    3. Nel menu Metriche attive, seleziona Utilizzo quota di allocazione o Utilizzo quota di quota.
    4. Fai clic su Applica.
  6. (Facoltativo) Per configurare la modalità di visualizzazione dei dati, aggiungi filtri e utilizza i menu Raggruppa per, Aggregatore e di tipo grafico. Ad esempio, puoi raggruppare in base a etichette di risorsa o metrica. Per scoprire di più, consulta Selezionare le metriche quando utilizzi Metrics Explorer.
  7. (Facoltativo) Modifica le impostazioni del grafico:
    • Per la quota e altre metriche che riportano un campione al giorno, imposta l'intervallo di tempo su almeno una settimana e il tipo di grafico su Grafico a barre in pila.
    • Per le metriche con valore di distribuzione, imposta il tipo di grafico su Grafico termico.

Analogamente, per visualizzare i limiti di quota o gli errori di superamento, seleziona innanzitutto Consumer Quota (Quota consumer) come tipo di risorsa, poi seleziona Quota limit (Limite quota) o Quota exceeded error (Errore superamento quota).

Dopo aver trovato le informazioni sull'utilizzo della quota, puoi utilizzare Cloud Monitoring per creare dashboard e avvisi personalizzati utili per monitorare e gestire un'applicazione solida. Per saperne di più, consulta i seguenti documenti:

Per esempi di criteri di avviso comuni specifici per la quota, consulta Utilizzo delle metriche di quota.

La guida di riferimento a Cloud Monitoring include un riferimento dettagliato per le metriche di quota.

Controllo del supporto delle metriche di quota

Non tutti i servizi supportano le metriche delle quote in Cloud Monitoring. Per visualizzare le metriche di quota applicabili per i servizi supportati, seleziona Quota consumer come tipo di risorsa quando crei un grafico o crei un criterio di avviso. I servizi che non supportano le metriche delle quote non sono visualizzati.

  • I servizi comuni che supportano le metriche di quota includono Compute Engine, Dataflow, Cloud Spanner, Pub/Sub, Cloud Vision, Speech-to-Text, Cloud Monitoring e Cloud Logging.

  • I servizi comuni che non supportano le metriche di quota includono App Engine, Cloud Storage e Cloud SQL.

Errori di quota

Se il tuo progetto supera una quota mentre utilizzi un servizio, Google Cloud restituisce un errore in base a come hai eseguito l'accesso al servizio:

  • Se hai superato una quota con una richiesta HTTP/REST, Google Cloud restituisce un codice di stato HTTP 429 TOO MANY REQUESTS.
  • Se hai superato una quota con una richiesta API, Google Cloud restituisce un codice di stato HTTP 413 REQUEST ENTITY TOO LARGE.
  • Se hai superato una quota utilizzando gRPC, Google Cloud restituisce un errore ResourceExhausted. La modalità di visualizzazione di questo errore dipende dal servizio.
  • Se hai superato una quota utilizzando un comando dell'interfaccia a riga di comando di Google Cloud, l'interfaccia a riga di comando gcloud genera un messaggio di errore che supera la quota e restituisce il codice di uscita 1.

Le quote di frequenza vengono reimpostate dopo un intervallo di tempo predefinito specifico per ogni servizio. Per scoprire di più, consulta la documentazione sulle quote per il servizio specifico.

Se vuoi ricevere un avviso quando si verificano errori in futuro, puoi creare avvisi personalizzati per errori di quota specifici, come descritto nella sezione Monitoraggio delle metriche di quota.