Scansione automatica degli asset della macchina

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

In questa pagina viene spiegato come puoi consentire al raccoglitore del Centro di migrazione di identificare automaticamente gli asset della macchina nell'infrastruttura con la funzionalità di scansione degli intervalli IP. Se preferisci aggiungere manualmente gli indirizzi IP delle macchine, consulta Aggiungere manualmente gli asset della macchina.

Prima di iniziare

Informazioni sulla ricerca di intervalli IP

La scansione degli intervalli IP ti consente di eseguire la scansione degli indirizzi IP della tua infrastruttura e di aggiungere automaticamente gli asset alle tue credenziali. Il raccoglitore del Centro di migrazione esegue prima il ping di tutti gli indirizzi IP negli intervalli forniti, quindi inizia ad autenticarsi utilizzando le credenziali fornite per WMI per Windows o SSH per Linux.

Il raccoglitore del Centro di migrazione prova quindi ad accedere a ciascun asset in sequenza utilizzando le credenziali fornite. Una volta eseguito l'accesso, ogni asset viene inserito con la prima credenziale riuscita.

Al termine della scansione, il raccoglitore del Centro di migrazione inizia a raccogliere i dati dagli asset che corrispondono correttamente alle credenziali.

Per accedere alla funzionalità di scansione degli intervalli IP, nel raccoglitore del Centro di migrazione, fai clic su Aggiungi asset > Macchina > Intervalli di indirizzi IP di scansione nella parte superiore dello schermo. Per utilizzare questa funzionalità, devi accettare i termini e le condizioni.

Aggiunta di intervalli di indirizzi IP da analizzare

Puoi aggiungere manualmente gli intervalli IP da scansionare o caricarli collettivamente con un file CSV.

Per aggiungere manualmente un intervallo IP, segui questi passaggi:

  1. Nel raccoglitore del Centro di migrazione, fai clic su Aggiungi asset > macchina > intervalli di indirizzi IP di scansione.
  2. Nella pagina Esegui la scansione degli intervalli di indirizzi IP, seleziona Aggiungi intervalli di indirizzi IP > Inserisci intervalli.
  3. Nella sezione Intervalli IP, inserisci gli indirizzi IP iniziali e finali dell'intervallo nei campi forniti. Tieni presente che puoi aggiungere al massimo una subnet /16 o 65.536 indirizzi IP a un singolo intervallo.
  4. Puoi definire intervalli aggiuntivi facendo clic su Aggiungi intervallo IP.
  5. Fai clic su Avvia ricerca IP. Quindi, nella finestra popup, fai clic su Avvia scansione.

Dopo aver inserito gli intervalli di indirizzi IP, questi verranno visualizzati nell'elenco degli intervalli di indirizzi IP. La scansione inizia automaticamente.

Per importare collettivamente un insieme di intervalli IP, segui questi passaggi:

  1. Nel raccoglitore del Centro di migrazione, fai clic su Aggiungi asset > macchina > intervalli di indirizzi IP di scansione.
  2. Nella pagina Scansiona intervalli di indirizzi IP, seleziona Aggiungi intervalli di indirizzi IP > Carica CSV di intervalli.
  3. Fai clic su Scarica modello di intervalli di indirizzi IP e compila il modello CSV con gli intervalli IP che vuoi analizzare.
  4. Al termine, nella sezione Carica, seleziona File di intervallo IP dal menu a discesa e carica il file CSV compilato nel raccoglitore del Centro di migrazione.
  5. Fai clic su Salva e poi nella finestra popup fai clic su Ignora.

Se vuoi importare un elenco di indirizzi IP specifici per i tuoi asset, anziché fare affidamento sulla scansione degli intervalli IP, segui questi passaggi:

  1. Nel raccoglitore del Centro di migrazione, fai clic su Aggiungi asset > macchina > intervalli di indirizzi IP di scansione.
  2. Nella pagina Scansiona intervalli di indirizzi IP, seleziona Aggiungi intervalli di indirizzi IP > Carica CSV di intervalli.
  3. Fai clic su Scarica modello di indirizzi IP e compila il modello CSV con gli intervalli IP che vuoi analizzare.
  4. Al termine, nella sezione Carica, seleziona File di indirizzo IP dal menu a discesa e carica il file CSV compilato nel raccoglitore del Centro di migrazione.
  5. Fai clic su Salva e poi nella finestra popup fai clic su Ignora.

Avviare o interrompere una scansione

Dopo la creazione, tutti gli intervalli IP iniziano automaticamente la scansione. Per trovare gli asset, puoi avviare o interrompere la scansione di singoli intervalli IP o di tutti gli intervalli contemporaneamente. Seleziona uno o più intervalli di indirizzi IP, quindi fai clic su Avvia esecuzione o Interrompi esecuzione nella parte superiore della pagina.

Lo Stato degli intervalli IP passa a Prevista per la raccolta o Interrotto, mentre l'elenco degli intervalli IP mostra il numero di indirizzi IP che sono stati scansionati e altre statistiche sui tuoi asset.

Visualizzazione ed esportazione dei risultati

Per visualizzare i risultati di una scansione per un intervallo di indirizzi IP specifico, seleziona l'intervallo dall'elenco, quindi fai clic su Modifica. Gli indirizzi IP trovati dal raccoglitore del Centro di migrazione vengono visualizzati nella sezione Dettagli scansione.

La sezione Stato scansione mostra le seguenti statistiche sulla scansione.

  • Scansione totale. Il numero di indirizzi IP scansionati.
  • Operazione riuscita. Il numero di indirizzi IP che il raccoglitore del Centro di migrazione è stato in grado di inviare per ping, accedere e aggiungere una credenziale per la raccolta.
  • Autenticazione non riuscita. Il numero di indirizzi IP per cui il raccoglitore del Centro di migrazione è riuscito a eseguire il ping, ma non è stato in grado di accedere con alcun set di credenziali fornito.
  • Duplica. Il numero di indirizzi IP da cui il raccoglitore del Centro di migrazione è stato in grado di eseguire il ping e l'accesso, ma dove il nome host e il dominio dell'asset esistono già in una delle credenziali per la raccolta.

Quando il raccoglitore del centro di migrazione termina la scansione, puoi esportare i risultati in blocco in un file CSV. Seleziona gli intervalli IP da esportare dall'elenco, quindi fai clic su Scarica i risultati per scaricare il rapporto.

Puoi utilizzare le informazioni del report sui risultati per identificare ulteriori credenziali che potresti dover aggiungere. L'errore di identificazione degli asset può essere dovuto a credenziali errate o a regole firewall che bloccano la scansione.

Modificare e rimuovere gli asset

Per modificare le informazioni su una singola risorsa:

  1. Nell'elenco degli asset del gruppo, seleziona l'asset che vuoi modificare, poi fai clic su Modifica asset.
  2. Nella pagina Modifica, modifica il nome, l'indirizzo IP, il tipo di sistema operativo o le credenziali dell'asset.
  3. Fai clic su Salva per confermare le modifiche.

Se non vuoi inviare le informazioni su una risorsa specifica al portale di Google Cloud Migration Center, puoi eliminarla dall'elenco. Per rimuovere uno o più asset dall'elenco, seleziona la casella di controllo e poi fai clic su Elimina asset.

Passaggi successivi