Panoramica dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Questa pagina contiene una panoramica di Google Cloud CLI e dei suoi pattern di comandi e funzionalità comuni.

Che cos'è gcloud CLI?

Google Cloud CLI è una serie di strumenti per creare e gestire le risorse Google Cloud. Puoi usare questi strumenti per eseguire tante attività comuni sulla piattaforma dalla riga di comando, oppure tramite script e altre automazioni.

Ad esempio, puoi utilizzare gcloud CLI per creare e gestire quanto segue:

  • Istanze di macchine virtuali di Compute Engine e altre risorse
  • Istanze Cloud SQL
  • Cluster di Google Kubernetes Engine
  • Cluster e job Dataproc
  • Zone gestite e set di record di Cloud DNS
  • Deployment di Cloud Deployment Manager

Puoi utilizzare gcloud CLI anche per eseguire il deployment di applicazioni App Engine, gestire l'autenticazione, personalizzare la configurazione locale ed eseguire altre attività.

Scarica e installa gcloud CLI

L'attuale versione gcloud CLI è 465.0.0.

Anche se consigliamo vivamente di utilizzare la versione corrente di gcloud CLI, puoi anche scaricare e installare le versioni precedenti dall'archivio di download.

Se utilizzi Cloud Shell, gcloud CLI è disponibile automaticamente e non è necessario installarlo. In caso contrario, scarica e installa gcloud CLI, quindi initialize.

Per impostazione predefinita, gcloud CLI installa i comandi a livello di disponibilità generale. Sono disponibili funzionalità aggiuntive nei componenti gcloud CLI denominati alpha e beta. Questi componenti consentono di utilizzare gcloud CLI per lavorare con Bigtable, Dataflow e altre parti di Google Cloud a livelli di release precedenti rispetto alla disponibilità generale.

Scheda di riferimento di gcloud CLI

Per una rapida introduzione a gcloud CLI, un elenco dei comandi di uso comune e un'occhiata a come sono strutturati, consulta la scheda di riferimento di gcloud CLI.

Livelli di rilascio

I comandi dellgcloud CLI hanno i seguenti livelli di release:

Livello di release Etichetta Descrizione
Disponibilità generale Nessuno I comandi sono considerati completamente stabili e disponibili per l'uso in produzione. Per preavviso sulle modifiche ai comandi che violano le funzionalità attuali, consulta le note di rilascio.
Beta beta I comandi sono completi dal punto di vista funzionale, ma potrebbero comunque presentare alcuni problemi in sospeso. Le modifiche che provocano un errore a questi comandi possono essere apportate senza preavviso.
Alpha alpha I comandi sono in fase di release anticipata e potrebbero cambiare senza preavviso.

I componenti alpha e beta non vengono installati per impostazione predefinita quando installi gcloud CLI. Devi installare questi componenti separatamente utilizzando il comando gcloud components install. Se provi a eseguire un comando alpha o beta e il componente corrispondente non è installato, l'interfaccia alla gcloud CLI ti chiede di installarlo.

Gruppi di comandi

All'interno di ogni livello di release, i comandi gcloud CLI sono organizzati in una gerarchia nidificata di gruppi di comandi, ognuno dei quali rappresenta un prodotto o una funzionalità di Google Cloud o dei suoi sottogruppi funzionali.

Ad esempio:

Gruppo di comandi Descrizione
gcloud compute Comandi relativi a Compute Engine in disponibilità generale
gcloud compute instances Comandi relativi alle istanze di Compute Engine in disponibilità generale
gcloud beta compute Comandi correlati a Compute Engine in versione beta
gcloud alpha app Comandi relativi alla gestione dei deployment di App Engine in versione alpha

Esecuzione dei comandi dell'interfaccia a riga di comando gcloud

Puoi eseguire i comandi gcloud CLI dalla riga di comando e da script e altre automazioni, ad esempio quando utilizzi Jenkins per automatizzare le attività di Google Cloud.

Proprietà

Le proprietà dell'interfaccia a riga di comando gcloud sono impostazioni che influiscono sul comportamento degli strumenti gcloud CLI. Alcune di queste proprietà possono essere impostate da un'opzione globale o di comando. In tal caso, il valore impostato dall'opzione ha la precedenza.

Attivazione delle funzioni di accessibilità

Per un'esperienza di screen reader più semplificata, gcloud CLI include una proprietà accessibility/screen_reader.

Per attivare la proprietà di accessibilità, esegui:

gcloud config set accessibility/screen_reader true

Per ulteriori dettagli sulle funzioni di accessibilità fornite con lo strumento a riga di comando gcloud, consulta la guida Attivazione delle funzioni di accessibilità.

Configurazioni

Una configurazione è un insieme di proprietà gcloud CLI. Una configurazione funziona come un profilo.

Quando inizi a utilizzare gcloud CLI, lavorerai con un'unica configurazione denominata default e potrai impostare le proprietà eseguendo gcloud init o gcloud config set. Questa unica configurazione predefinita è adatta alla maggior parte dei casi d'uso.

Per lavorare con più progetti o account di autorizzazione, puoi impostare più configurazioni con gcloud config configurations create e passare da una configurazione all'altra. All'interno di una configurazione, puoi personalizzare le proprietà. Ad esempio, per impostare il progetto all'interno di una configurazione attiva, utilizza la proprietà project:

gcloud config set project <project-id>

Per un account dettagliato di questi concetti, consulta la guida alle configurazioni.

Opzioni globali

Gcloud CLI fornisce un insieme di opzioni dell'interfaccia a riga di comando gcloud che regolano il comportamento dei comandi a livello di ogni chiamata. Le opzioni sostituiscono i valori impostati nelle proprietàgcloud CLId.

Argomenti e opzioni posizionali

Mentre gli argomenti e le opzioni posizionali influiscono sull'output di un comando gcloud CLI, esiste una sottile differenza nei loro casi d'uso. Un argomento posizionale viene utilizzato per definire un'entità su cui opera un comando, mentre è necessaria un'opzione per impostare una variazione nel comportamento di un comando.

Utilizzo di stdout e stderr

L'output dei comandi gcloud CLI riusciti viene scritto in stdout. Tutti gli altri tipi di risposte (messaggi, avvisi ed errori) vengono scritti in stderr. Non scrivere script in base alle risposte scritte in stderr perché queste risposte non sono stabili.

Per le linee guida sulla gestione dell'output, consulta la Guida allo script.

Prompt

Per proteggerti da azioni distruttive non intenzionali, gcloud CLI conferma le tue intenzioni prima di eseguire comandi come gcloud projects delete.

È possibile che ti vengano chieste informazioni aggiuntive quando sono necessarie. Ad esempio, ti verrà chiesto di scegliere una zona quando crei un'istanza di macchina virtuale di Compute Engine utilizzando gcloud compute instances create test-instance.

Per disattivare i prompt, utilizza l'opzione --quiet.

Non scrivere script in base al testo dei prompt perché il testo può cambiare.

Eliminazione di prompt, scrittura nel terminale e logging

L'opzione --quiet (anche -q) per gcloud CLI disabilita tutti i prompt interattivi durante l'esecuzione dei comandi di gcloud CLI ed è utile per lo script. Se sono necessari input, vengono utilizzati i valori predefiniti. Se non è presente un valore predefinito, viene visualizzato un errore.

Per evitare la stampa dell'output comando nell'output standard e nell'errore standard nel terminale, utilizza l'opzione --no-user-output-enabled.

Per regolare il livello di dettaglio dei log, specifica un livello di dettaglio (debug, informazioni, avviso, errore, critico o nessuno) utilizzando l'opzione --verbosity.

Determinazione della struttura di output

Per impostazione predefinita, quando un comando gcloud CLI restituisce un elenco di risorse, queste ultime vengono stampate nell'output standard. Per produrre un output più significativo, le opzioni format, filter e projection ti consentono di perfezionare l'output.

Per definire solo il formato dell'output, utilizza l'opzione --format per produrre una versione tabulare o suddivisa dell'output (per la visualizzazione interattiva) o una versione leggibile dalla macchina dell'output (json, csv, yaml, value).

Per formattare un elenco di chiavi che selezionano i valori dei dati delle risorse, utilizza projections. Per perfezionare ulteriormente l'output in base ai criteri che hai definito, utilizza filter.

Per acquisire familiarità con le funzionalità di filtro e formattazione, puoi completare un breve tutorial interattivo facendo clic su Apri in Cloud Shell.

Apri in Cloud Shell

Passaggi successivi