Autenticazione nell'API Live Stream

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Questo documento descrive come eseguire l'autenticazione nell'API Live Stream in modo programmatico.

Per saperne di più sull'autenticazione di Google Cloud, consulta la panoramica sull'autenticazione.

Accesso API

L'API Live Stream supporta l'accesso programmatico. La modalità di autenticazione all'API Live Stream dipende da come accedi all'API. Puoi accedere all'API nei seguenti modi:

Librerie client

Le librerie client dell'API Live Stream forniscono un supporto linguistico di alto livello per l'autenticazione in modo programmatico all'API Live Stream. Le librerie client supportano le credenziali predefinite dell'applicazione (ADC); le librerie cercano le credenziali in un insieme di posizioni definite e le utilizzano per autenticare le richieste all'API. Con ADC, puoi rendere disponibili le credenziali per la tua applicazione in una varietà di ambienti, come lo sviluppo o la produzione locale, senza dover modificare il codice dell'applicazione.

Per utilizzare ADC, devi prima fornire le tue credenziali ad ADC.

REST

Puoi eseguire l'autenticazione all'API Live Stream dalla riga di comando utilizzando Application Default Credentials (Credenziali predefinite dell'applicazione). Per maggiori informazioni, consulta la sezione Autentica utilizzando REST.

Se vuoi utilizzare l'API senza utilizzare una libreria client, puoi usare la libreria di autenticazione di Google per il tuo linguaggio di programmazione. In alternativa, puoi implementare l'autenticazione nel codice.

Controllo dell'accesso nell'API Live Stream

Quando concedi i ruoli a un entità, concedi sempre i ruoli solo con le autorizzazioni richieste. I ruoli più ampi, ad esempio quelli di base, violano il principio del privilegio minimo.

Per maggiori informazioni sui ruoli per l'API Live Stream, consulta la pagina Controllo dell'accesso con IAM. Per saperne di più su Identity and Access Management (IAM) e sull'autorizzazione, consulta la panoramica IAM.

Passaggi successivi