Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.
Guida rapida: installa Google Cloud CLI

Installa Google Cloud CLI

Questa guida rapida ti aiuta a installare e inizializzare Google Cloud CLI ed eseguire alcuni comandi principali dell'interfaccia a riga di comando gcloud.


Per seguire le istruzioni dettagliate per questa attività direttamente nella console Google Cloud, fai clic su Procedura guidata:

Procedura guidata


Prima di iniziare

  1. Accedi al tuo account Google Cloud. Se non conosci Google Cloud, crea un account per valutare le prestazioni dei nostri prodotti in scenari reali. I nuovi clienti ricevono anche 300 $di crediti gratuiti per l'esecuzione, il test e il deployment dei carichi di lavoro.
  2. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  3. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

  4. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  5. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

Al termine di questo tutorial, puoi evitare una fatturazione continua eliminando le risorse che hai creato. Per scoprire di più, vedi Pulizia.

Installazione dell'ultima versione dell'interfaccia a riga di comando gcloud (415.0.0)

Linux
  1. Verifica di avere una versione di Python supportata. Google Cloud CLI richiede Python 3 (da 3.5 a 3.9). Tieni presente che il pacchetto x86_64 Linux include un interprete Python in bundle che sarà preferito per impostazione predefinita. Per informazioni su come scegliere e configurare l'interprete Python, consulta gcloud topic startup.
  2. Scarica una delle seguenti opzioni:
    Piattaforma Pacchetto Dimensioni Checksum SHA256
    Linux a 64 bit

    (x86_64)

    google-cloud-cli-415.0.0-linux-x86_64.tar.gz 197,0 MB 16cb35866a54f81e302b074af4c42e82889633528fe768c433cf6e5a1e01ac6f
    Linux a 64 bit

    (ARM)

    google-cloud-cli-415.0.0-linux-arm.tar.gz 125,2 MB 164980e0aba12ce66c6c7972ecb7790ecdedbdc9ee0dd137da0fbaa874322f8e
    Linux a 32 bit

    (x86)

    google-cloud-cli-415.0.0-linux-x86.tar.gz 126,0 MB d6c39c303bdb16b528aae5981ab759cece1befa0a2a51a54ec304ec803672eb6

    In alternativa, per scaricare il file di archivio a 64 bit di Linux, esegui la riga di comando:

    curl -O https://dl.google.com/dl/cloudsdk/channels/rapid/downloads/google-cloud-cli-415.0.0-linux-x86_64.tar.gz

    Per il file di archivio ARM a 64 bit, esegui:

    curl -O https://dl.google.com/dl/cloudsdk/channels/rapid/downloads/google-cloud-cli-415.0.0-linux-arm.tar.gz

    Per il file di archivio a 32 bit, esegui:

    curl -O https://dl.google.com/dl/cloudsdk/channels/rapid/downloads/google-cloud-cli-415.0.0-linux-x86.tar.gz
  3. Estrai i contenuti del file in qualsiasi posizione nel file system (preferibilmente nella home directory). Per sostituire un'installazione esistente, rimuovi la directory google-cloud-sdk esistente, quindi estrai l'archivio nella stessa posizione. L'esempio seguente mostra il comando per Linux a 32 bit. Se utilizzi un'altra piattaforma, modifica il comando di conseguenza:
    tar -xf google-cloud-cli-415.0.0-linux-x86.tar.gz
  4. Aggiungi l'interfaccia a riga di comando gcloud al tuo percorso. Esegui lo script di installazione dalla directory principale della cartella estratta usando il comando seguente:
    ./google-cloud-sdk/install.sh
    
    Questa operazione può essere eseguita anche in modo non interattivo, ad esempio utilizzando uno script, e impostando le preferenze come flag. Per visualizzare i flag disponibili, esegui:
    ./google-cloud-sdk/install.sh --help
    
    (Facoltativo) Per inviare statistiche di utilizzo anonime per contribuire a migliorare l'interfaccia a riga di comando gcloud, rispondi Y quando richiesto.
    Per aggiungere l'interfaccia a riga di comando gcloud al tuo PATH e abilitare il completamento del comando, rispondi Y quando richiesto.
  5. Apri un nuovo terminale per rendere effettive le modifiche.
  6. Per inizializzare l'interfaccia a riga di comando gcloud, esegui gcloud init:
  7. ./google-cloud-sdk/bin/gcloud init
    
  8. Facoltativo. Installa i componenti aggiuntivi utilizzando Gestione componenti.
Debian/Ubuntu

Contenuti della confezione

L'interfaccia a riga di comando gcloud è disponibile in formato pacchetto per l'installazione su sistemi Debian e Ubuntu. Questo pacchetto contiene solo i comandi gcloud, gcloud alpha, gcloud beta, gsutil e bq. Non include kubectl o le estensioni di App Engine necessarie per eseguire il deployment di un'applicazione utilizzando i comandi gcloud. Se vuoi questi componenti, devi installarli separatamente.

Prima di iniziare

Prima di installare l'interfaccia a riga di comando gcloud, assicurati che il tuo sistema operativo soddisfi i seguenti requisiti:

  • Una release Ubuntu che non ha raggiunto end-of-life o una release stabile Debian che non ha raggiunto end-of-life
  • apt-transport-https è installato:
    sudo apt-get install apt-transport-https ca-certificates gnupg
Installazione
  1. Aggiungi l'URI di distribuzione dell'interfaccia a riga di comando gcloud come origine del pacchetto. Se la distribuzione supporta l'opzione Sign-by, esegui il comando seguente:
    echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/cloud.google.gpg] https://packages.cloud.google.com/apt cloud-sdk main" | sudo tee -a /etc/apt/sources.list.d/google-cloud-sdk.list

    Se la tua distribuzione non supporta l'opzione Sign-by, esegui il comando seguente:

    echo "deb https://packages.cloud.google.com/apt cloud-sdk main" | sudo tee -a /etc/apt/sources.list.d/google-cloud-sdk.list
  2. Importa la chiave pubblica di Google Cloud. Se il comando apt-key della tua distribuzione supporta l'argomento --keyring, esegui il comando seguente:
    curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | sudo apt-key --keyring /usr/share/keyrings/cloud.google.gpg add -

    Se il comando apt-key della tua distribuzione non supporta l'argomento --keyring, esegui il comando seguente:

    curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | sudo apt-key add -

    Se la distribuzione (Debian 11+ o Ubuntu 21.10+) non supporta apt-key, esegui il comando seguente:

    curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | sudo tee /usr/share/keyrings/cloud.google.gpg

    Se non riesci a ricevere gli ultimi aggiornamenti a causa di una chiave scaduta, ottieni il file della chiave apt-get.gpg più recente.

  3. Aggiorna e installa l'interfaccia a riga di comando gcloud:
    sudo apt-get update && sudo apt-get install google-cloud-cli
    Per ulteriori opzioni per apt-get, ad esempio la disattivazione delle richieste o delle prove, consulta le pagine man di apt-get.

    Suggerimento Docker: se installi l'interfaccia a riga di comando gcloud all'interno di un'immagine Docker, usa invece un singolo passaggio RUN:

    RUN echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/cloud.google.gpg] http://packages.cloud.google.com/apt cloud-sdk main" | tee -a /etc/apt/sources.list.d/google-cloud-sdk.list && curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | apt-key --keyring /usr/share/keyrings/cloud.google.gpg  add - && apt-get update -y && apt-get install google-cloud-cli -y
          
    Se il comando apt-key non è supportato:
    RUN echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/cloud.google.gpg] http://packages.cloud.google.com/apt cloud-sdk main" | tee -a /etc/apt/sources.list.d/google-cloud-sdk.list && curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | tee /usr/share/keyrings/cloud.google.gpg && apt-get update -y && apt-get install google-cloud-sdk -y
          
  4. (Facoltativo) Installa uno dei seguenti componenti aggiuntivi:
    • google-cloud-cli
    • google-cloud-cli-anthos-auth
    • google-cloud-cli-app-engine-go
    • google-cloud-cli-app-engine-grpc
    • google-cloud-cli-app-engine-java
    • google-cloud-cli-app-engine-python
    • google-cloud-cli-app-engine-python-extras
    • google-cloud-cli-bigtable-emulator
    • google-cloud-cli-cbt
    • google-cloud-cli-cloud-build-local
    • google-cloud-cli-cloud-run-proxy
    • google-cloud-cli-config-connector
    • google-cloud-cli-datastore-emulator
    • google-cloud-cli-firestore-emulator
    • google-cloud-cli-gke-gcloud-auth-plugin
    • google-cloud-cli-kpt
    • google-cloud-cli-kubectl-oidc
    • google-cloud-cli-local-extract
    • google-cloud-cli-minikube
    • google-cloud-cli-nomos
    • google-cloud-cli-pubsub-emulator
    • google-cloud-cli-skaffold
    • google-cloud-cli-spanner-emulator
    • google-cloud-cli-terraform-validator
    • google-cloud-cli-tests
    • kubectl

    Ad esempio, il componente google-cloud-cli-app-engine-java può essere installato come segue:

    sudo apt-get install google-cloud-cli-app-engine-java
  5. Esegui gcloud init per iniziare:
    gcloud init

Downgrade di una versione dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Per ripristinare una versione specifica dell'interfaccia a riga di comando gcloud, dove VERSION è nel formato 123.0.0, esegui il comando seguente:

sudo apt-get update && sudo apt-get install google-cloud-cli=123.0.0-0

Le dieci release più recenti sono sempre disponibili nel repository.

NOTA: per le release precedenti alla 371.0.0, il nome del pacchetto è google-cloud-sdk

Cappello rosso/Fedora/CentOS

Contenuti della confezione

L'interfaccia a riga di comando gcloud è disponibile in formato pacchetto per l'installazione su sistemi Red Hat Enterprise Linux 7, Red Hat Enterprise Linux 8, Fedora 33, Fedora 34, CentOS 7 e Centos 8. Questo pacchetto contiene solo i comandi gcloud, gcloud alpha, gcloud beta, gsutil e bq. Non include kubectl o le estensioni di App Engine necessarie per eseguire il deployment di un'applicazione utilizzando i comandi gcloud, che possono essere installati separatamente come descritto in seguito in questa sezione.

Installazione
  1. Aggiorna DNF con le informazioni del repository dell'interfaccia a riga di comando gcloud. Il seguente comando di esempio riguarda un'installazione compatibile con Red Hat Enterprise Linux 8. Per un'installazione compatibile con Red Hat Enterprise Linux 7, sostituisci el8 con el7 nel valore di baseUrl.
    sudo tee -a /etc/yum.repos.d/google-cloud-sdk.repo << EOM
    [google-cloud-cli]
    name=Google Cloud CLI
    baseurl=https://packages.cloud.google.com/yum/repos/cloud-sdk-el8-x86_64
    enabled=1
    gpgcheck=1
    repo_gpgcheck=0
    gpgkey=https://packages.cloud.google.com/yum/doc/rpm-package-key.gpg
    EOM
    
  2. Se utilizzi Fedora 34 o 35, installa libcrypt-compat.x86_64.
    sudo dnf install libxcrypt-compat.x86_64
  3. Installa l'interfaccia a riga di comando gcloud:
    sudo dnf install google-cloud-cli
  4. (Facoltativo) Installa uno dei seguenti componenti aggiuntivi:
    • google-cloud-cli
    • google-cloud-cli-anthos-auth
    • google-cloud-cli-app-engine-go
    • google-cloud-cli-app-engine-grpc
    • google-cloud-cli-app-engine-java
    • google-cloud-cli-app-engine-python
    • google-cloud-cli-app-engine-python-extras
    • google-cloud-cli-bigtable-emulator
    • google-cloud-cli-cbt
    • google-cloud-cli-cloud-build-local
    • google-cloud-cli-cloud-run-proxy
    • google-cloud-cli-config-connector
    • google-cloud-cli-datastore-emulator
    • google-cloud-cli-firestore-emulator
    • google-cloud-cli-gke-gcloud-auth-plugin
    • google-cloud-cli-kpt
    • google-cloud-cli-kubectl-oidc
    • google-cloud-cli-local-extract
    • google-cloud-cli-minikube
    • google-cloud-cli-nomos
    • google-cloud-cli-pubsub-emulator
    • google-cloud-cli-skaffold
    • google-cloud-cli-spanner-emulator
    • google-cloud-cli-terraform-validator
    • google-cloud-cli-tests
    • kubectl

    Ad esempio, il componente google-cloud-cli-app-engine-java può essere installato come segue:

    sudo dnf install google-cloud-cli-app-engine-java
  5. Esegui gcloud init per iniziare:
    gcloud init

Downgrade di una versione dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Se vuoi ripristinare una versione specifica dell'interfaccia a riga di comando gcloud, in cui VERSION è nel formato 123.0.0, esegui: sudo dnf downgrade google-cloud-cli-VERSION Le dieci release più recenti saranno sempre disponibili nel repository. NOTA: per le release precedenti alla 371.0.0, il nome del pacchetto è google-cloud-sdk

macOS
  1. Verifica di avere una versione di Python supportata:
    • Per controllare la versione attuale di Python, esegui python3 -V o python -V. Le versioni supportate sono Python 3 (da 3.5 a 3.9).
    • Per Cloud SDK versione 352.0.0 e successive, lo script di installazione principale offre l'installazione di Python 3.7 di CPython su Mac basati su Intel.
    • Per scoprire di più su come scegliere e configurare l'interprete Python, consulta la pagina gcloud topic startup.
  2. Scarica uno dei seguenti elementi:
  3. Piattaforma Pacchetto Dimensioni Checksum SHA256
    macOS a 64 bit

    (x86_64)

    google-cloud-cli-415.0.0-darwin-x86_64.tar.gz 131,3 MB 35dd313d3aaae0585cfa8dbdf64a89cbf5ab026c774c81243bb5cbae3d611156
    macOS a 64 bit

    (ARM64, Apple M1 silicon)

    google-cloud-cli-415.0.0-darwin-arm.tar.gz 128,1 MB dc33e3bdad8ce8ac37fe3a1a829f4b39d50d9d6902d6b5beb00a1d0435e055a8
    macOS a 32 bit

    (x86)

    google-cloud-cli-415.0.0-darwin-x86.tar.gz 111,0 MB e80924d2471424bb0b3330130a4719ec2a1f3574e9a4460a1e8e4a0d769caa8a
    1. Estrai l'archivio in qualsiasi posizione nel file system (preferibilmente nella home directory). Su macOS, puoi eseguire questa operazione aprendo il file di archivio .tar.gz scaricato nella posizione preferita.

      Per sostituire un'installazione esistente, rimuovi la directory google-cloud-sdk esistente ed estrai l'archivio nella stessa posizione.

    2. (Facoltativo) Utilizza lo script di installazione per aggiungere gli strumenti dell'interfaccia a riga di comando gcloud al tuo PATH. Puoi anche attivare il completamento dei comandi per la tua shell, raccogliere le statistiche di utilizzo e installare Python 3.7.

      Esegui lo script (dalla radice della cartella estratta nell'ultimo passaggio) utilizzando questo comando:

      ./google-cloud-sdk/install.sh
      
      Questa operazione può essere eseguita anche in modo non interattivo (ad esempio, utilizzando uno script) impostando le preferenze come flag. Per descrivere i flag disponibili, esegui:
      ./google-cloud-sdk/install.sh --help
      
      Per eseguire lo script di installazione con la modalità screen reader attivata:
      ./google-cloud-sdk/install.sh --screen-reader=true
      
      Apri un nuovo terminale per rendere effettive le modifiche.
    3. Per inizializzare l'interfaccia a riga di comando gcloud, esegui gcloud init:
    4. ./google-cloud-sdk/bin/gcloud init
      
    5. Facoltativo. Installa i componenti aggiuntivi utilizzando Gestione componenti.
Windows
    Google Cloud CLI funziona su Windows 8.1 e versioni successive e Windows Server 2012 e versioni successive.
  1. Scarica il programma di installazione di Google Cloud CLI.

    In alternativa, apri un terminale PowerShell ed esegui i seguenti comandi di PowerShell:

    (New-Object Net.WebClient).DownloadFile("https://dl.google.com/dl/cloudsdk/channels/rapid/GoogleCloudSDKInstaller.exe", "$env:Temp\GoogleCloudSDKInstaller.exe")
    
    & $env:Temp\GoogleCloudSDKInstaller.exe
        
  2. Avvia il programma di installazione e segui le istruzioni nei prompt. Il programma di installazione è firmato da Google LLC.

    Se utilizzi uno screen reader, seleziona la casella di controllo Attiva modalità screen reader. Questa opzione configura gcloud per l'utilizzo dei tracker di stato anziché degli spinner Unicode, per visualizzare l'avanzamento in percentuale e suddividere le tabelle. Per ulteriori informazioni, consulta la guida alle funzioni di accessibilità.

  3. Cloud SDK richiede Python; le versioni supportate sono Python 3 (da 3.5 a 3.9). Per impostazione predefinita, la versione Windows di Cloud SDK è fornita in bundle con Python 3. Per utilizzare Cloud SDK, il tuo sistema operativo deve essere in grado di eseguire una versione supportata di Python.

    Il programma di installazione installa tutte le dipendenze necessarie, inclusa la versione Python necessaria. Sebbene Cloud SDK installi e gestisca Python 3 per impostazione predefinita, puoi utilizzare un'installazione Python esistente, se necessario, deselezionando l'opzione per installare Python in bundle. Consulta la pagina gcloud topic startup per scoprire come utilizzare un'installazione Python esistente.

  4. Al termine dell'installazione, il programma di installazione ti consentirà di creare menu Start e scorciatoie sul desktop, avviare la shell dell'interfaccia a Google Cloud CLI e configurare gcloud CLI. Assicurati di lasciare le opzioni per avviare la shell e configurare l'installazione selezionata. Il programma di installazione avvia una finestra del terminale ed esegue il comando gcloud init.

  5. L'installazione predefinita non include le estensioni di App Engine necessarie per eseguire il deployment di un'applicazione utilizzando i comandi gcloud. Questi componenti possono essere installati utilizzando il gestore dei componenti dell'interfaccia a riga di comando gcloud.
Suggerimenti per la risoluzione dei problemi:
  • Se l'installazione non va a buon fine a causa del mancato riconoscimento del comando find, assicurati che la variabile di ambiente PATH sia impostata in modo da includere la cartella contenente find. Solitamente, è C:\WINDOWS\system32;.
  • Se hai disinstallato l'interfaccia a riga di comando gcloud, devi riavviare il sistema prima di installarlo di nuovo.
  • Se la decompressione non va a buon fine, esegui il programma di installazione come amministratore.
Chromebook
  1. Attiva la funzionalità Linux su Chromebook. Per installare Google Cloud CLI su Chromebook è necessaria questa funzionalità.
  2. Aggiungi l'URI di distribuzione dell'interfaccia a riga di comando gcloud come origine del pacchetto:
    echo "deb [signed-by=/usr/share/keyrings/cloud.google.gpg] https://packages.cloud.google.com/apt cloud-sdk main" | sudo tee -a /etc/apt/sources.list.d/google-cloud-sdk.list
  3. Importa la chiave pubblica di Google Cloud:
    curl https://packages.cloud.google.com/apt/doc/apt-key.gpg | sudo apt-key --keyring /usr/share/keyrings/cloud.google.gpg add -
  4. Aggiorna e installa l'interfaccia a riga di comando gcloud:
    sudo apt-get update && sudo apt-get install google-cloud-cli
  5. (Facoltativo) Installa uno dei seguenti componenti aggiuntivi:
    • google-cloud-cli
    • google-cloud-cli-anthos-auth
    • google-cloud-cli-app-engine-go
    • google-cloud-cli-app-engine-grpc
    • google-cloud-cli-app-engine-java
    • google-cloud-cli-app-engine-python
    • google-cloud-cli-app-engine-python-extras
    • google-cloud-cli-bigtable-emulator
    • google-cloud-cli-cbt
    • google-cloud-cli-cloud-build-local
    • google-cloud-cli-cloud-run-proxy
    • google-cloud-cli-config-connector
    • google-cloud-cli-datastore-emulator
    • google-cloud-cli-firestore-emulator
    • google-cloud-cli-gke-gcloud-auth-plugin
    • google-cloud-cli-kpt
    • google-cloud-cli-kubectl-oidc
    • google-cloud-cli-local-extract
    • google-cloud-cli-minikube
    • google-cloud-cli-nomos
    • google-cloud-cli-pubsub-emulator
    • google-cloud-cli-skaffold
    • google-cloud-cli-spanner-emulator
    • google-cloud-cli-terraform-validator
    • google-cloud-cli-tests
    • kubectl

    Ad esempio, il componente google-cloud-cli-app-engine-java può essere installato come segue:

    sudo apt-get install google-cloud-cli-app-engine-java
  6. Esegui gcloud init per iniziare:
    gcloud init

Downgrade di una versione dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Per ripristinare una versione specifica dell'interfaccia a riga di comando gcloud, dove VERSION è nel formato 123.0.0, esegui il comando seguente:

sudo apt-get update && sudo apt-get install google-cloud-cli=123.0.0-0

Le dieci release più recenti sono sempre disponibili nel repository.

NOTA: per le release precedenti alla 371.0.0, il nome del pacchetto è google-cloud-sdk

(Facoltativo) Installa le librerie client di Cloud più recenti

Puoi scaricare le librerie client Cloud per le lingue supportate.

Inizializzazione dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Utilizza il comando gcloud init per eseguire diverse attività comuni di configurazione dell'interfaccia a riga di comando gcloud. Queste includono l'autorizzazione dell'interfaccia a riga di comando gcloud ad accedere a Google Cloud utilizzando le credenziali dell'account utente e l'impostazione della configurazione predefinita.

  1. Inizializza l'interfaccia a riga di comando gcloud:

    gcloud init
    
  2. Accetta l'opzione per accedere utilizzando il tuo Account utente Google:

    To continue, you must log in. Would you like to log in (Y/n)? Y
    
  3. Nel browser, accedi all'account Google quando richiesto e fai clic su Consenti per concedere l'accesso alle risorse Google Cloud.

  4. Dal prompt dei comandi, seleziona un progetto Google Cloud dall'elenco dei progetti per cui disponi delle autorizzazioni di Proprietario, Editor o Visualizzatore:

    Pick cloud project to use:
     [1] [my-project-1]
     [2] [my-project-2]
     ...
     Please enter your numeric choice:
    

    Se hai un solo progetto, gcloud init lo seleziona automaticamente.

    Se hai accesso a più di 200 progetti, ti verrà chiesto di inserire un ID progetto, creare un nuovo progetto o elencare i progetti.

    This account has a lot of projects! Listing them all can take a while.
     [1] Enter a project ID
     [2] Create a new project
     [3] List projects
    Please enter your numeric choice:
    
  5. Se hai abilitato l'API Compute Engine, gcloud init ti consente di scegliere una zona Compute Engine predefinita:

    Which compute zone would you like to use as project default?
     [1] [asia-east1-a]
     [2] [asia-east1-b]
     ...
     [14] Do not use default zone
     Please enter your numeric choice:
    

    gcloud init conferma che hai completato correttamente la procedura di configurazione:

    gcloud has now been configured!
    You can use [gcloud config] to change more gcloud settings.
    
    Your active configuration is: [default]
    
  6. (Facoltativo) Per migliorare l'esperienza con lo screen reader, attiva la proprietà accessibility/screen_reader:

    gcloud config set accessibility/screen_reader true
    

    Per maggiori dettagli sulle funzioni di accessibilità fornite con gcloud CLI, consulta la guida sull'abilitazione delle funzioni di accessibilità.

Esecuzione dei comandi principali

Esegui i comandi principali per visualizzare le informazioni sull'installazione dellgcloud CLI:

  1. Elenca gli account le cui credenziali sono archiviate nel sistema locale:

    gcloud auth list
    

    L'interfaccia a riga di comando gcloud mostra un elenco di account con credenziali:

    Credentialed Accounts
    ACTIVE             ACCOUNT
    *                  example-user-1@gmail.com
                       example-user-2@gmail.com
    
  2. Elenca le proprietà della configurazione dell'interfaccia a riga di comando gcloud attiva:

    gcloud config list
    

    L'interfaccia a riga di comando gcloud mostra l'elenco delle proprietà:

    [core]
    account = example-user-1@gmail.com
    disable_usage_reporting = False
    project = example-project
    
  3. Visualizza le informazioni sull'installazione dell'interfaccia a riga di comando gcloud e sulla configurazione attiva:

    gcloud info
    

    L'interfaccia a riga di comando gcloud mostra un riepilogo delle informazioni sull'installazione. Sono incluse informazioni sul sistema, sui componenti installati, sull'account utente attivo e sul progetto corrente, nonché sulle proprietà della configurazione attiva.

  4. Visualizza le informazioni sui comandi gcloud e su altri argomenti:

    gcloud help
    

    Ad esempio, per visualizzare la guida di gcloud compute instances create:

    gcloud help compute instances create
    

    L'interfaccia a riga di comando gcloud mostra un argomento della guida che contiene una descrizione del comando, un elenco di flag e argomenti di comando ed esempi su come utilizzare il comando.

Esegui la pulizia

Per evitare che al tuo account Google Cloud vengano addebitati costi relativi alle risorse utilizzate in questa pagina, segui questi passaggi:

  1. In Google Cloud Console, vai alla pagina Gestisci risorse.

    Vai a Gestisci risorse

  2. Nell'elenco dei progetti, seleziona il progetto che vuoi eliminare, quindi fai clic su Elimina.
  3. Nella finestra di dialogo, digita l'ID del progetto e fai clic su Chiudi per eliminare il progetto.

Passaggi successivi