Pattern per l'utilizzo di Active Assist su larga scala

Questo documento è la prima parte di una serie di introduzioni architettoniche che le aziende possono utilizzare per ottimizzare la propria infrastruttura cloud su larga scala utilizzando Active Assist. Questo documento è destinato alle persone con i seguenti ruoli:

  • Architetti aziendali
  • Lead ingegneri
  • Persone che lavorano nel campo della sicurezza e creano automazione per ottimizzare la sicurezza, le prestazioni e la gestibilità del cloud

In questo documento vengono trattati i seguenti argomenti:

  • I vantaggi dell'utilizzo di Active Assist in un'organizzazione.
  • Le sfide che le organizzazioni potrebbero riscontrare quando adottano Active Assist su scala aziendale.
  • Come progettare pipeline di automazione utilizzando Active Assist.

La serie è composta dalle seguenti parti:

Active Assist

Active Assist è un portafoglio di strumenti che utilizzano dati, intelligenza e machine learning per ridurre la complessità del cloud e il lavoro amministrativo, aiutando le aziende a ottimizzare la sicurezza, le prestazioni, la gestibilità e i costi del proprio cloud.

Molte aziende hanno il mandato di garantire che venga applicato il principio di privilegio minimo alle applicazioni e all'infrastruttura dell'azienda. Le aziende vogliono inoltre ridurre al minimo gli sprechi di risorse e massimizzare le prestazioni delle applicazioni aziendali, riducendo al contempo il lavoro e i costi amministrativi. Di conseguenza, i reparti IT spesso devono esaminare lo scrutinio e la pressione per soddisfare questi requisiti in modo rapido e agile. Active Assist offre loro gli strumenti che possono utilizzare per raggiungere questi obiettivi.

Ottimizzazione per le aziende nel cloud

Poiché i carichi di lavoro, l'infrastruttura, le esigenze di sicurezza e i processi sono specifici per ogni azienda, devi adattare le strategie di ottimizzazione del cloud per soddisfare le tue esigenze specifiche.

Nel contesto di questo documento, le strategie di ottimizzazione per il cloud per il tuo impatto ambientale di Google Cloud si concentrano su come utilizzare il portafoglio Active Assist quando pianifichi e progetti le strategie di ottimizzazione.

Definizione di una vision e comprensione dei driver

Per le aziende è importante definire i problemi che vogliono utilizzare per definire il loro approccio all'ottimizzazione del cloud cloud. Di seguito sono riportati i problemi più comuni:

  • Sicurezza
  • Prestazioni
  • Ottimizzazione dei costi
  • Agilità

Obiettivi aziendali

Quando inizi a creare una pipeline di automazione per i suggerimenti di Active Assist, devi iniziare a definire gli obiettivi per la tua azienda e assegnare loro le priorità. Successivamente, puoi mappare queste priorità a una roadmap per implementare e scalare Active Assist nella tua organizzazione Google Cloud.

Ad esempio, un'azienda potrebbe voler usare i suggerimenti di Active Assist per la sicurezza e l'ottimizzazione dei costi. Tuttavia, l'azienda potrebbe scegliere inizialmente di investire nella creazione di una pipeline di automazione per i suggerimenti relativi alla sicurezza generati da Active Assist. In una fase successiva, man mano che l'azienda acquisisce più esperienza nell'utilizzo del portafoglio di Active Assist e maturerà nel suo percorso di automazione, potrebbe automatizzare altri tipi di consigli, ad esempio diritti di VM e Consigliatore VM inattivo.

Progettazione di una strategia

Le aziende devono seguire un processo chiaramente definito su come vogliono esaminare e attuare i consigli generati da Active Assist. Consigliamo un approccio a più fasi che incorpora un livello crescente di automazione per la misurazione. Un approccio iterativo che le aziende possono adottare quando adottano Active Assist nella propria organizzazione Google Cloud è il seguente:

  • Fase 1:
  • Fase due:
    • Usare le API per suggerimenti.
  • Fase tre:
    • Integra la revisione dei suggerimenti nelle pipeline DevOps.

Questo approccio ti consente di incorporare più modalità di automazione nelle pipeline dei consigli di Active Assist.

Fase 1: esamina i consigli di Active Assist nella console

Nella prima fase, esamini i consigli di Active Assist nella console utilizzando l'Hub di suggerimenti. Per esaminare e implementare i consigli, utilizzi un approccio basato sulla console. Questo approccio ti aiuta ad acquisire familiarità con i consigli di Active Assist valutando la loro idoneità. Ti aiuta anche a decidere a quali categorie di consigli dare la priorità. Come mostrato nell'immagine seguente, l'hub dei suggerimenti ti consente di esaminare i suggerimenti per ogni categoria di risorse disponibili, nonché di visualizzare i dettagli pertinenti di ogni risorsa all'interno del gruppo.

Consigli per categoria di risorsa.

I team aziendali possono esportare i suggerimenti in BigQuery. L'esportazione dei suggerimenti in BigQuery consente di esaminare i consigli su larga scala in tutta l'organizzazione. Ti consente inoltre di eseguire query in specifiche aree di interesse per la tua azienda.

Fase 2: utilizzo delle API per suggerimenti

Nella seconda fase, combina l'automazione con revisioni manuali e convalide per implementare i consigli generati da Active Assist. Questo approccio ti aiuta a migliorare. Consente inoltre di ottenere il massimo dai consigli generati dalla piattaforma su larga scala, mantenendo al contempo il controllo sulla modalità di implementazione dei consigli.

Imparerai a realizzare questo approccio nella sezione Utilizzare le pipeline serverless con Active Assist.

Fase 3: suggerimenti sull'integrazione nelle pipeline DevOps

Nella terza fase, introduci la revisione dei suggerimenti nella tua pipeline DevOps. Puoi inserire la gestione e l'analisi dei suggerimenti nella pipeline DevOps, consentendo un processo semplificato per la gestione di risorse e suggerimenti. Questo approccio consente inoltre lo sviluppo di un processo di approvazione che i team potrebbero già utilizzare come parte del processo di integrazione continua e deployment continuo (CI/CD). Questo passaggio si basa più fortemente sull'automazione e sull'analisi basata su codice di consigli rispetto alla fase due.

Poiché questo approccio richiede un investimento iniziale di impegno per sviluppare il framework di automazione, ti consigliamo di non eseguire questa fase finché non disponi di una strategia DevOps consolidata.

Puoi scoprire come funziona questo approccio nel seguente tutorial:

Dopo aver definito una strategia per l'adozione di Active Assist, il passaggio successivo consiste nell'eseguire e implementare un approccio graduale.

Passaggi successivi