Quote

Questo documento descrive i limiti di quota di Google Cloud Functions.

Le quote di Google Cloud Functions comprendono tre aree:

  • Limiti di risorse

    Riguardano la quantità totale di risorse che le tue funzioni possono consumare.

  • Limiti di tempo

    Riguardano i tempi di esecuzione.

  • Limiti di frequenza

    Riguardano la frequenza con cui puoi chiamare l'API Cloud Functions e/o la frequenza con cui possono essere utilizzate le risorse. Puoi pensare alle quote di frequenza come "risorse nel tempo".

I diversi tipi di limiti sono descritti più dettagliatamente di seguito.

Limiti di risorse

Quota Descrizione Limite Aumentabile Ambito
Numero di funzioni Il numero totale di funzioni che possono essere distribuite per progetto 1000 No per progetto
Dimensione massima del deployment La dimensione massima di un singolo deployment di funzioni 100 MB (compressi) per fonti
500 MB (non compressi) per fonti più moduli
No per funzione
Dimensione massima della richiesta HTTP non compressa Dati inviati a funzioni HTTP in una richiesta HTTP 10 MB No per chiamata
Dimensione massima della risposta HTTP non compressa Dati inviati da funzioni HTTP in una risposta HTTP 10 MB No per chiamata
Dimensione massima dell'evento per le funzioni in background Dati inviati in eventi alle funzioni in background 10 MB No per evento
Memoria massima della funzione Quantità di memoria utilizzabile da una funzione 2048 MB No per funzione

Limiti di tempo

Quota Descrizione Limite Aumentabile Ambito
Durata massima della funzione La quantità massima di tempo in cui una funzione può essere eseguita prima che venga interrotta forzatamente 540 secondi No per chiamata
Tempo massimo di build Il tempo massimo consentito per tutte le build. Le build delle funzioni avvengono al momento del deployment. 120 minuti al giorno per progetto
Tempo massimo di inattività per le funzioni in background La quantità massima di tempo in cui una funzione in background può essere mantenuta senza alcuna chiamata. Le funzioni che non vengono richiamate almeno una volta durante questo periodo possono entrare in uno stato in cui non saranno più attivate da nuovi eventi. In tal caso, sarà necessario eseguire nuovamente il deployment di tali funzioni affinché inizino a funzionare di nuovo.
Nota: questo stato inattivo non è in alcun modo visibile nella UI, nell'interfaccia a riga di comando o nell'API.
30 giorni No per funzione

Limiti di frequenza

Quota Descrizione Limite Aumentabile Ambito
Chiamate di funzione al secondo Il numero di chiamate di funzione in un secondo. Se superi questa quota, tutte le funzioni saranno messe in pausa fino al periodo di quota successivo 40.000.000 per 100 secondi per area geografica
GHz al secondo Il numero di GHz al secondo consumati da tutte le funzioni in esecuzione. Ad esempio, una funzione con 256 MB di memoria, che corrisponde a una CPU da 400 MHz (consulta i prezzi del tempo di calcolo), consumerà 0,4 GHz al secondo se in esecuzione per 1 secondo. Il tempo di una funzione in esecuzione viene arrotondato a multipli di 100 ms. 100.000 GHz al secondo per 100 secondi per area geografica
GHz giornalieri al secondo Il numero di GHz al secondo consumati da tutte le funzioni in esecuzione al giorno. 10.000.000 di GHz al secondo al giorno per progetto
Chiamate API (READ) Chiamate per descrivere o elencare le funzioni tramite l'API Cloud Functions 5000 per 100 secondi per progetto
Chiamate API (WRITE) Chiamate per eseguire il deployment o eliminare funzioni tramite l'API Cloud Functions 80 per 100 secondi per progetto
Chiamate API (CALL) Chiamate all'API "call" 16 per 100 secondi No per progetto
Dati socket in entrata Trasferimento dati in tutte le funzioni in esecuzione. Ad esempio, i dati utilizzati da una funzione che scarica un file da Google Cloud Storage verranno considerati nel computo per questo limite. 10 GB per 100 secondi per area geografica
Dati socket in uscita Trasferimento dati da tutte le funzioni in esecuzione, esclusi i dati di risposta HTTP 10 GB per 100 secondi per area geografica
Connessioni socket I tentativi di stabilire una nuova connessione socket in uscita 1.000.000 per 100 secondi per area geografica
Risoluzioni DNS I tentativi per risolvere un nome di dominio in DNS; i risultati memorizzati nella cache non vengono calcolati per questa quota 40.000 per 100 secondi per progetto

Scalabilità

Le funzioni di Cloud Functions richiamate da HTTP scalano rapidamente alla frequenza di chiamata desiderata, mentre le funzioni in background scalano in modo più graduale. Nel secondo caso, la scalabilità dipende dalla durata delle funzioni e quelle più lunghe scaleranno leggermente più lentamente.

Per qualsiasi tipo di funzione, la scalabilità massima è limitata dai limiti di frequenza descritti in alto. Tieni presente che alcuni limiti riguardano ogni singola funzione e possono essere gestiti distribuendo più funzioni, mentre altri si applicano all'intero progetto.

Le funzioni in background hanno limiti aggiuntivi, come illustrato di seguito. Questi limiti non si applicano alle funzioni HTTP.

Quote aggiuntive per le funzioni in background

Quota Descrizione Limite Aumentabile Ambito
Numero massimo di chiamate simultanee Il numero massimo di chiamate simultanee di una singola funzione
Esempio: se la gestione di ogni evento richiede 100 secondi, la frequenza di chiamata sarà limitata in media a 10 al secondo
1000 No per funzione
Frequenza di chiamata massima La frequenza massima di eventi gestiti da una singola funzione
Esempio: se la gestione di un evento richiede 100 ms, la frequenza di chiamata sarà limitata a 1000 al secondo anche se in media vengono gestite in parallelo solo 100 richieste
1000 al secondo No per funzione
Dimensione massima dei dati degli eventi simultanei La dimensione totale massima degli eventi in entrata per le chiamate simultanee di una singola funzione
Esempio: se gli eventi hanno una dimensione di 1 MB e la loro elaborazione richiede 10 secondi, la frequenza media sarà di 1 evento al secondo, perché l'undicesimo evento non verrà elaborato fino a quando non terminerà l'elaborazione di uno dei primi 10 eventi
10 MB No per funzione
Velocità effettiva massima degli eventi in entrata La velocità effettiva massima degli eventi in entrata in una singola funzione
Esempio: se gli eventi hanno una dimensione di 1 MB, la frequenza di chiamata può essere al massimo di 10 al secondo, anche se le funzioni terminano entro 100 ms
10 MB al secondo No per funzione

Raggiungimento di un limite di quota

Quando una funzione consuma completamente una risorsa allocata, questa non sarà più disponibile fino a quando la quota non viene aggiornata o aumentata. Ciò può causare il blocco della funzione e di tutte le altre funzioni dello stesso progetto fino all'aggiornamento o all'aumento della quota. Una funzione restituisce un codice di errore HTTP 500 quando una delle risorse ha superato la quota e la funzione non può essere eseguita.

Per aumentare le quote oltre i valori predefiniti elencati qui, accedi alla pagina Quote di Cloud Functions, seleziona le quote che vuoi modificare, fai clic su MODIFICA QUOTE, fornisci le tue informazioni utente se richieste e immetti il nuovo limite per ogni quota selezionata.

Hai trovato utile questa pagina? Facci sapere cosa ne pensi:

Invia feedback per...

Cloud Functions Documentation