Versione 1.13

Guida rapida: crea un cluster GKE con Anthos Service Mesh in Google Cloud Console

Crea un cluster GKE con Anthos Service Mesh in Google Cloud Console

Anthos Service Mesh è l'offerta di mesh di servizi di Google, basata su open source Istio. La funzionalità Anthos Service Mesh nell'interfaccia utente di GKE consente agli utenti di creare facilmente un cluster GKE con Anthos Service Mesh gestito installato. Con Anthos Service Mesh gestito, Google ospita e gestisce il piano di controllo e, facoltativamente, il piano dati per il mesh e gestisce i relativi upgrade, scalabilità e sicurezza in modo compatibile con le versioni precedenti.

Anthos Service Mesh fornisce un modo uniforme per connettere, gestire e proteggere i microservizi. Supporta la gestione dei flussi di traffico tra i servizi, l'applicazione dei criteri di accesso e l'aggregazione dei dati di telemetria, il tutto senza richiedere modifiche al codice dei microservizi. Anthos Service Mesh fornisce inoltre una serie di funzionalità di gestione per semplificare la gestione del ciclo di vita del mesh.

Puoi configurare il controllo dell'accesso di Istio, le regole di routing e altre funzionalità utilizzando un'API Kubernetes personalizzata, tramite kubectl o lo strumento a riga di comando di Istio, che fornisce una convalida aggiuntiva.

Per ulteriori informazioni, vedi Anthos Service Mesh.

Prima di iniziare

  1. Accedi al tuo account Google Cloud. Se non conosci Google Cloud, crea un account per valutare le prestazioni dei nostri prodotti in scenari reali. I nuovi clienti ricevono anche 300 $di crediti gratuiti per l'esecuzione, il test e il deployment dei carichi di lavoro.
  2. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  3. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

  4. Attiva l'API Kubernetes Engine.

    Abilita l'API

  5. Nella pagina del selettore dei progetti in Google Cloud Console, seleziona o crea un progetto Google Cloud.

    Vai al selettore progetti

  6. Assicurati che la fatturazione sia attivata per il tuo progetto Cloud. Scopri come verificare se la fatturazione è abilitata su un progetto.

  7. Attiva l'API Kubernetes Engine.

    Abilita l'API

Creare un cluster GKE con Anthos Service Mesh

  1. Vai alla pagina Google Kubernetes Engine in Google Cloud Console.

    Vai a Google Kubernetes Engine

  2. Fai clic su Crea.

  3. Fai clic su Configura accanto all'opzione che preferisci tra GKE Standard e GKE Autopilot.

Standard

Nella sezione Impostazioni di base del cluster, completa quanto segue:

  1. Inserisci il nome del cluster.
  2. Per l'opzione Tipo di località, seleziona Area geografica e poi l'area geografica desiderata per il cluster.

  3. Nel riquadro di navigazione, in Cluster, fai clic su Funzioni.

  4. Nella sezione Anthos Service Mesh, seleziona la casella accanto ad Abilita Anthos Service Mesh.

    Dopo aver selezionato la casella, viene visualizzata una schermata che descrive in dettaglio i requisiti. I requisiti includono:

    • Al cluster viene aggiunta un'etichetta mesh_id (nel formato mesh_id: proj-669040206528) che identifica il mesh di cui fa parte.

    • Cloud Monitoring sia abilitato sul cluster.

    • Anthos Service Mesh utilizza Cloud Monitoring per fornire telemetria e log automatici.

    • Workload Identity è abilitato sul cluster.

    • Anthos Service Mesh utilizza Workload Identity per fornire l'accesso sicuro alle risorse e alle API di Google richieste.

    • Per proteggere, monitorare e gestire il mesh di servizi, l'API mesh.googleapis.com è abilitata (se non lo è già).

    • Il cluster è registrato nella flotta del progetto, e la funzionalità Anthos Service Mesh Fleet è abilitata.

    • Il piano di controllo gestito è abilitato e configurato in modo da utilizzare una revisione corrispondente al canale GKE installato sul cluster.

  5. Fai clic su Applica modifiche per attivare automaticamente i requisiti.

  6. Fai clic su Crea.

Autopilot

Nella sezione Impostazioni di base del cluster, completa quanto segue:

  1. Inserisci il nome del cluster.
  2. Seleziona l'area geografica che ti interessa per il cluster.

  3. Espandi il menu a discesa della sezione Opzioni avanzate.

  4. Nella sezione Anthos Service Mesh, seleziona la casella accanto ad Abilita Anthos Service Mesh.

    Dopo aver selezionato la casella, viene visualizzata una schermata che descrive in dettaglio i requisiti. I requisiti includono:

    • Al cluster viene aggiunta un'etichetta mesh_id (nel formato mesh_id: proj-669040206528) che identifica il mesh di cui fa parte.

    • Per proteggere, monitorare e gestire il mesh di servizi, l'API mesh.googleapis.com è abilitata (se non lo è già).

    • Il cluster è registrato nella flotta del progetto, e la funzionalità Anthos Service Mesh Fleet è abilitata.

    • Il piano di controllo gestito è abilitato e configurato in modo da utilizzare una revisione corrispondente al canale GKE installato sul cluster.

  5. Fai clic su Applica modifiche per attivare automaticamente i requisiti.

  6. Fai clic su Crea.

Passaggi successivi

L'attivazione di Anthos Service Mesh sul nuovo cluster è solo il primo passaggio. Per sfruttare appieno la funzionalità del mesh di servizi, completa le seguenti attività:

  1. (Obbligatorio) Inserisci proxy sidecar per migliorare la sicurezza, l'affidabilità e l'osservabilità della rete.

  2. (Altamente consigliato) Esegui il deployment dei gateway per gestire il traffico in entrata e in uscita.

  3. (Altamente consigliato) Configurare la sicurezza dei trasporti per proteggere il mesh.

  4. (Facoltativo) Abilita il piano dati gestito per eseguire automaticamente l'upgrade dei proxy.